domenica, Settembre 27, 2020

Insulti a . Quella sinistra alla Veronesi che odia le donne di destra.

Che a sinistra fossero campioni mondiali nella disciplina “Due pesi e due misure” è storia arcinota: la sinistva paviolina con la puzza sotto il naso è fenomenale nel piangere e chiedere la deminutio capitis se qualcuno critica i vestiti della Bellanova, la mise della Cirinnà o le attitudini sessuali di questa o quella loro esponente.

E’ colpa del maschio, dello sporco maschio eterosessuale xenofobo di destra (anche un po’ razzista). Perchè il paviolino vadical chic non ammette che si possano criticare le donne: “E’ brava perché è donna, viva le quote rosa, viva le MeToo, viva tutte le donne!”. Pazienza se poi, nel caso specifico, non hanno alcun merito o qualità. Per intenderci, il vadical chic – nel parlare di donne – in quanto a dignità se la gioca con il maschio medio, che non ne vede una da qualche anno, l’8 marzo.

Giorgia , tra le donne, è l’unica ad essere leader di un movimento politico, in ascesa e coerente con se stesso ed i propri ideali. E’ mediaticamente esposta e non si tira mai indietro. Neanche quando si tratta di esprimere opinioni sacrosante: perché, simpatico o meno che possa risultare, è innegabile che mandare a processo Matteo – sconfessando le posizioni assunte in merito (eh, Italia Viva, il web ricorda…) – è un atto unicamente politico e di parte.

E questo non sta bene al vadical chic. Perchè non si chiama Teresa, non si chiama Maria Elena, non si chiama Monica. Si chiama Giorgia. Quindi scatenare la macchina del fango diventa cosa buona e giusta, per il paviolino.
Ed è così che esce dal pozzo senza fondo dell’ignominia addirittura Sandro Veronesi, che destatosi dal torpore estivo, nel replicare all’osservazione meloniana, risponde: “Vigliacca e traditrice, te e tua sorella”.

Chiunque abbia giocato a calcetto tra amici sa benissimo che il più classico degli insulti è quello riferito all’operato di madri, mogli e sorelle. Sorprende che una persona elogiata dal mainstream, una di quelle per cui la donna è sacra, non criticabile, da amare e rispettare incondizionatamente, una di quelle che se c’è da fare una campagna buonista non si tira mai indietro, si ritrovi ad insultare una donna per delle opinioni espresse, mostrando la profondità ed arguzia di un ragazzino maleducato di 13 anni. Ad esser buoni.
Il problema è solamente uno: quando le donne riusciranno a capire che sono sfruttate ed utilizzate dalla sinistra per i loro fini? Questa sinistra non ha nessuna intenzione di tutelare realmente la donna, quanto più di utilizzarla come specchietto per le allodole e trattarla come un animale in via di estinzione, né più né meno come il WWF utilizza il panda: un simbolo sacrificale sull’altare del politicamente corretto.

La donna non si difende con le quote rosa, la donna non si tutela creando discriminazioni ex adverso a detrimento dell’uomo, la donna non si rende maggiormente partecipe della vita pubblica imponendo delle campagne anti – odio portate avanti da chi odia.
La donna si tutela mettendola in condizione di correre alla pari, senza discriminazioni né privilegi di genere: come disse la stessa “Il fatto che io sia donna non mi autorizza a pretendere trattamenti migliori rispetto agli uomini. Una donna può essere criticata anche se donna”.

Anche Veronesi può essere criticato, ma preferiamo non farlo perché, come recita un antico adagio, “ai pazzi e alle creature dì sempre che hanno ragione”.

Nello Simonelli
Nello Simonelli
Nello Simonelli nasce ad Avezzano (AQ) il 26 novembre 1988. Sin da bambino interessato a tutto ciò che verte intorno al mondo del giornalismo e della scrittura, si laurea in giurisprudenza all’Università degli Studi di Teramo nel 2014, per poi dedicarsi ad attività che spaziano dal teatro alla dirigenza sportiva, dedicandosi ad ulteriori studi nel ramo del marketing e della comunicazione oltre che del diritto sportivo. Lavora presso lo Studio Legale Simonelli di Avezzano, è responsabile del circolo cittadino di Nazione Futura, scrive per diverse testate locali, nella Marsica ed in Abruzzo, e di approfondimento politico e sociale.

1 commento

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Georges Cazzoli

E va beh questo signor Veronesi si commenta da solo quindi non è proprio il caso di perdere tempo dietro a simili tristi affermazioni…

Seguici e resta aggiornato

17,831FansLike
3,724FollowersFollow

Leggi anche

Militare Morto, Meloni: Visalli è un eroe che Italia non deve dimenticare, il mio pensiero alla sua famiglia

"Una notizia che fa male al cuore. Questa mattina è stato ritrovato il corpo di Aurelio Visalli, sottufficiale della Guardia Costiera di Milazzo, tuffatosi...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Militare Morto, Meloni: Visalli è un eroe che Italia non deve dimenticare, il mio pensiero alla sua famiglia

"Una notizia che fa male al cuore. Questa mattina è stato ritrovato il corpo di Aurelio Visalli, sottufficiale della Guardia Costiera di Milazzo, tuffatosi...

INPS, Meloni: Conte dovrebbe chiedere dimissioni di Tridico

Da Tridico a triplico. Quando scopri che al presidente dell'INPS Tridico, tanto caro al M5S, è stato quasi triplicato lo stipendio capisci che siamo in...

Carceri, Bonafede strizza l’occhio all’Islam radicale?

Bonafede si piega all’Islam più radicale e rinnova con UCOII il protocollo d’intesa per favorire l’ingresso di imam e mediatori culturali nelle carceri per...

Legge Elettorale, Meloni: no alle liste bloccate, sì alle preferenze

"No alle liste bloccate, sì alle preferenze nella legge elettorale. Gli italiani scelgono con il voto di preferenza i deputati europei, i consiglieri comunali...
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x