“Il messaggio deve essere molto chiaro: non accettiamo ingressi illegali”: Intervista a Fabrice Leggeri

È un mistero perché tanti membri di queste ONG, che sono europei, odino così tanto la civiltà europea.

Pubblichiamo l'intervista a cura di Álvaro Peñas, tradotta in italiano, pubblicato su The European Conservative

Laureato in Storia e Storia contemporanea all'Università di Parigi, Fabrice Leggeri è un alto funzionario francese, politico e diplomatico che ha trascorso gran parte della sua carriera al Ministero dell'Interno, ricoprendo il ruolo di sottoprefetto nelle regioni francesi dell'Alta Normandia e di Châteaulin. Tra il 2013 e il 2014 ha diretto la divisione per la lotta all' irregolare del Ministero dell'Interno francese ed è stato direttore dell'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera dell'Unione europea (Frontex) tra il 2015 e il 2022, quando si è dimesso dopo tre anni di continui scontri con la Commissione europea. Fabrice Leggeri è il candidato numero tre del Rassemblement National alle prossime elezioni europee.

Quali sono stati i motivi che l'hanno spinta a lasciare Frontex?

Ho lasciato nell'aprile 2022 perché le autorità francesi mi hanno chiesto di dimettermi poiché, dal febbraio 2022, l'OLAF (Ufficio europeo per la lotta antifrode) aveva raccomandato una “procedura disciplinare contro di me” e perché non volevano confrontarsi con la Von der Leyen e il commissario Yohansson. Il messaggio che ho ricevuto è stato che “nessuno in Francia voleva salvare il soldato Leggeri”.

Quando Ylva Yohansson è stata nominata commissario agli Affari interni alla fine del 2019, ho visto chiaramente la differenza con il suo predecessore, il greco Dimitris Avramopouluos, e anche la differenza tra la commissione di Juncker e quella di von der Leyen. Yohansson è una socialdemocratica svedese che, a mio avviso, è una radicale di sinistra. La prima volta che l'ho incontrata, nell'ottobre 2019, Frontex si stava preparando a dotarsi di armi leggere e di uniformi, come richiesto dai legislatori europei. Quando le ho spiegato che avevamo bisogno di più tempo per raggiungere il nostro obiettivo a causa dei problemi legali riguardanti le armi e le uniformi, mi ha interrotto dicendo: “Non preoccuparti. Non avete bisogno di armi e uniformi perché i vengono in cerca di amore. L'Europa è un continente che invecchia, quindi, che vi piaccia o no, è vostro compito accogliere i migranti”.

Quali sono stati i suoi pensieri in quel momento?

Mi sono reso conto che la situazione poteva solo peggiorare e dell'enorme divario politico che mi separava dalla Commissione; il mio concetto di missione era quello di istituire un'autorità preposta all'applicazione della legge per aiutare le autorità degli Stati nazionali a proteggere i loro confini, non di essere una o un'agenzia umanitaria.

E in effetti la situazione è peggiorata nel 2020, nel contesto di Covid, a seguito delle tensioni al confine tra Grecia e Turchia. Erdogan ha inviato migliaia di migranti verso l'Europa e Frontex è stata dispiegata per assistere le autorità greche. Nelle settimane e nei mesi successivi ci sono stati molti scontri con le guardie costiere turche e persino sparatorie sul confine terrestre da parte turca, e la risposta di Bruxelles è sempre stata politicamente corretta, ma senza offrire un vero sostegno politico. Allo stesso tempo, cresceva la presenza di ONG che denunciavano quotidianamente, come il Commissario Yohansson, il respingimento dei migranti. In ottobre, il quotidiano tedesco “Der Spiegel” ha pubblicato diversi , a mio avviso falsi, forniti dalla guardia costiera turca. Si trattava presumibilmente di un di giornalismo investigativo, ma in realtà, se si osserva attentamente la situazione, lo scenario era fornito dalla Open Society di George Soros. Da quel momento in poi sono stato sottoposto a continui attacchi mediatici e politici fino alle mie dimissioni, e non credo che si aspettassero che potessi resistere così tanto.

È da qui che partono le indagini contro di voi?

Sì, il 10 novembre il Consiglio di amministrazione ha avviato un'indagine e nel febbraio 2021 ha stabilito che non c'erano prove per le accuse contro Frontex, pur rilevando la necessità di migliorare il flusso di informazioni. Allo stesso tempo, l'11 novembre l'OLAF ha avviato un'indagine e tre settimane dopo si è recato nel mio ufficio per raccogliere tutte le informazioni relative ai miei sei anni a capo dell'Agenzia per “violazioni dei diritti fondamentali dei migranti” e “respingimenti”. Questo non rientra nelle competenze dell'OLAF, quindi hanno aggiunto “comportamento scorretto e cattiva gestione”. Anche il Parlamento europeo si è unito all'indagine all'inizio del 2021 e la sua conclusione, a luglio, è stata esattamente identica a quella del Consiglio di amministrazione. Tuttavia, la dichiarazione finale era piena di politici sulla “violazione dei diritti”, sulla “cattiva educazione” o sulla “mancanza di disponibilità di risorse per l'ufficio dei diritti fondamentali”. Un mucchio di bugie, considerando che ho aumentato di cinque volte il budget dell'Ufficio per i diritti fondamentali, ma la cosa importante è che, ancora una volta, non c'erano prove delle accuse contro Frontex.

Cosa è successo con l'indagine dell'OLAF?

L'OLAF ha proseguito le indagini facendo pressione su di me e su diversi membri del mio staff. Per darvi un'idea, sono stato ascoltato dagli investigatori il 21 luglio dalle 9 alle 3 del mattino; mi hanno proposto di continuare il giorno successivo, ma ho risposto che mi piaceva finire il lavoro una volta iniziato. L'OLAF ha pubblicato il suo primo rapporto nel febbraio 2022, spiegando di avere così tante informazioni da dover dividere l'indagine in tre parti e chiedendo l'apertura di un “fascicolo disciplinare” nei miei confronti. I socialisti, la sinistra e i verdi hanno vinto le elezioni in Germania e hanno ritirato il loro sostegno a me, così come il governo francese, e anche la Commissione voleva cacciarmi. Questo ha portato alle mie dimissioni da Frontex.

Si tratta di un caso particolare, la crisi al confine con la Bielorussia. Che ruolo ha svolto Frontex in questo caso?

Non abbiamo schierato Frontex in Polonia, ma abbiamo schierato Frontex in Lituania. Oltre ai nostri agenti, sono stati inviati anche degli osservatori dei diritti fondamentali, che fanno parte di Frontex, ma agiscono in modo indipendente. Questi osservatori hanno raccomandato di trasferire tutti i migranti al confine in Lituania e in Polonia; li ho ringraziati per la loro raccomandazione, ma ho detto loro che non l'avrei fatto. Poi si sono lamentati che le misure adottate dal governo lituano non erano compatibili con i trattati e i “valori” europei perché impedivano ai migranti di attraversare il confine tra i valichi di frontiera, cosa espressamente vietata da Schengen, e sono andati a lamentarsi con i media. Gli osservatori si sono comportati come attivisti politici di una ONG. Dopo aver visto cosa era successo in Lituania, ho parlato con il governo polacco, che non voleva ONG al confine, per non chiedere il supporto di Frontex.  

Lei era al confine polacco, che impressione ha avuto?

Sì, non ho informato prima la Commissione e ho visitato il confine con le autorità polacche. Ho visto il buon lavoro che stavano facendo lì, con le recinzioni, i soldati e tutto ciò che è necessario per difendere un confine. In seguito, ho rilasciato diverse in cui ho sottolineato che ero impressionato dal buon lavoro svolto dai polacchi e che non avevano bisogno di Frontex perché erano autosufficienti. La Commissione si arrabbiò molto e Yohansson voleva dispiegare Frontex in Polonia, ma io risposi negativamente. Le immagini della polizia antisommossa, degli scontri e dell'uso di gas lacrimogeni dimostravano che si trattava di una situazione eccezionale che esulava dal ruolo di Frontex e, inoltre, ho sottolineato la mia preoccupazione per la violazione dei diritti fondamentali che, in linea con l'articolo 46 del regolamento di Frontex, precludeva l'avvio di un'operazione in loco. Non c'è bisogno di dire che questo ha frustrato molto la Commissione e le ONG.

La mentalità benevola di Yohansson è condivisa da molti politici, ma c'è anche un'enorme quantità di denaro in tutto ciò che riguarda l'immigrazione. Secondo lei, cosa c'è dietro questo buonismo?  

In realtà, nelle ONG ci sono persone che vogliono onestamente aiutare, idealisti ingenui che non si rendono conto di aiutare attività criminali; altri semplicemente odiano l'Occidente e vogliono riempire l'Europa di persone provenienti da tutto il mondo; e poi ci sono quelli che in Francia chiamiamo islamisti di sinistra che vogliono portare grandi masse di popolazione musulmana in Europa. È un mistero perché tanti membri di queste ONG, che sono europei, odino così tanto la civiltà europea. Non riesco a capirlo.

È anche chiaro che c'è un'enorme quantità di denaro in gioco. Le reti criminali stabilite in Nord Africa hanno persone in Europa e, di fatto, le attività delle ONG aiutano queste reti criminali. Nel 2017, il ministro dell'Interno italiano, Marco Minniti, ci ha chiesto di aiutare a identificare i legami tra alcune ONG e i trafficanti di esseri umani in Libia. Utilizzando gli aerei di Frontex, abbiamo trovato schemi che abbiamo condiviso con le autorità italiane e che hanno portato a diversi arresti. Siamo riusciti a documentare l'esistenza di un coordinamento tra alcune ONG e i trafficanti. Queste ONG annunciavano dove e quando sarebbero state in un determinato luogo e queste informazioni venivano condivise con i trafficanti. Questo è il loro modus operandi.

Lei è entrato in politica e si è candidato alle elezioni europee con il Rassemblement National. Perché ha fatto questo passo?

Perché ho assistito a ciò che ha fatto la Commissione, con Yohansson e con Von der Leyen. Se fossi tornato alla mia vecchia funzione pubblica, mi era chiaro che avrei dovuto tacere e obbedire. D'altra parte, se volevo lottare, rafforzare i nostri confini, aprire gli occhi dei cittadini e anche dei nostri governi, dovevo entrare in politica. Ho anche preso in considerazione l'idea di iniziare un nuovo percorso, di fare qualcosa di completamente diverso e di fondare una mia azienda, ma ho servito l'interesse pubblico per tutta la vita, ho visto molte cose e posso aiutare i partiti politici a lottare per la giustizia, per i nostri cittadini, le nostre società e le nostre nazioni. Così ho deciso di entrare in politica.

Nel 2022 ho iniziato ad avere incontri con il Rassemblement National. Marine Le Pen e Jordan Bardella volevano capire cosa mi fosse successo ed erano consapevoli che mi avevano attaccato politicamente e sui media perché volevo svolgere la mia missione con Frontex e proteggere le frontiere. Mi hanno quindi chiesto di aiutarli a capire cosa stesse succedendo e abbiamo stabilito una collaborazione che alla fine mi ha portato alle liste europee.

Lei conosce il ventre della bestia, quello che succede a Bruxelles, e questo è importante perché per molte persone quello che succede alla Commissione è incomprensibile.

Le Pen e Bardella mi hanno detto che quello che avevo detto loro era così grave e così cattivo che non potevano nemmeno immaginarlo. Quando si è fuori, quando non si è all'interno del sistema, non si può nemmeno immaginare quello che succede all'interno, ed è per questo che la politica è il modo per continuare la mia missione, per continuare a servire l'interesse pubblico per la Francia e per gli altri Paesi europei. Indirettamente, i cittadini di altri Paesi europei che sono preoccupati per l'immigrazione, le ONG, la Commissione, le frontiere aperte, la perdita di o addirittura la sostituzione della popolazione europea, possono beneficiare della mia presenza al Parlamento europeo.

Come dovrebbe affrontare l'Europa il problema dell'immigrazione clandestina?

Dobbiamo eliminare la politica del controllo delle frontiere. Dobbiamo combattere la falsa narrativa diffusa dalle ONG e dalla Commissione, che afferma che è impossibile controllare le frontiere e cerca di convincere la gente che è immorale respingere persone povere che vogliono solo una vita migliore. Alcuni si bevono questa narrazione e altri accettano che un certo numero di migranti debba essere lasciato passare, ma il problema è che il flusso non si ferma e aumenta. L'idea, difesa anche dal nuovo direttore di Frontex, è che non ci siano fiumi o mari in grado di arginare la marea migratoria, che le frontiere siano inutili e che tutto ciò che si possa fare sia contare il numero di migranti e cercare di registrarli.

Come ho sempre sostenuto, è legale difendere il confine. È anche possibile intercettare le imbarcazioni in mare, stabilire se un clandestino è minorenne o meno, espellere chi non ha i requisiti per l'asilo, e così via. Se si esamina il patto sulla migrazione, l'accordo presuppone che nulla impedisca ai migranti di arrivare fisicamente in Europa, di chiedere asilo e di essere distribuiti tra i diversi Paesi europei. In altre parole, la prima parte del viaggio è organizzata dalle mafie del traffico di esseri umani; la seconda parte dalle ONG per attraversare il mare; e la terza parte dagli Stati che dovranno collocare i migranti nelle loro città.

La mia opinione, che è anche l'opinione di Rassemblement National, e la mia conclusione personale come ex direttore di Frontex, è che invece del patto migratorio, dovrebbe essere attuata una norma a livello UE in modo che le persone che vogliono richiedere asilo possano farlo presso il consolato dei Paesi dell'UE nei Paesi terzi, non in Europa. Anche aprendo la possibilità di istituire centri per richiedenti asilo in quei Paesi, ai quali possano partecipare rappresentanti di Frontex e degli Stati membri. Se la persona non è un rifugiato, non può venire. Allo stesso modo, chi viene intercettato in mare dovrebbe essere riportato nel Paese di partenza e lì dovrebbe presentare domanda di asilo. Il messaggio deve essere molto chiaro: non accettiamo ingressi illegali. 

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x