“Il multiculturalismo ha portato alla segregazione e per me è il razzismo più raffinato”: Intervista con Hanan Serroukh

Abbiamo tolto i crocifissi dalle aule, ma abbiamo introdotto l'Islam

Riportiamo l'intervista a cura di Álvaro Peñas, tradotta in italiano, pubblicata su The European Conservative

Hanan Serroukh è un'educatrice sociale e coordinatrice dell'area di studi islamici del GEES (Grupo de Estudios Estratégicos, un think tank che collabora con le forze di sicurezza dello Stato). Serroukh ha appena pubblicato Coraje: El precio de la libertad (Il coraggio: il prezzo della libertà), un'opera autobiografica che analizza come l'islamismo e i suoi leader siano penetrati nelle strutture della società spagnola.

Perché ha scritto questo libro?

Volevo segnare un punto di svolta nella mia vita e raccontare ciò che ho vissuto in prima persona. Il libro ripercorre la mia traiettoria di vita e il modo in cui ho affrontato e mi sono posizionato di fronte a diverse sfide: da quelle che ho vissuto, a livello sociale, a quelle poste dalla strutturazione di una società che sta subendo la catastrofe del multiculturalismo e il veto al dibattito su ciò che abbiamo attualmente e su ciò che vogliamo essere.

Il libro contiene due letture. Attraverso le domande di mia figlia, mi rivolgo ai giovani per raccontare la mia storia: da adolescente, come sono passata dal fuggire da un matrimonio forzato e finire nella povertà più assoluta, al parlare faccia a faccia con il presidente del governo catalano. E, allo stesso tempo, in una Spagna che non aveva alcuna percezione del pericolo dell'islamismo, ho preso posizione contro questa ideologia con tutte le conseguenze che ciò comporta: dal ripudio al dover costruire la mia .

Il primo punto di svolta della sua storia inizia con il matrimonio forzato?

Sì, è un momento di rottura con la mia vita precedente. Era una vita normale, completa, come quella di qualsiasi ragazza spagnola, una vita in cui non c'era il separatismo islamico e in cui, come figlia di immigrati nati qui, vivevo in una società solida nei suoi principi e forte nella sua identità comunitaria. Ma la comparsa dell'islamismo ha messo fine a tutto questo e ha spezzato questa convivenza. Mia madre, dopo essere rimasta vedova, ha sposato un salafita, uno dei primi arrivati in Spagna, e io ho subito questa rottura in casa mia. La comunità marocchina immigrata negli anni '60 e '70 voleva svilupparsi come professionista e progredire, ma l'islamismo trasforma questo desiderio in un'idea di conquista attraverso la manipolazione e incoraggia la separazione.

È qualcosa di simile a quello che è successo in Francia, con la differenza tra la prima generazione di immigrati e quelle successive?

Sì, è quello che è successo. Gli islamisti, perseguitati e respinti nei Paesi d'origine, hanno visto un'opportunità per diffondere ed espandere la loro ideologia. Il risultato è quello che abbiamo oggi in tutta Europa.

Quando si parla di matrimoni forzati, molti pensano che avvenga solo in Afghanistan o in Paesi simili, ma, come nel suo caso, avviene anche in Europa.

È vero. Ho vissuto in Catalogna, in Spagna. Sono nato a Barcellona, nel 1974, e questo accade qui e in altre parti d'Europa da molto tempo. Sono riuscito a scappare perché il ghetto e la pressione sulla comunità non erano così forti come adesso. Ora, nel 2024, c'è molto più controllo e c'è anche molto più ripudio non solo da parte della famiglia e della comunità musulmana, ma anche da parte delle lobby occidentali e delle a favore del multiculturalismo, che attaccano chiunque denunci questa situazione. Mi viene da ridere quando vengo etichettato come “islamofobo” o “razzista”, mentre espongo la realtà della violenza subita da migliaia di giovani in Europa a causa della crudeltà che l'islamismo infligge alla società. Questo è ciò contro cui ci battiamo.

Con chi volevano farla sposare?

Volevano farmi sposare con una persona vicina all'islamista che ha sposato mia madre, per regolarizzare il suo status. Questo succede spesso. Purtroppo le donne che non riescono a fuggire sono generalmente maltrattate. Alcune credono di dover pagare il prezzo dell'accettazione di questo matrimonio per l'onore della famiglia o per rispetto della comunità, pensando che dopo potranno separarsi; la realtà non è così, e allora arrivano gli abusi e le violenze.

I matrimoni forzati sono una realtà in Catalogna?

Certo, continuano a verificarsi e purtroppo questa realtà viene ignorata. Le autorità catalane riconoscono che gli interlocutori della comunità musulmana mostrano un volto amichevole, ma hanno il pugno di ferro nell'imporre i codici islamici nei loro quartieri. Lo sanno, ma non si agisce perché non c'è la volontà . Questo si riflette quando i leader salafiti sono stati espulsi, e vediamo quanto sia difficile portare a termine queste espulsioni. E questo nonostante si tratti di islamisti che limitano le libertà delle persone o impediscono la visibilità delle ragazze imponendo lo hijab e la maglia nera. Tuttavia, chi subisce o ha subito queste violenze viene ignorato e il dibattito non è ammesso nelle istituzioni: Chi incoraggia i matrimoni forzati? Perché subiamo questo flagello in Spagna nel 2024, mentre siamo inorriditi quando accade in Iran o in Afghanistan? Perché parlarne è un tabù?

Potrebbe essere un altro esempio della mentalità anti-occidentale che si arrende a tutto ciò che è straniero. Negli ultimi anni, ha notato una maggiore consapevolezza sociale su questo tema, o siamo ancora ciechi di fronte ad esso?

Purtroppo è ancora un tabù. Con il mio libro cerco di sensibilizzare e far nascere un dibattito, perché è un tabù parlarne, perché viene letto in modo distorto ed estremo, e perché è fonte di gravi problemi, come la separazione e l' di interi quartieri. L'amministrazione non fa nulla per impedirlo e finisce per riconoscere e dare autorità ai leader islamisti che hanno trasformato questi quartieri in ghetti. È urgente affrontare la questione in modo responsabile prima che, in luoghi come la Catalogna, si arrivi a un punto di non ritorno e a uno scontro tra democrazia e islamismo.

Lei parla di arrivare a un confronto. Come vede la situazione in Catalogna?

Ho visto come qualcosa che pensavo fosse lontano o addirittura esotico (come nel mio caso) sia diventato comune. Abbiamo normalizzato il fatto di vedere una donna che cammina consapevolmente dietro agli uomini, o di vedere ragazze che indossano l'hijab. Questa è la conseguenza della penetrazione dell'islamismo in tutti gli strati, dalle classi sociali più vulnerabili alle istituzioni politiche e accademiche. Non c'è nulla di casuale, e si tratta di un fenomeno in atto da anni e anni. Abbiamo tolto i crocifissi dalle aule scolastiche, ma abbiamo introdotto l', e questo è dovuto all'opera di infiltrazione dell'islamismo.

Un islamismo molto ben finanziato da diversi Paesi.

Sì, ma non è più solo questo. Gli islamisti hanno le loro lobby in Europa, strutturate e sviluppate qui, con finanziamenti da parte delle istituzioni europee. Il denaro non viene più solo dall'esterno. L'ingegneria dell'islamismo dagli anni '70 ad oggi ha avuto molto successo e si è insinuata nelle istituzioni europee.

Il multiculturalismo ha generato segregazione. Per me è il razzismo più raffinato, perché separa le persone in base alla loro origine, e questa segregazione genera fratture che l'islamismo ha saputo sfruttare. Gli islamisti si sono presentati come la soluzione e l'interlocutore per i politici miopi, offrendo il voto in cambio di vantaggi. Nel corso del tempo, questo voto si evolve da semplice elemento folcloristico ad avere un proprio peso e una propria identità, fino a costituire un proprio partito.

Come è successo ai Verdi nel Regno Unito, che sembrano un partito musulmano.

È un partito musulmano. Non capisco perché le femministe non reagiscano a quanto sta accadendo, perché dove sono le donne? Questo femminismo non mi rappresenta, ma la questione delle donne è un termometro dell'evoluzione dell'islamismo in termini di ruoli che occupa. Non si tratta più del diritto di indossare l'hijab. Si tratta, in quartieri sempre più dimenticati, del diritto di non indossare l'hijab. Si tratta del diritto delle ragazze di avere la propria immagine o di studiare senza dover andare nelle madrase, perché gli islamisti ritengono che possano studiare solo se prima vanno nelle madrase.

Quello che è successo nel Regno Unito è ciò che si prospetta per l'Europa?

Penso che la realtà della Francia diventerà più acuta e più diffusa, e sarà la realtà dell'Europa. Ed è già la realtà in Catalogna. L'islamismo è un'opzione che alcuni non affrontano per paura, codardia e mancanza di lealtà verso il proprio Paese, altri perché sono complici. Non si tratta di rifiutare una religione; l'islamismo, la sua violenza e la sua volontà di conquista devono essere rifiutati e affrontati.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x