“Il PPE ha appena iniziato a vedere i pericoli dell’immigrazione di massa”: Intervista con Geoffrey van Orden

Pubblichiamo l'intervista a cura di Álvaro Peñas, tradotta in italiano, pubblicato su The European Conservative

Il Regno Unito, a differenza di altri Paesi, si è impegnato fin dall'inizio nella difesa dell'Ucraina e non ha mai vacillato nel suo sostegno. Quali sono le ragioni della posizione del Regno Unito?

L'Ucraina è il bastione esterno delle difese del Regno Unito. Fino all'era del potere aereo, il Regno Unito poteva contare sulla Royal Navy per garantire la propria sicurezza. Chiaramente, nell'era dei missili, non è più così. Un tema costante della estera britannica è stato quello di impedire il dominio del continente europeo da parte di un'unica, schiacciante, potenza che potesse rappresentare una minaccia. Questo obiettivo è stato raggiunto attraverso un sistema di alleanze per ristabilire l'equilibrio. Dopo le sconfitte della Francia nel 1815 e della Germania nel 1945, furono l'Unione Sovietica e il comunismo a rappresentare una minaccia. Questa minaccia è stata dissuasa dalla potenza e dalla solidarietà della NATO, l'alleanza transatlantica che ha unito le democrazie dell'Europa e del Nord America. Dopo il crollo del comunismo, l'Occidente ha abbassato la guardia alla ricerca di un dividendo della pace, ma fortunatamente la NATO è rimasta intatta ed è cresciuta di numero. È stata lenta nel riconoscere l'emergere di un nuovo dittatore revanscista in Russia. La presa della Crimea nel 2014 è stata uno shock. Sebbene le lezioni della storia siano spesso ignorate, siamo consapevoli del fallimento dell'acquiescenza di fronte all'aggressione. Quando la Russia ha lanciato la sua invasione completa dell'Ucraina nel 2022, eravamo determinati a fornire all'Ucraina tutto il sostegno possibile, a meno di entrare in guerra, e a dimostrare che l'aggressione non paga. Speravamo che la nostra leadership avrebbe incoraggiato altri. È nell'interesse del Regno Unito e dell'Occidente che l'Ucraina non venga sconfitta.

Com'è possibile che ci siano così tanti politici europei incapaci di capire che una nazione che invade un Paese europeo e minaccia di usare armi nucleari contro l'Europa è un nemico?

L'Occidente si è rammollito. Abbiamo generazioni di persone che non hanno conosciuto altro che pace e prosperità e che non vogliono fare nulla per sconvolgere questa situazione, immaginando che il resto del mondo abbia una visione simile. Allo stesso tempo, molte teste si sono riempite di opinioni negative sulle nostre democrazie, sulla nostra storia, sulle nostre tradizioni e sulle nostre istituzioni. In molti Paesi dell'Europa continentale esistono ancora partiti e politici marxisti con un'innata simpatia per Mosca e le sue ambizioni. Storicamente, il rapporto tra Paesi come la Germania, la Francia e altri con la Russia è stato ambivalente per ragioni strategiche, politiche ed economiche.

Lei dice che il nostro tallone d'Achille deriva dalla demoralizzazione delle nazioni, un fenomeno incoraggiato dalla Russia e dai suoi alleati e alimentato dall'interno dalla sinistra radicale. Come si può affrontare questa demoralizzazione?

Dobbiamo essere più forti e attivi nell'incoraggiare l'orgoglio dei nostri Paesi e nel combattere la sovversione. Questo deve iniziare nelle nostre scuole e università. Inoltre, i giovani devono essere istruiti meglio nel gestire i social media e nell'applicare il buon senso: ci sono buoni motivi per vietare gli smartphone nelle scuole. In molti Paesi occidentali c'è anche una popolazione musulmana in crescita che è vulnerabile alla radicalizzazione, non da ultimo attraverso madrasse e predicatori estremisti. Dovremmo imporre dei controlli, seguendo l'esempio di molti Paesi musulmani. Allo stesso tempo, dobbiamo portare la battaglia al nemico e fare maggiori sforzi per promuovere i nostri valori e garantire che le persone che vivono sotto regimi autocratici sentano la verità.

La RAF non ha riempito la sua quota di piloti di caccia a causa delle norme sulla diversità e sulle minoranze. Questo ha portato a diverse dimissioni, ma rappresenta un serio pericolo per la sicurezza nazionale. Le forze armate non dovrebbero essere tenute lontane da tutte queste fantasie politiche?

Sì. Pur reclutando dalla società in generale, le forze armate non dovrebbero essere un mero riflesso di tale società, ma promuovere i valori essenziali di lealtà, dovere, rispetto, servizio disinteressato, onore, integrità e coraggio personale.

Dove risiede la sfida più grande per l'Occidente: all'estero o nelle politiche interne di apertura delle frontiere e dei patti verdi?

L'Occidente deve affrontare molteplici sfide, sia interne che esterne. L' incontrollata di massa, di persone provenienti da culture e abitudini completamente diverse, è pura follia. Mentre ai veri perseguitati viene giustamente offerto un rifugio e piccole quantità di persone con particolari abilità o risorse possono essere integrate nelle nostre società, è dimostrato che non siamo in grado di integrare adeguatamente un numero molto elevato di stranieri. L'effetto è un cambiamento indesiderato dei nostri sistemi e una perdita di coesione nazionale in un momento in cui questa è più necessaria che mai. Le vulnerabilità e le fratture della nostra società sono sfruttate da nemici esterni. Sebbene avessimo immaginato che il conflitto tra gli Stati europei fosse un ricordo del passato, dopo il crollo dell'Unione Sovietica, l'invasione dell'Ucraina ha fornito uno shock salutare. L'Occidente deve riarmarsi e dimostrare la solidarietà e la resistenza delle sue alleanze, in particolare della NATO. Il coinvolgimento dell'UE, attraverso la sua ambizione di difesa autonoma, è una pericolosa distrazione da questo punto di vista.

Nel suo discorso a Bucarest, lei ha parlato dell'importanza di rafforzare la NATO. Oltre all'aumento delle spese militari, cos'altro bisogna fare per ottenere un'alleanza forte?

La NATO è un'alleanza sia militare che politica. Ogni alleato della NATO deve migliorare la forza e la capacità delle sue forze armate e la sua volontà politica di impegnarle. Occorre, inoltre, prestare maggiore attenzione alla nostra capacità di sostenere le nostre forze in combattimento. Ciò significa migliorare notevolmente la capacità industriale di difesa, prestare maggiore attenzione alle riserve di manodopera e compiere maggiori sforzi per educare la popolazione all'importanza delle nostre forze armate e al motivo per cui dobbiamo dedicare loro maggiori risorse. L'opinione pubblica è sia la forza che la debolezza delle nostre democrazie quando sono sotto stress.

Lei ha svolto un ruolo molto importante nella creazione del gruppo ECR. L'ECR, come è successo in Italia, potrebbe riportare il PPE verso il centro-destra?

Sì, sono stato determinante nella creazione del gruppo ECR e del think tank ad esso associato, New Direction. La nostra Dichiarazione di Praga, redatta nel 2009, fornisce i 10 principi fondamentali su cui è stato fondato l'ECR, tra cui l'integrità sovrana dello Stato nazionale, il valore prioritario del rapporto di sicurezza transatlantico in una NATO rivitalizzata e un'immigrazione effettivamente controllata. Questi principi hanno superato la prova del tempo e l'ECR si è ormai affermato come il volto ragionevole e dignitoso del centro-destra. Credo che i partiti di centro-destra aumenteranno la loro rappresentanza nel Parlamento europeo alle elezioni di giugno e che ciò consentirà all'ECR di crescere, auspicabilmente fino a diventare nuovamente il terzo gruppo più numeroso del Parlamento. Il PPE ha una visione opposta sulle questioni fondamentali: in particolare, si considera il motore dell'integrazione europea, auspica una riduzione degli Stati nazionali e crede in una politica di difesa dell'UE e in un'autonomia strategica dell'UE che creerebbe tensioni con gli Stati Uniti e distrarrebbe dalla NATO. I suoi membri stanno appena iniziando a vedere i pericoli dell'immigrazione di massa e su questa base potrebbero cercare un rapporto più stretto con l'ECR su questioni particolari.

Sarebbe allora possibile tornare ai principi fondanti dell'UE? I conservatori possono salvare l'UE da sé stessa?

L'UE (1993) ha avuto varie incarnazioni precedenti, tra cui la CECA (1951) e la CEE (1957). Vi è quindi un “miscuglio” di principi fondanti. In origine (come CECA), cercava di eliminare le rivalità storiche creando una comunità economica tra popoli a lungo divisi da sanguinosi conflitti. È stato il Trattato di Roma della CEE a esprimere la determinazione a creare “un'unione sempre più stretta” tra i popoli europei, quindi l'idea dell'integrazione europea e del tramonto dello Stato nazionale era presente fin dall'inizio. Il concetto di UE è stato guidato da un gruppo molto ristretto di intellettuali politici. E questo continua ancora oggi. Un mercato comune di Stati nazionali indipendenti non è mai stato quello che avevano in mente. Il fatto è che la maggior parte dei cittadini europei vuole solo un'organizzazione europea che li aiuti a migliorare la loro prosperità economica: tutto il resto è superfluo. L'UE ha ormai creato il proprio slancio e, finché i tedeschi saranno disposti a continuare a pagare, andrà avanti.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x