Il dovere di fare opposizione che non va giù ai Conte boys di stampa e tv.

Il problema della piazza (del Popolo) del destra-centro? Semplice: ostinarsi a non sostenere il governo giallo-rosso. Insistere su questa pratica “scostumata” chiamata “vigilanza” sull’azione, o meglio, sulla mancata azione dell’esecutivo. Seguitare – invece di lanciare peana alle dirette Facebook di Conte – a voler ascoltare le categorie che del decreto Rilancio hanno visto solo i titoli sui giornali. Stesso discorso sui fantomatici “bazooka” arrivati dall’Europa. Insomma, il problema di Giorgia , Matteo ed Antonio Tajani è che non intendono smettere di voler svolgere il preciso ruolo politico e istituzionale assegnatogli dagli elettori e dallo stesso ordinamento costituzionale: fare l’opposizione.

È questo il “peccato” che commentatori, avversari politici, ex alleati non perdonano ai leader di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia che ieri sono scesi in piazza per la prima volta, dopo tre mesi di lockdown, spinti dalla stragrande maggioranza di italiani che bocciano, come dimostrano tutti gli analisti, le misure del governo riguardo la cosiddetta Fase 2.

È chiaro, siamo sarcastici. Noi. La verità, invece, è che per il “giornale unico” – quel coté di cronisti, analisti, commentatori, del cosiddetto mainstream – l’opinione prevalente, leggendo le ricostruzioni giornalistiche dei media ufficiali, è proprio questa: il “problema” dell’opposizione è che è andata in piazza per contestare il governo. Incredibile, grottesco, orwelliano ma vero: basta scorrere le righe delle cronache per accorgersi di come il tentativo è stato quello di deviare il discorso dalle tesi della piazza – i problemi dei piccoli e medi imprenditori, degli artigiani, degli agricoltori, dei nuovi proletari con la partita Iva alle prese con la “fuffa” partorita da palazzo Chigi – per concentrarsi su dettagli scandalistici ad hoc: le persone che non indossavano la mascherina (tutti i parlamentari e gli organizzatori la indossavano nonostante all’aperto non sia obbligatoria), l’assembramento dei curiosi presenti, tra cui decine di giornalisti e le frasi pittoresche, alcune assolutamente ingiustificabili (subito condannate dai leader in piazza), che in ogni manifestazione non mancano. Parole pronunciate per caso dai leader e dei rappresentanti? No, da parte di gente comune che non rappresenta altro che sé stessa.

Eppure oggi la “notizia” sulla piazza ufficiale che rappresenta più del 50% degli italiani – come dimostrano tutte le società demoscopiche – è stata banalizzata, ridotta a caricatura se non addirittura criminalizzata per il semplice fatto di aver esercitato un diritto-dovere fondamentale come dare voce al malcontento: merce rara, direbbe qualcuno se invece di Conte ci fossero i sovranisti, in tempi di “democratura” giallo-rossa.

Come se non bastasse, al pericoloso e anti-democratico pregiudizio contro l’opposizione si è aggiunta la creazione di una vera e propria “bufala”: l’assimilazione fra il flashmob dei partiti ufficiali e la mini-adunata dei gilet arancioni guidati dall’improbabile capopopolo, ex generale ma anche ex sottosegretario di Ciampi, Pappalardo. Mettere sullo stesso piano, o provare a farlo, le due piazze – una che rappresenta ben undici Regioni e decine di milioni di italiani, l’altra poche centinaia di veterogrillini e complottisti scappati dal blog – è stata davvero un’operazione così sconsiderata e spudorata da qualificare l’entità dell’indipendenza dell’informazione ufficiale in Italia.

Già, invece di chiedersi i motivi politici e sociali per i quali in tanti – nonostante la richiesta di , e Tajani di non recarsi in piazza, con l’invito a sostenere on-line l’appuntamento simbolico in vista della manifestazione del 4 luglio – hanno voluto esserci personalmente. Invece di accendere i riflettori sugli altri protagonisti della rappresentanza (dopo aver accettato “in silenzio” i comizi sudamericani di Conte, con tanto di attacchi maleducati e arroganti del premier nei confronti dei colleghi giornalisti, per non parlare dell’opposizione). Insomma, invece di occuparsi di tutto questo, l’ossessione di certa stampa è stata quella di bacchettare a sua volta i partiti e il popolo del destra-centro. In nome di quella “deformazione”, tipica ormai di questa stagione targata Pd-5 Stelle, per la quale l’unica opposizione buona è l’opposizione “governativa”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,726FansLike
3,563FollowersFollow

Leggi anche

Polizia violenta e Polizia “violentata”: due pesi e due misure

Nell’arco di pochi giorni, abbiamo assistito a 2 episodi saliti alla ribalta nazionale: nel primo, in ordine cronologico, un poliziotto nel vicentino ha arrestato...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Polizia violenta e Polizia “violentata”: due pesi e due misure

Nell’arco di pochi giorni, abbiamo assistito a 2 episodi saliti alla ribalta nazionale: nel primo, in ordine cronologico, un poliziotto nel vicentino ha arrestato...

600 euro, Meloni: Tridico e Conte si dimettano

Sull'audizione del Presidente INPS Tridico, interpellata dai giornalisti a Montecitorio, Giorgia poco ha ha dichiato. "E’ stata Fratelli d’Italia a chiedere l'audizione in Commissione...

Ponte Genova, Meloni: un pensiero alle vittime che aspettano giustizia e gratitudine ai Vigili del Fuoco, Forze dell’Ordine e operatori che hanno fronteggiato emergenza...

"Sono passati due anni dal crollo del Ponte Morandi. Due anni da quella terribile tragedia che ha ferito Genova e tutta l’Italia: quelle immagini...

Coronavirus, Meloni: avviso di garanzia a Conte e ministri. Vediamo coerenza M5S e PD

«️Avviso di garanzia a Conte e a sei ministri per la gestione della crisi Covid. Vediamo ora la coerenza del M5S e del PD....