Il volontario che combatte in Ucraina: i russi vogliono ricreare lo spazio ex sovietico

Intervista a Francisco Floro, volontario spagnolo in Ucraina, a cura di Álvaro Peñas per Deliberatio.eu.

Perché sei andato a combattere in Ucraina?
Sono andato due volte come volontario militare. La prima volta ero spinto dal desiderio di avventura e dalla convinzione che la causa ucraina fosse giusta. La seconda volta, invece, è stato perché non riuscivo a togliermi dalla testa l'Ucraina. Ne ho parlato con un giornalista, Fermín Torrano, che stava vivendo la stessa situazione. Puoi lasciare l'Ucraina, ma l'Ucraina non ti lascia. Qui ti senti impotente di fronte a ciò che sta accadendo, e anche lì, perché senti di dover fare di più per le persone che ti accolgono e che soffrono, ma sei solo un soldato in guerra.

Avevi esperienza militare prima di venire in Ucraina?
Sì, perché ho trascorso un anno con i curdi in Iraq per combattere gli islamisti. Era il 2021, quando la situazione era già relativamente calma.

Dove eri di stanza?
Nel primo servizio sono stato con una milizia durante l'assedio di Kiev e poi con gli internazionali a Kharkiv, mentre nel secondo ero nel battaglione Karpatska Sich tra Liman e Kreminna, dove ho vissuto le situazioni di combattimento più difficili perché l'unità doveva sempre ballare con i più brutti.

Francisco Floro

In entrambi i casi hai combattuto con volontari provenienti da altri Paesi. Cosa ha portato così tanti stranieri a combattere per l'Ucraina?
C'è di tutto: dall'avventura, al patriottismo, alle ragioni economiche. Ad esempio, il mio collega Peng della Legione Internazionale, che ora sta combattendo a Bajmut, è taiwanese. Aveva un futuro nel settore finanziario, ma dopo il servizio militare si è reso conto che Taiwan non era pronta ad affrontare la Cina. Si è arruolato nella Legione Straniera francese e poi è venuto in Ucraina perché vuole essere pronto a difendere il suo paese. Un altro caso è quello di Camacho, un paramedico colombiano, che non si è arruolato per motivi economici o per il desiderio di avventura come alcuni suoi commilitoni, ma per puro idealismo di aiutare gli ucraini.
Mi ha colpito anche il numero di bielorussi che combattono per l'Ucraina. Dopo i georgiani, sono quelli che hanno subito il maggior numero di perdite tra i soldati internazionali. Poi ci sono i russi, ma per proteggere le loro famiglie e per motivi di propaganda ci sono poche informazioni sulle loro perdite. Oltre alla nota Legione della Libertà, esiste un'altra unità composta da disertori russi e ci sono anche i partigiani che operano in Russia sabotando le reti ferroviarie, i depositi di carburante, ecc.

Secondo i documenti del Pentagono trapelati, ci sono unità regolari, soprattutto britanniche, che non addestrano gli ucraini, ma partecipano ai combattimenti. Hai sentito voci in merito mentre eri al fronte? Cosa ne pensi?
No. Penso che ci sia molta disinformazione deliberata in tutti questi documenti. Francamente, sarebbe una cosa molto rischiosa e non necessaria da fare, perché si avrebbe un'escalation diplomatica e anche militare, quindi fino a quando non saranno pubblicate prove concrete non ci darò credito. All'inizio della guerra, come è noto, diversi Paesi hanno inviato personale militare per evacuare le ambasciate, ma questo è logico.

Come vedi l'evoluzione della guerra e pensi che la controffensiva annunciata avrà successo?
Sono molto ottimista riguardo alla controffensiva. Non so se gli ucraini riusciranno a raggiungere Melitopol, il che renderebbe le cose molto difficili per i russi, ma anche se non ci riuscissero, è probabile che si ripeta l'episodio di Kherson. Sembra che l'Ucraina abbia riservato le forze e che disponga di molte risorse materiali e umane, mentre la Russia mostra segni di stanchezza. Anche il leader di Wagner, Prigozhin, avverte che il numero di truppe fresche pronte è enorme.
Inoltre, se c'è una cosa che caratterizza gli ucraini è il loro coraggio, la loro fermezza e la loro fame di libertà. Ci sono altri valori, rari in Occidente, come la generosità e l'ospitalità.

Naturalmente hanno anche dimostrato grande motivazione e patriottismo.
Se l'Ucraina non avesse avuto questa forte motivazione sarebbe caduta nelle prime settimane. Una motivazione che non è solo nell'esercito, ma anche in una popolazione molto combattiva. È stata condotta una guerra contro l'intero popolo ucraino, che è stato immerso nell'oscurità e nel freddo dell'inverno ed è stato attaccato con estrema crudeltà. Le vittime civili sono probabilmente più numerose di quelle militari, eppure il popolo ucraino è resistente quanto i suoi soldati.

È una lotta per la sopravvivenza?
Sì, perché se si guarda alla storia dell'Ucraina e si vede che la sua è sempre stata censurata e minacciata, si capisce che si tratta davvero di una lotta per la sopravvivenza. I russi sostengono che non c'è alcun riconoscimento delle differenze culturali della popolazione russofona del Donbas o di altre aree, ma quello che ho visto è che è la ucraina che si cerca di annullare e negare da questo imperialismo russo onnicomprensivo. Non è solo la sovranità e l'indipendenza a essere minacciata, ma anche la sua stessa identità, quindi è una lotta per la sopravvivenza della nazione, della cultura e della lingua ucraina.
Se l'Ucraina non dovesse vincere, credo sinceramente che Putin e i suoi successori non si accontenterebbero dei territori che hanno sottratto all'Ucraina e in futuro cercherebbero nuovamente di dominarla attraverso un governo fantoccio o di iniziare un'altra guerra di espansione, ad esempio per ottenere un corridoio verso la Transnistria, un obiettivo che hanno già dichiarato. Alla base di questa invasione c'è la ricostruzione dell'ex spazio sovietico.

Tornerai in Ucraina?
Sì, ho la prospettiva di unirmi a una nuova unità e voglio tornare il prima possibile. Per il momento, mentre sono ancora qui, mi occupo di raccolta fondi per organizzazioni come United24 (un'organizzazione governativa che raccoglie aiuti in tre diversi settori: sanità, infrastrutture e militare), o con persone di cui mi fido, come Alexis De Stalle, un collega francese che è andato in Ucraina come volontario, ma non è stato accettato perché non aveva esperienza militare. Tuttavia, Alexis è rimasto per aiutare e passa il suo tempo a procurare materiale per le unità internazionali. Materiale che salva molte vite.

Quando sei tornato in Spagna, ti ha sorpreso vedere quante persone, da sinistra a destra, credono a tutto ciò che dice la propaganda russa?
Non proprio, perché ho poca fiducia nel giudizio della nostra società. Di norma, non vogliamo conoscere altri punti di vista, ma selezionare le informazioni che confermano i nostri pregiudizi, indipendentemente dal mezzo e dalla sua scarsa credibilità. In ogni caso, nel caso della Russia si tratta di una posizione autodistruttiva perché la Russia cerca la nostra destabilizzazione, come ha detto più volte: l'Occidente è il nemico.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x