In Italia organizzazioni criminali nigeriane arrivate con i barconi

La criminalità organizzata straniera sta progressivamente radicandosi in molte regioni italiane gestendo sia traffici illegali in concorrenza con le mafie autoctone, sia attività criminali in via quasi esclusiva, come la tratta di esseri umani”. A lanciare l’allarme – ultimo in ordine di tempo – è stato il sostituto procuratore della Direzione Nazionale Antimafia, Cesare Sirignano, nel corso del suo intervento a un dibattito organizzato nell’ambito del premio Ischia di giornalismo il mese scorso. Le mafie straniere più pericolose sul versante del traffico di esseri umani sono quella nigeriana, quella rumena e quella albanese.

Ma prima ancora era stato il Times a metterci in guardia raccontando che “gruppi di migranti nigeriani che in un primo momento collaboravano con le mafie per lo sfruttamento della prostituzione ed il traffico delle droghe, ora stanno organizzando bande paramilitari per controllare il territorio italiano”, ( articolo del “Times” del 29 giugno 2017), a cui si sono aggiunte pubblicazioni del “The Guardian” dell’agosto scorso.

Secondo l’OCCRP (Progetto di investigazione sulla corruzione e il crimine organizzato) inoltre, l’organizzazione nigeriana armata, denominata l’Ascia Nera – di recente processata per mafia a Palermo – detiene il controllo della zona del mercato Ballarò a Palermo, trafficando in droga e prostituzione, oltre che in migranti, in accordo con la mafia locale che le delega alcune zone in cambio del pagamento di un pizzo.

La Nigeria ha avuto il maggior numero di arrivi da dicembre 2015 a novembre 2016,  secondo i dati di Eurostat . Il 9,15% dei richiedenti asilo verso l’UE si è rivolto all’Italia nel 2016 dal 6,7% del 2015.

Dopo il colpo inferto all’Ascia Nera dalla magistratura italiana, sarebbe sorta una banda rivale, denominata I Vichinghi composta da affiliati che usano i machete per sfigurare i loro nemici.

Di seguito l’inchiesta sul questo pericoloso fenomeno condotta da Vice News

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,818FansLike
3,684FollowersFollow

Leggi anche

L’ONG tedesca ammette: porteremo sempre i migranti in Italia

La portavoce in Italia della Sea Watch, ONG immigrazionionista tedesca, Giorgia Linardi confessa quali sono le reali intenzioni della sua Ong nel Mediterraneo: "Che...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

L’ONG tedesca ammette: porteremo sempre i migranti in Italia

La portavoce in Italia della Sea Watch, ONG immigrazionionista tedesca, Giorgia Linardi confessa quali sono le reali intenzioni della sua Ong nel Mediterraneo: "Che...

La ONG getta la maschera: la nostra è lotta antifascista.

Nel mediterraneo c'è una nuova flottiglia di ONG pronte a raccattare clandestini da scaricare in Italia e non fa mistero di compiere una missione...

Regolarizzazione dei migranti, disastro Bellanova: la Meloni lo aveva detto!

Era di maggio ... e Teresa Bellanova versava ettolitri di lacrime sulla regolarizzazione dei migranti. L’annuncio reso in pompa magna, spalla spalla con il...

Migranti in attesa di rimpatrio si ribellano e feriscono carabiniere.

Atti vandalici e oggetti dati alle fiamme all'interno del cpr di Gradisca d'Isonzo in provincia di Gorizia, dove ieri sera è scoppiata una rivolta...