Il martirio della famiglia Ulma

Il 24 marzo 1944 la polizia tedesca fece irruzione nella fattoria della famiglia Ulma a Markowa, in Polonia. Gli Ulma avevano nascosto nella loro casa otto membri di due famiglie ebree locali per più di un anno e mezzo, un “crimine” punibile con la morte. I gendarmi uccisero prima gli ebrei e poi l'intera famiglia. Prima uccisero i genitori, Józef e Wiktoria, che era incinta e a pochi giorni dal parto, e poi i loro sei figli: Stanisława (8), Barbara (7), Władysław (6), Franciszek (4), Antoni (3) e Maria (2). Il presidente polacco Andrzej Duda ha raccontato nel 2016, durante l'inaugurazione del Museo della Famiglia Ulma a Markowa, il martirio della famiglia utilizzando la testimonianza dei vicini di casa, costretti dai gendarmi ad assistere all'esecuzione: “Uno dei tedeschi disse ai vicini: ‘Guardate. Ecco come vengono macellati i maiali polacchi che aiutano gli ebrei”. Ma dopo aver ucciso i genitori, i gendarmi non sapevano cosa fare con i sei figli di Józef e Wiktoria. Allora il comandante della polizia tedesca disse: “Vi risparmieremo i problemi del villaggio” e li uccise tutti, uno per uno”.

Tali orrori erano una pratica standard nella Polonia occupata e qualsiasi sfida alle autorità tedesche veniva accolta con una risposta brutale. In Polonia, il favoreggiamento dei “nemici dello Stato” era punibile con la morte, mentre nei Paesi occidentali occupati la pena era il carcere. Secondo lo storico Marek Arczyński, “in nessun Paese occupato i nazisti usarono un terrore così repressivo e crudele per aiutare la popolazione ebraica come in Polonia”. Ciononostante, molti polacchi scelsero la resistenza anche a rischio della pena di morte. Le cifre parlano da sole: si stima che 300.000 polacchi abbiano nascosto e aiutato gli ebrei e che più di 6.600 polacchi siano stati insigniti del titolo di “Giusti tra le Nazioni” – Józef e Wiktoria Ulma dal 13 settembre 1995. Purtroppo, i membri della famiglia Ulma non furono le uniche vittime: un migliaio di polacchi, tra cui donne e bambini, furono giustiziati dai tedeschi.

All'inizio, l'aiuto era spontaneo, le persone aiutavano i loro vecchi vicini o accoglievano gli estranei per umanità. Ma nel settembre 1942, lo Stato clandestino polacco istituì un comitato di sostegno agli ebrei, noto come Żegota, che fornì assistenza medica e finanziaria e, in collaborazione con le comunità religiose, emise e distribuì più di 50.000 documenti falsi (battesimi cattolici, carte d', certificati di matrimonio, ecc.) Il lavoro di Żegota fu oscurato dopo la fine della guerra, poiché le nuove autorità comuniste, sostenute dalle baionette dell'Armata Rossa, cercarono di eliminare ogni traccia della resistenza cattolica polacca. Così, figure come la cofondatrice di Żegota, la scrittrice Zofia Kossak-Szczucka, che avrebbero dovuto essere lodate come eroi, furono consegnate all'oblio.

Dopo la caduta del “paradiso socialista”, tutte queste storie sono venute alla luce e i nomi di Józef e Wiktoria Ulma, e quelli di molti altri che hanno rischiato la vita, hanno riacquistato il posto che meritano. Il 10 settembre, la famiglia Ulma, compreso il loro figlio non ancora nato, è stata beatificata a Markowa durante una Messa presieduta dall'inviato di Papa Francesco, il cardinale Marcello Semeraro. Durante la cerimonia, a cui hanno partecipato 30.000 pellegrini, è stato trasmesso in il discorso del Papa in Piazza San Pietro, in cui ha descritto gli Ulma come un “raggio di luce” nel buio della guerra. Dopo la Messa, il Presidente Duda ha ringraziato Papa Francesco per la “straordinaria” beatificazione della famiglia Ulma: “Grazie per aver mostrato la verità storica su quei tempi, sul destino dei polacchi sotto l'occupazione tedesca”.

Tuttavia, nonostante la sua importanza, la beatificazione non è stata priva di controversie. Un anno fa, il governo polacco ha chiesto alla Germania 1,3 miliardi di euro in riparazioni di guerra per i danni causati durante la Seconda Guerra Mondiale. Una richiesta respinta dal governo tedesco, che ritiene che “la questione dei risarcimenti sia stata risolta”. Da allora non ci sono stati cambiamenti, a luglio è stato introdotto un treno che copre la tratta Przemyśl-Berlino decorato con immagini e testi, in polacco e in inglese, che raccontano la storia della famiglia Ulma. L'altra polemica è stata interna, perché le elezioni politiche polacche si terranno a metà ottobre. Per i media di sinistra, la beatificazione è solo un altro elemento della campagna di propaganda elettorale del governo polacco. È chiaro che la sinistra polacca non sa molto delle beatificazioni perché, in questi casi, le date sono stabilite dal Vaticano.

Mentre leggevo la storia della famiglia Ulma, mi sono ricordata dell'omicidio di Ivanka Nowak e del suo bambino non ancora nato. Ivanka Nowak, che è in fase di beatificazione insieme ad altri martiri sloveni, era un'insegnante cattolica che fu condannata a morte dai partigiani comunisti nel 1942. Nonostante fosse al sesto mese di gravidanza, i partigiani la costrinsero a scavarsi la fossa e la strangolarono, ma prima lasciò una lettera scritta che è una commovente testimonianza della sua fede e del suo amore per il figlio non ancora nato. Queste storie sono storie di sacrificio, coraggio e amore. Purtroppo, questi racconti, che dovrebbero essere conosciuti e ricordati, non possono impedire che si continuino a commettere atrocità, tanto che ancora oggi compaiono fosse comuni e risorgono statue di assassini, abbattute quasi 70 anni fa. Ma possono insegnarci che è possibile essere luce quando regna l'oscurità.

Questo articolo è stato redatto da Alvaro Penas in collaborazione con la Fondazione Tre Mari – Fundacja Trójmorza e PZU SA.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x