venerdì, Settembre 25, 2020

Il ai : la chiamata del Signore sazia la vita, non siate sordi

Promessa e rischio: sono i due aspetti che Francesco ha scelto di sottolineare nel messaggio per la 56ma Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni, in programma per il 12 maggio. Il messaggio del Pontefice è ispirato alla famosa scena evangelica della chiamata dei primi discepoli – Simone, Andrea, Giacomo e Giovanni – sul lago di Galilea.

Così come le due coppie di fratelli pescatori sfidavano i venti contrari e le acque agitate, anche per non ottenere sempre una pesca abbondante, così ognuno di noi nella vita quotidiana “si misura con i desideri che porta nel cuore, si impegna in attività che spera possano essere fruttuose, procede nel mare di molte possibilità in cerca della rotta giusta che possa appagare la sua sete di felicità”. A stravolgere la vita dei primi apostoli è l’incontro con Gesù. Lo stesso incontro, sottolinea Bergoglio, che si può fare “con la persona con cui abbiamo scelto di condividere la vita nel matrimonio o quando abbiamo sentito il fascino della vita consacrata”. Ed è in quell’incontro che si realizza la promessa di una gioia, dice il , capace di “saziare la vita”.

Un incontro, quello tra il Signore e gli apostoli pescatori, che ha spezzato la paralisi della loro normalità e che conteneva la forza di una chiamata e il cuore di una promessa. Perché, dice il , “la chiamata del Signore non è un’ingerenza di Dio nella nostra libertà; non è una “gabbia” o un peso che ci viene caricato addosso. È l’iniziativa amorevole con cui Dio ci viene incontro e ci invita ad entrare in un progetto grande. Il Signore non vuole che ci rassegniamo a vivere alla giornata pensando che, in fondo, non c’è nulla per cui valga la pena di impegnarsi con passione e spegnendo l’inquietudine interiore di cercare nuove rotte per il nostro navigare”.

Il rischio è l’altra faccia della medaglia della promessa perché accogliere la chiamata del Signore vuole dire fare una scelta. “Quando siamo posti dinanzi al vasto mare della vocazione”, prosegue Francesco continuando nel suo riferimento al brano dell’evangelista Marco, “non possiamo restare a riparare le nostre reti, sulla barca che ci dà sicurezza, ma dobbiamo fidarci della promessa del Signore”. Una vocazione che, ricorda il Pontefice, si declina in molti aspetti della vita cristiana: nella “scelta di sposarsi in Cristo”, nel mondo del lavoro e delle professioni, nel campo della carità e della solidarietà, nelle responsabilità sociali e politiche. Tutte vocazioni che contribuiscono a trasformare la società e a rendere i cristiani portatori di una promessa di bene nei contesti sociali e culturali in cui vivono.

Infine, un appello ai più e uno alla Chiesa “Non siate sordi alla chiamata del Signore”, dice il Santo Padre, “Se Egli vi chiama per questa via, non tirate i remi in barca e fidatevi di Lui. Non fatevi contagiare dalla paura, che ci paralizza davanti alle alte vette che il Signore ci propone”. “C’è bisogno di un rinnovato impegno da parte di tutta la Chiesa”, sottolinea Bergoglio rivolgendosi a sacerdoti, religiosi, animatori pastorali ed educatori, “perché si offrano, soprattutto ai , occasioni di ascolto e di discernimento. C’è bisogno di una pastorale giovanile e vocazionale che aiuti la scoperta del progetto di Dio, specialmente attraverso la preghiera, la meditazione della Parola di Dio, l’adorazione eucaristica e l’accompagnamento spirituale”. Il modello da seguire, conclude , è il “sì” senza riserve pronunciato da Maria. Un sì di chi vuole scommettere tutto e ha una sola certezza: sapere di essere portatori di una promessa.

Paolo Quadrozzi
Paolo Quadrozzi
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze politiche con un master di specializzazione in Relazioni Istituzionali e Public Affairs. Si occupa di comunicazione politica e istituzionale.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,823FansLike
3,707FollowersFollow

Leggi anche

Statua di Gesù bambino in frantumi. Chiesa chiude dopo ripetuti attacchi vandalici.

Tre statue sono state distrutte presso la chiesa di Saint-André nel comune francese di Niort dopo che la chiesa stessa ha subito almeno tre...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Statua di Gesù bambino in frantumi. Chiesa chiude dopo ripetuti attacchi vandalici.

Tre statue sono state distrutte presso la chiesa di Saint-André nel comune francese di Niort dopo che la chiesa stessa ha subito almeno tre...

Con le leggi “buoniste” la Bibbia diventa illegale.

La parola di Dio istiga all'odio? A chiederselo con un certo grado di preoccupazione sono i vescovi scozzesi alle prese con il disegno di...

Il 4 e 5 agosto ad Anagni la terza edizione del Festival di CulturaIdentita’

Si terra' ad Anagni martedi' 4 e mercoledi' 5 agosto il Festival di CulturaIdentita'. Per la terza edizione della kermesse, intitolata "La citta' dei...

Santa Sofia, la Grecia attacca la Turchia: provocazione per Occidente civilizzato.

La trasformazione di Santa Sofia in una moschea e' una provocazione per l'Occidente e per l'intero mondo civilizzato. Lo ha dichiarato il portavoce governativo...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x