“Il Venezuela, come la Russia, gioca sulla paura e sulla propaganda, ma questo può ritorcersi contro”: Intervista a Estefanía Meléndez

Sembra che in Occidente non capiscano che non stanno parlando con democrazie in cui i cittadini hanno diritti, ma con dittatori che sono disposti a uccidere il loro stesso popolo.

Pubblichiamo l'intervista – tradotta in italiano – a Estefanía Meléndez, pubblicata su Deliberatio a cura di Alvàro Peñas.

Estefanía Meléndez è un'attivista venezuelana dell'opposizione che, durante la crisi presidenziale del Venezuela nel 2019, è stata nominata dall'Assemblea nazionale ambasciatrice del Venezuela in Bulgaria con incarichi “concomitanti” in Macedonia del Nord, Montenegro e Albania.

Quali sono i principali sostenitori di Maduro all'estero?

I principali sostenitori di Maduro sono la Russia e l'Iran. Tuttavia, a differenza della Russia, che è apertamente schierata, l'Iran mantiene un rapporto più discreto nei media, anche se ha rilevato gran parte delle operazioni del settore petrolifero e, ad esempio, si è occupato della ristrutturazione delle raffinerie.

Quanto è importante il rapporto tra Russia e Venezuela?

Per la Russia, il Venezuela è una delle sue grandi alleanze, non solo per le sue risorse, ma anche come mezzo per espandere la sua propaganda attraverso mezzi di comunicazione come Telesur. I media russi parlano molto del Venezuela e, ad esempio, hanno dato ampio spazio al conflitto in Guyana. Si sottolinea che il Venezuela è un Paese molto ricco e questo serve a riaffermare la proiezione della Russia come potenza internazionale.

D'altra parte, Maduro è sempre stato molto chiaro sul suo sostegno alla Russia, un sostegno che è solo aumentato dall'inizio dell'invasione e anche le visite ad alto livello sono aumentate. Infatti, la prima telefonata che Putin ha ricevuto dopo l'invasione è stata proprio da Maduro. È vero che all'inizio della guerra c'era un certo nervosismo riguardo ai legami economici con la Russia e al problema che le sanzioni avrebbero potuto causare, ma ora il regime è molto tranquillo.

È forse una conseguenza della di riappacificazione degli Stati Uniti nei confronti del Venezuela?

Gli Stati Uniti hanno sfoderato tutte le loro carte di pressione eliminando tutte le sanzioni contro Maduro. Qualche settimana fa è arrivata in Venezuela una petroliera russa. Quel petrolio viene diluito con quello venezuelano e infine, come petrolio venezuelano, venduto agli Stati Uniti. I leader europei e americani che hanno rimosso le sanzioni dovrebbero pensare che, alla fine, il beneficio di Maduro va anche alla Russia. In altre parole, da un lato si impongono sanzioni alla Russia, dall'altro le si permette di aggirarle attraverso il Venezuela.

Juan Gonzalez, consigliere per la sicurezza della Casa Bianca di origine colombiana, è stato colui che ha revocato le sanzioni a Maduro e, in cambio di diversi americani e prigionieri politici venezuelani, ha consegnato i suoi narco-fratelli e Alex Saab, il prestanome di Maduro, anch'egli addestrato in Russia. In realtà, c'è stata un'enorme campagna mediatica internazionale a favore della sua liberazione, che alla fine è risultata molto conveniente per il regime.

E la posizione europea?

La posizione dell'Europa, e in particolare della Spagna, è stata molto permissiva nei confronti del regime di Maduro. Per questo sono sorpreso di sentire le parole di Josep Borrell sul Venezuela e su Cuba. Sembra che in Occidente non capiscano che non stanno parlando di democrazie in cui i cittadini hanno dei diritti, ma di dittatori che sono disposti a uccidere il proprio popolo. È la stessa cosa che con la Russia. Molti Paesi hanno mostrato una terribile ingenuità nei confronti di Putin e ora ne vediamo le conseguenze.

Quindi il problema principale dell'Occidente nell'affrontare queste minacce è la sua mancanza di determinazione?

Sì, perché questo nuovo asse del male, che comprende Russia, Cina, Iran, Corea del Nord, Cuba, Venezuela e Nicaragua, è molto chiaro sulla sua posizione e si allinea sullo scacchiere geopolitico. Ma l'Occidente non lo fa con la stessa determinazione. Quando ero nel governo provvisorio è stato molto difficile spiegare ai nostri alleati che il Venezuela faceva parte del gioco russo e hanno cercato di guardare Maduro con occhi diversi. E tutto questo nonostante il fatto che dall'altra parte dicano chiaramente quali sono i loro piani.

Tuttavia, nonostante le sue dichiarazioni molto chiare, la sua propaganda dice il contrario e continua a convincere molti.

È vero, ma se si vuole essere chiari sulle sue intenzioni basta ascoltare Medvedev. Non è un pazzo, ma esprime chiaramente le intenzioni del Cremlino: L'Ucraina non esiste e i confini della Russia sono ancora da definire. Quello che succede è che la macchina mediatica è enorme, sa vendere molto bene la disinformazione e dice a tutti quello che vogliono sentire. Anche se la Russia perde la , riuscirà in qualche modo a vendere la sconfitta come una vittoria.

Come vede l'espansione dei BRICS?

La vedo con grande preoccupazione perché quella che è nata come un'iniziativa economica del Sud globale, anche se la Russia non c'entra nulla, sta diventando un asse di confronto geopolitico. Il Venezuela sarà il suo nuovo membro dopo che l'Argentina, fortunatamente, ha deciso dopo la vittoria di Milei di non aderire ai BRICS. Questo è stato uno dei temi dell'ultima visita di Lavrov in Venezuela, ed è un nuovo obiettivo per Maduro perché legittima il suo regime.     

Prima ha detto che Maduro si sente molto a suo agio. La situazione in Venezuela cambierebbe in caso di sconfitta russa?

Indipendentemente dai fattori esterni, il regime venezuelano mantiene la sua stabilità grazie a un brutale esercizio di violenza. Se la Russia perde, sarà un colpo per il Venezuela, ma non sarà sufficiente a scuotere il regime a meno che non si eserciti una forte pressione dall'esterno. In ogni caso, a prescindere da ciò che accadrà in Ucraina, è molto difficile realizzare un vero cambiamento in Russia perché l'opposizione è disarticolata e gran parte della società russa ha una mentalità ereditata dall'Unione Sovietica. L'unica possibilità di un vero cambiamento è che il regime stesso, le persone più vicine a Putin, ritirino il loro sostegno. E, ovviamente, questo non avverrà per un anelito democratico, ma solo per gli interessi economici delle oligarchie che non vogliono perdere il potere. Tuttavia, quanto accaduto con la rivolta di Prigozhin ha dimostrato che il potere di Putin non è così forte come sembra, e questo è molto importante perché smonta l'immagine del leader onnipotente. Questo è il suo tallone d'Achille: il popolo russo lo vede come un leader debole. In Occidente, sebbene ci sia un certo consenso sul fatto che l'Ucraina debba essere sostenuta, ci sono molti che non osano pensare a una sconfitta totale della Russia, a una sua umiliazione. Mostrare questa debolezza a Putin è come gettare benzina sul fuoco. Lo stesso vale per la politica interna del Venezuela. Ora abbiamo María Corina Machado che si oppone direttamente al regime, ma vediamo come le impediscono di presentarsi alle elezioni. I venezuelani sono impotenti perché Maduro non permette che venga minacciato il suo potere. Il Venezuela, come la Russia, sta giocando sulla paura e sulla propaganda, ma questo può ritorcersi contro se, sia dall'interno che dall'esterno, la paura viene meno e vengono affrontati.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x