Il turpiloquio di De Luca cela la vera responsabilità sui ritardi dei fondi europei

È accaduto quasi in contemporanea il botta e risposta tra Giorgia e Vincenzo De Luca. Ma se da un lato è arrivato un vivido consiglio – quello di evitare certe sceneggiate e iniziare seriamente a lavorare – dall'altro è stata mossa una risposta che, come sempre accade al governatore dei lanciafiamme, supera il limite della critica . Un limite che De Luca sembra non conoscere o dal cui superamento sembra platonicamente attratto. In altre parole: un turpiloquio per sentirsi bene.

Il solito turpiloquio del solito De Luca è arrivato ieri a Piazza Colonna a Roma in occasione della manifestazione durante la quale il governatore, senza mai fare marcia indietro condannando le sue parole – né lui né il suo partito – aveva annunciato una “lotta armata” contro il governo. Fatalità ha voluto che proprio in quegli istanti e Raffaele Fitto – dai quali De Luca intimava venisse ricevuto – si trovassero invece in Calabria, a Gioia Tauro, per la firma del decimo accordo di Coesione e Sviluppo. Il primo con una Regione del Sud. L'accordo prevede uno stanziamento di oltre 2 miliardi di euro, con ben 622 miliardi destinati ai trasporti, e dimostra l'opposto di ciò che grida De Luca con le solite accuse: il governo starebbe per tagliare i fondi al Sud tramite l'autonomia differenziata e una presunta negligenza sui fondi europei. Ma l'unica negligenza che, dopo l'ennesimo accordo raggiunto in collaborazione con le Regioni, si scruta è proprio quella del governatore brontolone: “Se si va a guardare il ciclo di programmazione 2014-2020 – ha detto Meloni – risulta speso il 24% della spesa. Se invece di fare le manifestazioni ci si mettesse a lavorare, forse si potrebbe ottenere qualche risultato in più”. Insomma, i vecchi governi dem, amici di De Luca, avevano fondi ma non li spendevano, con tanto di ossequioso silenzio dello stesso De Luca. La sua risposta, davanti alla verità, è molto irritata e tra un muso duro e l'altro alle forze dell'ordine tuona: “Str**nza, lavori lei”.

Il Masaniello degli amministratori locali stavolta ha esagerato. Nella frenesia di essere stato alzato a capopopolo di una schiera di sindaci amici, De Luca è arrivato alle offese personale verso la quarta carica dello Stato. Non una bellissima esperienza da aggiungere al proprio curriculum vitae. In ogni caso, appare chiaramente, anche al meno attento degli osservatori, la netta differenza che passa tra Giorgia Meloni, che continua celermente il proprio lavoro, e Vincenzo De Luca, che si perde in manifestazioni e in pesanti quanto false accuse. Il turpiloquio di De Luca sarà forse l'applicazione del “purché se ne parli” o sarà solo un modo per celare il suo fallimento in dieci anni di governo campano?

1 commento

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

1
0
Would love your thoughts, please comment.x