Il partito comunista cinese mette le olimpiadi in lockdown

Esattamente due anni dopo il blocco di Wuhan, la Cina sta ancora cercando di controllare la narrativa della pandemia e di accelerare la sua campagna in vista dei Giochi Olimpici Invernali del 2022, che inizieranno il 4 febbraio.

Con l’emergere di casi di omicron locali, le autorità cinesi non stanno correndo rischi, radunando i dissidenti e imponendo improvvisi blocchi che hanno avuto un impatto su milioni di persone per arginare i casi nell’ambito della sua politica “zero Covid”.

Hanno persino creato una rigida “bolla” durante le Olimpiadi per garantire che non ci siano contatti tra residenti locali e visitatori.

Tutti gli arrivi dovranno affrontare severe restrizioni di movimento e saranno tenuti a fare i test Covid ogni giorno. Nessuno – atleti, giornalisti e personale di supporto, inclusi camerieri e bidelli – potrà lasciare le sedi olimpiche.

I palazzetti dello sport e gli hotel che fanno parte della “bolla” sono stati barricati, con guardie in uniforme e in borghese 24 ore su 24 di stanza ogni poche centinaia di metri lungo il perimetro. Molti si sono accucciati con coperte, sgabelli pieghevoli e fiaschette da tè giganti, cercando di stare al caldo con turni di 15 ore al freddo. Le auto della polizia affollano i posti di blocco  di ingresso.

I partecipanti saranno trasportati in veicoli olimpici ufficiali attraverso corsie di circolazione designate, già segnalate sulle autostrade di Pechino. I funzionari hanno incaricato i residenti di Pechino di evitare ogni contatto con il sistema di trasporto dei Giochi e di non aiutare in caso di incidente stradale, al fine di mantenere la separazione della “bolla”.

Anche alcune strade vicino alle sedi olimpiche sono state completamente sigillate, sconvolgendo i residenti nelle vicinanze che vogliono vedere gli amici e acquistare generi alimentari.

Molti paesi come Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Australia, Giappone e Lituania stanno boicottando i Giochi per protestare contro le violazioni dei diritti umani da parte della Cina, in particolare contro la minoranza etnica uigura nella regione dello Xinjiang .

Le autorità hanno chiarito che non tollereranno alcun tipo di protesta o presa di posizione politica da parte di coloro che verranno.

I gruppi per i diritti umani hanno avvertito gli atleti di prestare attenzione a ciò che dicono nel paese, suggerendo invece di parlare apertamente al ritorno a casa.

“Le leggi cinesi sono molto vaghe sui crimini che possono essere utilizzati per perseguire la libertà di parola delle persone”, ha affermato Yaqiu Wang, ricercatore cinese di Human Rights Watch. “Ci sono tutti i tipi di crimini che possono essere attribuiti a commenti pacifici e critici. E in Cina, il tasso di convinzione è del 99 per cento”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,403FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati