Il martirio di Mariupol, la città mariana sotto assedio.

Pubblichiamo la traduzione di un articolo di Álvaro Peñas per El Correo de España.

Come nella maggior parte delle guerre, gli occhi dei media sono puntati sul centro del potere politico, in questo caso Kyiv, la capitale ucraina, che l’esercito russo ha cercato senza successo di accerchiare. Ma c’è una città nell’Ucraina orientale la cui importanza strategica l’ha resa il teatro più brutale di questa guerra: Mariupol. Si trova tra le due “repubbliche popolari”, controllate dai separatisti filorussi, e la penisola di Crimea, occupata e incorporata alla Russia nel 2014. Per questo motivo, la conquista di Mariupol darebbe ai russi un corridoio di terra tra i due territori e il controllo degli sbocchi sul Mar d’Azov.

Mariupol fu fondata nel 1778 come Pavlovsk intorno a un ex campo cosacco e ricevette, un paio di anni dopo, una grande popolazione greca reinsediata dalla Crimea. La città fu rinominata Mariupol nel 1779, la città di Maria, dopo Maria Fyodorovna che era la seconda moglie del principe ereditario Pavel Petrovich, il figlio di Pietro III e Caterina la Grande.

Come molte altre città, Mariupol fu rinominata nel periodo sovietico e fu ribattezzata Zhdanov nel 1948, riferimento ad Andrey Aleksandrovich Zhdanov, un fervente stalinista e fondatore del Cominform, il ramo internazionale della propaganda sovietica. Mariupol non riacquistò il suo nome fino al 1989. La città ha anche un forte significato religioso a causa dell’icona di Nostra Signora di Mariupol nella chiesa della Santa Trinità, che mostra Maria che tiene il Bambino in braccio e indica il Bambino come la Via da seguire. Secondo la leggenda, un pastore di Crimea, probabilmente un cristiano greco, trovò l’icona su una roccia e vi costruì una piccola cappella. L’icona fu nascosta per evitare che cadesse in mani musulmane e sarebbe stata salvata durante la fondazione della città.

Nel 2014, con l’annessione della Crimea e lo scoppio del conflitto separatista nel Donbass, Mariupol è diventata un teatro di guerra quando i separatisti filorussi hanno cercato di prendere la città ma sono stati sconfitti dagli ucraini (nel museo dell’esercito di Kiev c’è una vetrina che commemora la vittoria ucraina in quella città da parte dei volontari di Azov). Otto anni dopo, i russi assediarono la città e gli ucraini la difesero di nuovo. L’importanza di Mariupol si riflette nella presenza di unità d’élite dell’esercito ucraino come la 36a Brigata dei Marines e il Reggimento Operazioni Speciali Azov della Guardia Nazionale. Infatti, domenica scorsa, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha conferito il titolo di Eroe dell’Ucraina “per la difesa di Mariupol” ai comandanti delle due unità, il maggiore Denys Prokopenko e il colonnello Volodymyr Baraniuk.

La feroce resistenza ucraina ha finora trattenuto l’avanzata corazzata russa, ma non è stata in grado di impedire il continuo bombardamento della città con missili, aerei e artiglieria, che, secondo fonti ucraine, hanno distrutto l’80% degli edifici della città. Mariupol è stata colpita molto duramente e il quadro contraddice la narrazione del Cremlino di un’operazione mirata. Pensare che i bombardamenti russi, come ripete la propaganda russa, contro edifici civili siano dovuti alla presenza di una caserma Azov, che sembra avere più caserme che soldati, è semplicemente assurdo.

Prima dell’invasione, Mariupol aveva circa 430.000 abitanti. Secondo il suo vice sindaco, Serhiy Orlov, circa 100.000 persone hanno lasciato la città all’inizio della guerra. Quando la città è stata accerchiata dall’esercito russo, sono stati negoziati corridoi umanitari, ma hanno permesso solo a circa 30.000 civili di andarsene. I corridoi umanitari sono falliti tra le accuse di entrambe le parti di violazioni del cessate il fuoco, lasciando decine di migliaia di civili intrappolati in città. È già successo prima, a Grozny (Cecenia) e Aleppo (Siria), e, come ha notato il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian, è il modus operandi del governo di Putin: “Bombardamenti, proposta di corridoi umanitari, denuncia della rottura del corridoio a seguito di una provocazione dello stesso delimitatore del corridoio, tentativo di colloqui e negoziati per condannare meglio l’avversario che abbandona i negoziati perché è costretto a farlo, bombardamenti di nuovo e tutto ricomincia da capo”. In realtà, il generale che guida l’assedio è Mikhail Mizintsev, che era al comando durante l’intervento russo in Siria.

Alcuni analisti sottolineano che questa strategia russa ha avuto origine nella guerra cecena, la cosiddetta “dottrina di Grozny”. Secondo Richard Weitz, direttore del Centro di analisi politico-militare dell’Hudson Institute: “È una strategia che consiste in un bombardamento pesante che cerca di distruggere il più possibile, di provocare più danni che le bombe possono raggiungere, di terrorizzare la popolazione civile, di costringerla a cercare di fuggire, e poi di attaccare qualsiasi forza nemica rimasta sul terreno”. Mariupol sta per diventare una nuova Grozny e l’assedio della città, che impedisce all’acqua e al cibo di raggiungerla, sta causando una catastrofe umanitaria senza precedenti.

Il sacerdote polacco Paweł Tomaszewski, che ha potuto lasciare la città, ha presentato alla Radio Vaticana un quadro desolante di Mariupol: “La gente muore quando esce dalle cantine in cerca di acqua. Uscire per le strade equivale a un suicidio. Non c’è stato un quartiere della città dove non siano caduti missili, dove non ci siano stati danni, non ci sia stata distruzione di isolati e di edifici. Distruggono la città con intento diabolico, la radono al suolo. Spesso, per andare più lontano, bisogna districarsi tra le montagne di cadaveri distesi. Non c’è niente, né acqua, né cibo. Non ci sono più negozi, quindi non si può comprare nulla. A volte ci sono carri con cisterne o serbatoi d’acqua, ma non ce ne sono molti. Non c’è nemmeno l’acqua del rubinetto che comunque non è adatta a essere bevuta. Il cibo sta finendo e la sparatoria continua. La gente cerca di farcela, ma la maggior parte di loro non ha provviste. E anche se mettono da parte del cibo in anticipo, non possono prepararlo perché non c’è gas. Alcuni cercano addirittura nella spazzatura”.

Nuestra Señora de Czestochowa.jpg
Автор: missing, Общественное достояние, Ссылка

Questa situazione è stata denunciata anche in un articolo di Mstislav Chernov e Evgeniy Maloletka di Associated Press. Sono gli unici giornalisti della stampa internazionale ancora presenti a Mariupol. Secondo le loro informazioni, le autorità locali avevano contato 2.500 civili uccisi il 16 marzo, una cifra che non teneva conto di molti dei morti che non potevano essere contati a causa dei bombardamenti e che può solo aumentare. Attraverso numerose fotografie, i giornalisti hanno documentato i morti, i feriti, le fosse comuni e l’inferno che i russi hanno scatenato sulla città che intendono liberare.

Il ministero della Difesa russo ha pubblicato lunedì scorso le cifre delle vittime in Ucraina: 9.861 morti e 16.153 feriti, equivalenti a più di mille vittime al giorno e circa il 20 per cento della forza di invasione iniziale (numeri che al Cremlino non devono essere piaciuti e che ieri sono stati cancellati come “manipolazione”). Queste cifre spiegano da sole lo stallo russo e anche l’ultimatum di resa alla città di Mariupol di due giorni fa, in cui i difensori sono stati minacciati di essere processati dai tribunali popolari della repubblica di Donetsk se non avessero accettato l’offerta. Gli ucraini hanno prevedibilmente rifiutato l’ultimatum. “I nostri soldati combatteranno fino all’ultimo proiettile. Ma la gente sta morendo per mancanza di cibo e acqua. Ho il sospetto che nei prossimi giorni ci saranno centinaia di morti, se non migliaia”, ha detto il vicesindaco Orlov una settimana fa. A meno che il cibo non sia facilitato o che un corridoio umanitario sia reso possibile con una qualche mediazione internazionale, il peggio del martirio di Mariupol deve ancora venire.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

  1. Putin sta’ solo perdendo tempo per occupare Kiev, così facendo da’ la possibilità’ al bidè’ americano e agli schiavetti europei ha dare voce e forza al comico ucraino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,357FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati