mercoledì, Luglio 28, 2021

In medicina le bugie hanno le gambe corte.

La vulgata dei vaccini come panacea per l’emergenza covid sta manifestando tutti i suoi punti deboli complice un governo che non ha saputo indirizzarli sulle vere categorie a rischio ed invece li ha proposti come soluzione a 360 dell’emergenza.

Il lettore abbia la pazienza di esaminare queste semplici cifre estratte da un sito di statistica collegato all’Istituto Superiore di . che analizza i macro dati del covid-19 in Italia al 31 marzo 2021.(1).

Da questo sito si può calcolare la letalità (rapporto contagiati -deceduti) per fasce di età.  Su un campione di circa tre milioni e mezzo di contagiati. Al 31 marzo risultavano cento seimila  deceduti la cui età media era 81 anni. Con una letalità del 3% ,una delle più alte al mondo.

Se focalizziamo la fascia di età  delle persone sotto i 50 anni abbiamo cifre completamente meno drammatiche. Letalità sotto i 50 anni 0,034% (1188 decessi )e se scendiamo di dieci anni ci sono stati solo 282 morti entro i 40 anni. Letalità sotto i 40 anni 0,008% .

Di questi 164 avevano gravi patologie concomitanti (oncologiche, cardiovascolari etc). Dei restanti 118 abbiamo 80 pazienti di cui non si conosce la storia cllinica e per eccesso di zelo li diamo morti da Covid. Pari  ad una percentuale 0,0033% di letalità.

Vuol dire 1 morto ogni 30.000 contagiati sotto i 40 anni che non hanno altre patologie (ammesso e non  concesso che gli 80 senza storia clinica erano senza patologie concomitanti).

Il vaccino Astra Zeneca si è attestato su 1 morto ogni 300.000 vaccinazioni secondo le ultime rilevazioni aggiustate ad i decessi di persone che non avevano patologie concomitanti e di cui la storia clinica era nota, con una maggioranza significativa di donne ed uomini sotto i 50 anni.

In realtà sono state scartati a favore dei vaccini tutte le persone che avevano avuto eventi avversi ma che avevano malattie concomitanti che potevano essere collegati agli eventi avversi.

Facciamo un esempio semplice se un vaccinato che aveva una storia di patologie cardiovascolare moriva dopo il vaccino per un evento trombotico veniva escluso dalla lista degli eventi avversi da vaccino.

Se si fosse applicato lo stesso principio sui decessi con covid ed avremmo esclusi  quelli dove l’evento covid non era predominante come causa di morte avremmo sicuramente altri numeri su tutte le fasce d’età.

Una riflessione viene spontanea perché utilizzare un metodo di conteggio di eventi avversi più restrittivo per i vaccini?

Considerando che sono terapie fatte in grande affanno e con iter sperimentali accelerati e con i produttori che non si assumono responsabilità ne civili ne penali per l’uso dei loro prodotti, questo doppio standard lascia perplessi.

Come lascia dubbiosi l’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari spesso in fasce di età entro i 50anni dove il rischio di letalità da covid-19 è estremamente basso ancor più se si pensa che la vaccinazione non li rende esenti dalla trasmissione del virus ma solo nel migliore dei casi di aver meno rischi di ammalarsi e di eventuali ricoveri ospedalieri.

L’obbligo fa sorgere un quesito etico sulla  imposizione di terapie vaccinali che giorno dopo giorno suscitano  punti interrogativi da parte degli organi di controllo internazionali con indicazioni di queste alle fasce di età più a rischio e si arriva fino allla  sospensione,,  come in Danimarca nei confonti del vaccino Astra Zeneca.

La campagna vaccinale del governo è in ritardo sugli anziani dove dati alla mano vale la pena rischiare effetti indesiderati, in quanto il virus risulta pericoloso.

Viceversa si è voluto forzarlo sulle categorie a basso rischio nel tentativo di  avere meno ricoveri ospedalieri mentre scrivo è arrivata la notizia che Astra Zeneca è stata sospesa la somministrazione alle forze dell’ordine.

Forse la risposta a questa ricerca insensata della panacea vaccinale sta nel rifiuto nel rivedere il profilo di investimenti a lungo termine nel settore sanitario dove 30 anni da tagli hanno prodotto una incapacità palese a rispondere alle emergenze.

Il governo Draghi impedito dai vincoli europei a rivedere gli scarsi investimenti di lungo respiro nella è costretto a rincorrere scorciatoie se non a raccontare mezze verità dalle gambe corte.

(1) https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/sars-cov-2-decessi-italia

1 commento

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Luciano Ruggieri

Tutto questo senza contare che i morti enumerati, sono stati fatti da mancanza di conoscenza (autopsie non fatte) e assurde direttive sanitarie basate sulla attesa. Neanche se ti buchi un dito, è consigliabile aspettare 10 giorni e poi metterci un antibatterico!

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,520FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x