Incidenti in Catalogna: sale la tensione. Manifestanti cantano Bella Ciao.

65 views

Barcellona 15.10. 2019. Stasera sembra proprio che tra i manifestanti della Catalogna e le forze dell’ordine non ci sia la volontà di arrivare allo scontro fisico, cosa avvenuta invece ieri in varie zone della regione, ma soprattutto all’aeroporto di El-Prat, dove ci sono stati 131 feriti tra manifestanti e poliziotti.

La Federazione dei consumatori in azione (Facua) fa intanto sapere che tutti i passeggeri colpiti da cancellazioni a seguito delle manifestazioni, potranno richiedere il rimborso dei biglietti,  oppure  il trasferimento su altri voli e l’eventuale pagamento dei pasti e degli alloggi che si fossero resi necessari durante l’attesa della ripresa dei servizi, naturalmente tutto questo per i non residenti a Barcellona. E, orientativamente,  sarà un bel problema per tutte le compagnie interessate, perché ci sono stati oltre cento voli soppressi e ritardi notevoli anche sui pochi aerei che sono riusciti a decollare.

Durante la mattinata, i manifestanti hanno bloccato molte grandi vie di comunicazione, in particolare l’AP-7 all’altezza di Girona, ma questo pomeriggio i Mossos d’esquadra (la polizia regionale antisommossa) e agenti della polizia nazionale hanno sciolto la protesta e rimosso i blocchi. Incidenti più o meno violenti sono stati registrati anche quando le forze di polizia hanno agito per bloccare la protesta  su altre strade.

Martedì il governo ha assicurato che i Mossos sono stati costretti a intervenire “per mantenere la sicurezza dei manifestanti”. I Mossos, da parte loro, sottolineano le ripetute violenze perpetrate dai manifestanti di Barcellona. Secondo l’accusa della polizia regionale antisommossa, gli scontri più violenti si sono avuti vicino al quartier generale della delegazione del governo di Catalogna. Alcuni manifestanti hanno creato una sorta di barricata tra loro e la  polizia,  e solo a questo punto gli agenti avrebbero caricato costringendo i manifestanti a ritirarsi.. “Fuori dalle forze di occupazione” e “non un passo indietro”, gridavano i manifestanti alla volta del ministro dell’Interno Fernando Grande-Marlaska, che poi ha escluso il perdono per chiunque si sia reso responsabile di disordini e danni, e ha detto che si sta indagando su chi c’è dietro lo Tsunami Democràtic, promotore delle proteste a El Prat.

Intanto, la stima ufficiale dice che fino ad oggi sette persone sono state curate presso i servizi sanitari ma nessuna di essi ha fortunatamente riportato ferite serie.

Dimostrazione si sono registrate anche nella città di Girona, dove il numero di partecipanti alla manifestazione è stata di oltre 9.000 persone. I manifestanti, secondo la polizia, si sono comportati in modo molto pacifico, limitandosi ad accendere candele davanti a degli uffici governativi e a leggere a voce alta lettere di  Junqueras, Forcadell e Bassa. I manifestanti hanno anche cantato ripetutamente Bella Ciao.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,917FansLike
4,018FollowersFollow

Leggi anche

Brogli U.S.A.: ecco le 9 accuse chiave della campagna di Trump.

Rudy Giuliani e altri avvocati che rappresentano la campagna elettorale del presidente Donald Trump hanno esposto giovedì in conferenza stampa le loro accuse sui...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Brogli U.S.A.: ecco le 9 accuse chiave della campagna di Trump.

Rudy Giuliani e altri avvocati che rappresentano la campagna elettorale del presidente Donald Trump hanno esposto giovedì in conferenza stampa le loro accuse sui...

Recovery, anche la Slovenia contro il ricatto a Polonia e Ungheria su Stato di Diritto.

"Solo un organo giudiziario indipendente può dire cos'è lo Stato di diritto, non una maggioranza politica", ha scritto Janez Jansa, premier conservatore sloveno, in...

Hong Kong: Joshua Wong, oltre 10Mila arresti per proteste contro regime cinese.

"Parte dell'enorme prezzo sostenuto nella lotta per la libertà e la democrazia a Hong Kong è rappresentato dall'aumento delle vittime giudiziarie. Ad oggi, più...

Terrorismo: “Migliaia di foreign fighters in UE, siamo in costante pericolo”.

"Devono essere prese misure di più ampia portata in modo da poter vivere in sicurezza in Europa e difendere il nostro modello di vita",...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x