martedì, Settembre 29, 2020

Il dovere di un’alleanza

E adesso? La logica – come ha notato Ulderico De Laurentiis su queste colonne – dice chiaramente: alleanza sovranista ed identitaria per ottenere una maggioranza schiacciante, sulla carta qualcosa che già adesso vale il 45-46%. Un’intesa generazionale sì ma tutta politica fra Lega e Fratelli d’Italia quindi, con un eventuale ruolo ancora tutto da definire per Giovanni Toti e – anche se in queste condizioni sembra remota come opzione – per ciò che deciderà di “essere” Forza Italia; ma comunque un baricentro tutto appannaggio dei due “quarantenni” che dal marzo del 2018 rappresentano gli interpreti più genuini – e premiati – dello zeitgeist identitario e nazionale che ha proprio in Italia il suo laboratorio più avanzato.

Ne è convinta : «Dalle elezioni può uscire oggi una stagione storica – ha spiegato nelle ore immediatamente successive alla rottura giallo-verde -: un governo autenticamente sovranista, capace di fare gli interessi del popolo italiano. Coeso, forte, capace di durare cinque anni». Già, lo dicono tutte le rilevazioni e lo indicano proprio le caratteristiche fisiologiche descritte dalla leader di : organicità e capacità di decisione come addizione per garantire la durata di un governo realmente operativo per la Nazione.

Lo snodo è chiaro. Certo, governare non è solo un problema di numeri (che comunque in politica restano una questione centrale: il dispositivo che permette la traduzione del consenso in mandato) ma la lezione di quattordici mesi di parentesi giallo-verde è proprio questa: non basta sommare due (legittime) inquietudini per ottenere un «cambiamento» radicale. Il fallimento del contratto di governo segna proprio il (tra)passo di una visione positivista ed anti-realista della prassi in politica: l’idea che il governo della cosa pubblica possa procedere sostanzialmente da un patto parasociale o da un accordo a compartimenti stagni, del tipo «di questo me ne occupo io, quest’altra è faccenda tua».

L’implosione rovinosa della maggioranza Lega-5 Stelle sui dossier più delicati – quelli sviluppisti così come quelli legati al regime fiscale o alla grande questione giudiziaria, per non parlare dei temi eticamente sensibili – testimonia invece come la proposta politica necessita di un’elaborazione ex ante, sedimentata in un programma che intenda proporre una precisa visione di società, interloquendo con attori e blocchi sociali ben definiti per rispondere ad esigenze diffuse e non alle velleità delle minoranze organizzate, molte delle quali paranoiche e rissose.

Anche su questo punto è tornata ad insistere nelle ultime ore : «Noi le alleanze le facciamo prima del voto e non dopo, perché vogliamo essere chiari». Un’esortazione a certo, con quest’ultimo tentato (per il momento a parole) dalla corsa in solitaria, con il rischio di esporre se stesso e l’Italia «ai giochini di Palazzo» che già stanno iniziando a tramare alle sue spalle. Ma è un invito, questo di , che nasce dal riscontro oggettivo giunto in questo anno e mezzo da tutti i territori coinvolti dal voto: dalla più importanti città alle regioni, fino al dato delle Europee, il consenso al destra-centro, con Lega e sugli scudi, è stato trasversale agli orizzonti geografici e all’entità delle sfide. Segno, questo, di un’indicazione popolare specifica, manifestata in tutte le circostanze possibili e che si indirizza a quella vocazione maggioritaria, genuina, che rappresenta il contraltare della restaurazione liturgica della peggiore Prima Repubblica in atto dai tempi del primo Nazareno, di cui il Rosatellum bis è il prodotto naturale.

È l’indicazione del resto che lo stesso – con punte di stupore e di imbarazzo personale – ha registrato pochi giorni fa durante la festa del Carroccio a Cervia, quando i suoi militanti hanno invocato a gran voce la rottura dell’asse con Di Maio e l’alleanza «con la ». È una richiesta che viene “dal basso” dunque, un moto politico che aspetta solamente l’occasione per mettere l’Italia al centro dell’interesse pubblico: perché l’unica proposta sociale può arrivare solo dalla rimessa in moto comunitaria del corpo nazionale. Se il popolo, dunque, ha tutto il diritto di pretendere dai suoi interlocutori adesso questa occasione, è preciso dovere di costoro stringere quest’alleanza.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,834FansLike
3,732FollowersFollow

Leggi anche

Popolare di Bari: abbiamo una banca! (un’altra…)

L’intervento dello Stato nei salvataggi bancari è tornato di gran moda. Ma non esisteva una procedura, definita a livello europeo, chiamata bail-in? sembra che...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Popolare di Bari: abbiamo una banca! (un’altra…)

L’intervento dello Stato nei salvataggi bancari è tornato di gran moda. Ma non esisteva una procedura, definita a livello europeo, chiamata bail-in? sembra che...

Tridico “non mi dimetto e non mi scuso”. Epilogo di un disastro a 5 stelle.

Di Maio prima e Catalfo poi, con le firme del sottosegretario alla presidenza del consiglio Fraccaro, stretto collaboratore del presidente Conte, hanno contribuito al...

Inps, Meloni: Di Maio e Conte chiariscano su aumento atipendio Tridico

Secondo quanto svelato da La Repubblica, il provvedimento che aumenta lo stipendio del Presidente INPS sarebbe stato deciso dal Ministero del Lavoro guidato da...

Militare Morto, Meloni: Visalli è un eroe che Italia non deve dimenticare, il mio pensiero alla sua famiglia

"Una notizia che fa male al cuore. Questa mattina è stato ritrovato il corpo di Aurelio Visalli, sottufficiale della Guardia Costiera di Milazzo, tuffatosi...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x