Incidenti stradali, Fantozzi-Capecchi (FdI): “Cinghiali diventati un’emergenza sociale. C’è una responsabilità diretta della Regione”

“Sta esplodendo il contenzioso: per le cause pendenti, dovute a danni direttamente o indirettamente riconducibili a incidenti stradali causati da animali selvatici, siamo ormai nell’ordine di poco meno di due milioni di euro”.

“L’incidente stradale nel quale ha perso la vita un uomo di 55 anni in viale dei Tigli, tra Viareggio e Torre del Lago, è la conferma che i cinghiali sono diventati un’emergenza sociale. La popolazione degli ungulati è fuori controllo e costituisce un’emergenza per gli agricoltori, che vedono sistematicamente i loro raccolti devastati, ed anche per gli automobilisti, motociclisti e ciclisti visto che invadono tanto le strade periferiche quanto quelle principali. Il problema va affrontato in modo determinato, visto anche il crollo degli abbattimenti durante i mesi di restrizioni dovuti alla pandemia. Cinghiali che ritroviamo ormai anche nei centri abitati. Dopo la modifica dell’interpretazione delle norme nazionali in materia da parte della Corte di Cassazione, c’è una responsabilità della Regione e sta esplodendo il contenzioso: per le cause pendenti, dovute a danni direttamente o indirettamente riconducibili a incidenti stradali, siamo ormai nell’ordine di poco meno di due milioni di euro” dichiarano i consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Vittorio Fantozzi, vicepresidente della Commissione Sviluppo rurale, e Alessandro Capecchi, vicepresidente della Commissione Ambiente e Territorio.

“I soldi non bastano per risarcire chi perde la vita e le famiglie delle vittime. Bisogna intervenire in maniera decisa perché è evidente che non si tratta di episodi eccezionali ma ricorrenti la cui gravità dipende dalle condizioni del momento. In alcuni orari, all’imbrunire o la mattina presto, nelle zone montane e collinari quanto in quelle di pianura, è come fare una roulette russa. È chiaro che o si inverte la tendenza oppure la Regione rischia di avere una doppia responsabilità: da una parte la responsabilità di situazioni di grave pericolo, in alcuni casi anche mortali, e dall’altra parte la responsabilità di non arginare un fenomeno che inizia a incidere pesantemente sulle casse regionali stesse” sottolineano Capecchi e Fantozzi.

“Occorre aumentare gli abbattimenti degli ungulati estendendo gli orari di caccia anche all’imbrunire quando gli animali selvatici escono dalle tane, favorendo l’abbattimento soprattutto in determinate aree dove la presenza è eccessiva” chiedono Fantozzi e Capecchi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,959FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati