Immigrazione. Torselli e Draghi (FdI): “Mimmo Lucano condannato. Nardella gli revochi il premio”

“Ennesima dimostrazione che dietro all’immigrazione clandestina spesso c'è un business opaco”

“Adesso non ci sono più scuse. In Italia l’ clandestina è un business opaco. Oggi è stato condannato a oltre 13 anni colui che è stato osannato quale strenuo difensore dei diritti dei ed il cui modello d’accoglienza, per i buonisti della sinistra, avrebbe dovuto essere esportato in tutte le città del nostro Paese.

Per i giudici, Mimmo Lucano non è un paladino dell’accoglienza, bensì il perno di un sistema clientelare dove ci ha rimesso solo la povera gente.
Nel 2018 il sindaco Nardella assegnò a Lucano il premio “Una vita per la pace” per l’encomiabile modello di accoglienza messo in atto. Di fronte a questa dura condanna del tribunale di Locri, il primo cittadino abbia almeno il coraggio di ammettere di essersi sbagliato e revochi immediatamente l’onorificenza.

Il business dell’ clandestina va fermato subito imponendo il blocco navale”. Lo dichiarano Francesco Torselli e Alessandro Draghi, rispettivamente capogruppo di Fratelli d’Italia nel Consiglio regionale toscano e a Palazzo Vecchio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,160FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati