In U.S.A. nasce l’Università contro politicamente corretto e Cancel Culture.

Pensatori e ideologi conservatori, ideologi annunciano la creazione di un college alternativo "ferocemente indipendente" dell'Università di Austin in Texas. L'università a guida conservatrice sarà dedicata alla "ricerca senza paura della verità" e a "reclamare un posto nell'istruzione superiore".

Una serie di pensatori conservatori, ideologi e personalità dei media hanno firmato per la creazione di una nuova università alternativa ad Austin, Texas, secondo i tweet e gli articoli pubblicati dallo staff della scuola appena annunciata lunedì mattina.

Il gruppo di intellettuali e accademici statunitensi si è ribellato alla censura del politicamente corretto e dell’ideologia “woke” e ha creato l’Università di Austin, un centro che cerca di preservare la libertà di ricerca e di scambio di idee di fronte al crescente soffocamento causato dall’ortodossia progressista nei campus e oltre.

L’università ha annunciato in un video tweet di lunedì il suo statuto, gli obiettivi e una lista di personale e sostenitori. Quelli associati alla nuova istituzione vanno dall’ex editorialista del New York Times Bari Weiss allo psicologo sperimentale Steven Pinker di Harvard.


In un post sul blog di Weiss “Common Sense with Bari Weiss” Substack, il fondatore dell’Università di Austin Panos Kanelos, l’ex presidente del St. John’s College di Annapolis, Maryland, ha inveito contro quella che ritiene essere una cultura di illiberalismo che permea l’ superiore in America oggi.

“Molte cose sono rotte in America”, scrive Kanelos. “Ma l’ superiore potrebbe essere l’istituzione più fratturata… Quasi il 70% degli studenti è favorevole a denunciare i professori se il professore dice qualcosa che gli studenti trovano offensivo”.

L’autocensura è pervasiva nei college e nelle università perché le istituzioni “raffreddano i discorsi e ostracizzano coloro che hanno punti di vista impopolari” e “conducono gli studiosi a evitare interi argomenti per paura”, ha scritto Kanelos.

I fondatori

L’annuncio dell’università ha attirato l’attenzione nazionale per il suo team di giornalisti, artisti, filantropi, ricercatori e leader dell’ superiore coinvolti nel progetto.

I suoi fondatori includono anche l’ex presidente di Harvard Lawrence Summers; David Mamet, drammaturgo; l’ex presidente dell’American Civil Liberties Union Nadine Strossen; accademici e altri ex dirigenti universitari.

La sede dell’università si trova nel centro di Austin, a pochi passi dall’edificio più vicino dell’Università del Texas.

A differenza di molte nuove università che optano per l’insegnamento virtuale dei corsi, gli amministratori scolastici pianificano di avere un campus fisico “con il minor numero di schermi possibile”.

I corsi

La scuola, che si concentrerà su discipline umanistiche, scienze sociali e scienze naturali, sta cercando l’accreditamento iniziale attraverso la Commissione per l’apprendimento superiore e l’autorizzazione del Texas Higher Education Coordinating Board. Heather Berg, portavoce della commissione, ha affermato che il processo di accreditamento può richiedere da uno a sette anni.

Ma il sito web dell’Università di Austin afferma che non aspetterà l’accreditamento per iniziare la sua programmazione.

L’istituzione offrirà un programma estivo “Corsi proibiti” nel prossimo anno per gli studenti universitari per discutere “le domande più provocatorie che spesso portano alla censura o all’autocensura in molte università”.

Il prossimo autunno inizierà a offrire un programma di master su imprenditorialità e leadership con l’intenzione di lanciare i suoi corsi di laurea nel 2024.

La nuova Università di Austin si opporrà a “cancellazione della cultura”, codici linguistici, indottrinamento di sinistra, “spazi sicuri” per studenti che non sopportano opinioni diverse dalle proprie, ossessioni di razza e sesso con l’esclusione della sostanza , preferenze razziali nelle ammissioni e personale amministrativo estremamente costoso.

“Le nostre aule”, afferma il sito web della scuola, “saranno luoghi in cui 1) ogni opinione sarà ascoltata e 2) ogni opinione dovrà essere supportata da prove”. Questo è, in breve, ciò che le aspettative erano per ogni università prima che il mondo accademico fosse dirottato dalla sinistra illiberale.

Leo Valerio Paggi
Leo Valerio Paggi per La Voce del Patriota.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,373FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati