“Javier Milei è un miracolo, se non lo sfruttiamo sarà colpa nostra”: Intervista a Nicolás Márquez e Marcelo Duclos

Se Javier Milei riuscirà ad attuare il suo programma, l'Argentina tornerà ad essere il miglior Paese del mondo. Siamo dei sopravvissuti, c'è un'enorme fame di crescita e la materia prima ideale per tornare a essere una potenza.

Pubblichiamo la traduzione in italiano dell'articolo a cura di Álvaro Peñas e José Papparelli per The European Conservative.

Nicolás Márquez è saggista e analista politico. È laureato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università Nazionale di Mar del Plata, presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università FASTA e presso il Center for Hemispheric Defense Studies (National Defense University di Washington DC). Ha pubblicato 12 libri, tra cui “El libro negro de la nueva izquierda” – scritto con Agustín Laje (Il libro nero della nuova sinistra), “La máquina de matar – Biografía definitiva del Che Guevara” (La macchina per uccidere – biografia definitiva del Che Guevara) e “La dictadura comunista de Salvador Allende” (La dittatura comunista di Salvador Allende).

Marcelo Duclos è laureato in giornalismo presso il TEA e ha conseguito un Master in Scienze politiche ed presso l'Eseade. Collaboratore di vari media, è stato docente di Struttura economica mondiale e responsabile della comunicazione di F. Naumann tra il 2010 e il 2022.

Abbiamo parlato con loro del loro nuovo libro “Milei, la revolución que no vieron venir” (Milei, la rivoluzione che non hanno visto arrivare), che analizza la vita, il tempo storico e la vertiginosa ascesa del primo presidente libertario.

Milei, la rivoluzione che non si aspettava. In che senso Milei sta guidando una rivoluzione? Chi non se l'aspettava e perché?

NM: Per 80 anni abbiamo vissuto in un sistema in cui c'erano alcuni concetti intoccabili: la giustizia sociale, la presenza dello Stato, le conquiste del , ecc. Tutta una serie di aforismi molto belli, ma che non funzionano e fanno parte di un socialismo sistemico, di uno Stato onnipresente, che è stato applicato in Argentina da tutti i governi che abbiamo avuto, da quello militare alla socialdemocrazia. Milei è il primo che ha osato mettere in discussione i principi che ci hanno portato alla rovina, e per questo è stato sottovalutato e preso per un pazzo. Quando è entrato in è stato trattato come un personaggio comico, ma in tre anni Javier Milei è passato da deputato a presidente grazie a una maggioranza sotterranea e cibernauta. Non se lo aspettavano e ancora oggi, con Milei presidente, non lo capiscono o, come si dice in Argentina, non lo vedono.

MD: L'Argentina ha vissuto una rivoluzione con un brusco cambio di paradigma. Potevamo eleggere i nostri rappresentanti, sì, ma sotto il controllo della corporazione politica che ha fatto le elezioni tra i cattivi e i meno cattivi. Per la prima volta, con l'arrivo di Milei, c'è stata una rivoluzione contro questo modello; anche a livello culturale, perché ha rotto tutti i manuali del politicamente corretto che ti dicono cosa puoi o non puoi dire, cosa che era assolutamente necessaria. La corporazione politica non si è accorta di quello che stava accadendo, né del fatto che i social network sono oggi più trascendenti dei media tradizionali, e per questo è sempre stata dietro a Milei. È stato più volte sottovalutato, hanno persino cercato di corromperlo, ma ora è il presidente dell'Argentina. È anche una rivoluzione nell'economia e il peso argentino, nell'ultimo periodo di analisi, è stata la valuta con la migliore performance al mondo, quando era stata la peggiore; il deficit fiscale è finito; e siamo passati da un indice di rischio di 3.000 a 1.000 in soli quattro mesi di governo. Non vogliono ancora vedere cosa sta realizzando Milei, e l'opposizione e i suoi media parlano solo della sua famiglia o se ha quattro o cinque cani.

Tutto questo con una scarsa rappresentanza nella legislatura.

NM: Milei ha solo il 15% del potere legislativo perché l'Argentina rinnova i deputati ogni due anni, il Congresso per metà e il per terzi. Nonostante abbia così pochi muscoli, si sta alzando in piedi e sta combattendo la battaglia. Chi pensava che sarebbe stato un presidente debole e impaurito di fronte alle manifestazioni e al potere politico, è completamente fuori di testa. Credo che a Milei piaccia il modo in cui è stato sottovalutato. Ed è anche importante notare che i suoi aggiustamenti, che sono drammatici, vengono accettati dall'argentino medio; questo rappresenta un cambiamento di mentalità rispetto al breve termine che c'è stato finora.

Chiaramente le parti non se lo aspettavano, ma nel tuo caso, che seguivi da vicino la carriera di Milei, ti aspettavi un risultato così positivo?  

NM: L'unica persona che conosco che ha azzeccato di poco il risultato delle elezioni di agosto è stato Marcelo, Milei ha ottenuto il 30% e Marcelo puntava al 28%. Ho pensato che più che un'analisi fosse l'espressione di un desiderio e, infatti, ho chiesto a Milei quale risultato si aspettasse e mi ha risposto che il 22% sarebbe stato spettacolare. Lo stesso Milei non si aspettava questo risultato.

MD: Ho avuto una dicotomia tra i miei strumenti analitici, basati sulla storia e sulle elezioni precedenti, e la realtà. Quando chiedevo alla gente, tutti mi dicevano per strada, al supermercato o altrove, che avrebbero votato per Milei. Il mio momento di rivelazione è stato quando, mentre ero con un amico in un ristorante di un quartiere povero, ho parlato al telefono con Martín Menem, presidente della dei Deputati e nipote dell'ex presidente Carlos Menem, e lui mi ha risposto: “Javier Milei è il prossimo presidente dell'Argentina”. Il mio amico mi ha detto che era ovvio, così ho chiesto ai camerieri e ai cuochi, e tutti mi hanno risposto che avrebbero votato per Milei. Allora ho capito che sarebbe successo.  

E la possibilità di frode?

MD: Sono convinto che il risultato di Milei sia stato superiore a quello indicato dalle urne. Stavo monitorando le elezioni in un quartiere benestante di Buenos Aires, lo faccio dal 2003, e non ho mai vissuto una cosa del genere. Hanno approfittato di ogni momento per rubare o cambiare le schede e il mio telefono squillava a vuoto con segnalazioni di brogli in diverse scuole; hanno fatto tutto il possibile, ma, nonostante tutto, Milei è finalmente diventato presidente.  

NM: Javier Milei rappresenta la novità del momento, ma ci sono stati altri partiti prima di lui. Tuttavia, erano partiti che rappresentavano la classe alta e raggiungevano solo il 10% dei voti. Milei ha ottenuto voti ovunque, ma il suo successo è stato quello di competere nei quartieri più poveri. Questo è un risultato enorme perché ha preso i voti dai quartieri emarginati dove il peronismo stava vincendo e che hanno sempre cercato di vivere a spese dello Stato; Milei è andato in quei quartieri e la gente è scesa in strada per sostenerlo, e ha vinto offrendo esattamente il contrario.

Questo sostegno popolare è una conseguenza del profilo e della storia di Milei, che proviene dalla classe media, è stato portiere in una squadra di calcio e ha persino avuto un gruppo rock?

MD: Sì, e anche perché parlava chiaramente alle persone e queste capivano che non stava mentendo.

NM: Certo, era un calciatore in un club popolare, era un rocker in una band del tipo “Stones”, la sua estetica non ha nulla a che vedere con quella di un normale economista e ha usato un linguaggio molto volgare in campagna elettorale, che ha moderato da quando è diventato presidente. 

Di recente ha detto che l'economia argentina sarebbe salita “come una scoreggia di un palombaro”.

NM: Di tanto in tanto mi sfugge qualcosa.

MD: Sì, ma l'analogia è molto accurata.

Ma oltre alla sua immagine, Milei è riuscito a cambiare una mentalità statalista.

NM: In Argentina la gente aveva un'idea astratta dello Stato e il grande risultato di Milei è stato quello di collegare lo Stato ai politici. Il culto dello Stato che esisteva nella mentalità degli argentini è stato spezzato quando è stato collegato a una classe politica totalmente screditata e piena di ladri, corrotti e bugiardi. Unendo le due cose, la gente ha iniziato a rifiutare questa mentalità statale.

DM: Si è cominciato a capire che l'unico a prosperare era il politico e l'unico a mantenere il proprio status era il burocrate. Purtroppo si è dovuto arrivare all'estremo perché la gente facesse questo collegamento.

Milei ha generato un fenomeno di ritorno al buon senso?

DM: Sì, ha riportato il buon senso, ma, allo stesso tempo, mai prima d'ora così tante persone hanno compreso le idee di base di un candidato per affrontare il cambiamento necessario. Il nostro libro vuole approfondire queste idee per far capire la portata delle riforme che Javier Milei intende realizzare.

Praticamente dal primo giorno, la sinistra è scesa in piazza per protestare contro i cambiamenti. Queste proteste stanno danneggiando la popolarità di Javier Milei?

NM: No, perché lui è il nemico, coloro che stanno perdendo i loro privilegi. Milei ha sempre detto di non essere venuto per chiudere la frattura, ma per approfondirla, e per questo li provoca. Direi che si diverte persino a provocare tutte queste minoranze femministe, LGTB o indigeniste, e la sinistra è totalmente sconcertata. Inoltre, tutti coloro che si esprimono contro di lui sono quelli che non voteranno mai per lui. Sono persone di sinistra a cui Milei sta togliendo tutto quello che può e sono disperate; sono una congrega, persone che non sanno produrre e sono parassiti dello Stato. Come dice Milei, la società si divide tra vittime e parassiti. La vittima è chi lavora e deve pagare tasse confiscatorie per mantenere un'intera struttura parassitaria, che Milei sta smantellando con la famosa motosega, che era uno degli slogan della sua campagna elettorale. Gli indici di popolarità di Milei sono alle stelle e con il miglioramento dell'economia saliranno ancora di più.

MD: Secondo i sondaggi, Milei ha aumentato i suoi consensi di due punti. Recentemente un giovane ha postato sui social network un su una manifestazione per l'università pubblica, in cui erano presenti proprio coloro che l'hanno rovinata. Il giovane se n'è andato dopo due minuti perché si è reso conto di essere trattato come un idiota. Allo stesso modo, immaginate un giovane ebreo che, andando a una di queste manifestazioni universitarie, si trovi circondato da bandiere palestinesi, di Hamas e iraniane. Ci sarà sempre uno zoccolo duro che non voterà mai per Milei, ma credo che ci sia una percentuale che si renderà conto di essere stata presa per matta. Per esempio, il sindacato CGT, che non ha indetto alcuna marcia di protesta mentre i salari venivano radicalmente ridotti negli ultimi quattro anni, e ora ha organizzato tre scioperi a tempo di record. Sono stati smascherati e sempre più persone se ne stanno rendendo conto.   

A livello internazionale, Milei ha riportato l'Argentina sulla mappa come un attore importante. Abbiamo visto il suo intervento al Forum economico mondiale, la sua partecipazione al CPAC negli Stati Uniti, l'invito a partecipare al G7, ecc. Come viene visto in Argentina?

MD: Credo che nel mondo ci sia una crescente comprensione della rilevanza e dell'importanza di ciò che Milei sta facendo. Vediamo che molti leader mondiali, da , più vicina ideologicamente, a Macron, che lo è molto meno, mostrano di riconoscere Milei. Tuttavia, il leader che si incontra con Elon Musk per discutere di investimenti, viene in Argentina e deve dare spiegazioni su come si pettina, su sua sorella o sui suoi cani. Purtroppo, per gli argentini, la sua epopea non è ancora stata riconosciuta.

Una chiave della vittoria di Milei è che è stato in grado di riunire sensibilità diverse: conservatori, liberali, nazionalisti e persino persone provenienti dal peronismo. È davvero così?

NM: Sì, e questo libro ne è un esempio. Io sono un conservatore di destra e Marcelo è un libertario puro. Questa formula esiste. Nel governo, il vicepresidente è un tradizionalista cattolico e c'è stata una convergenza di diversi settori. In ambito economico prevale l'ideologia libertaria e in ambito culturale c'è una chiara componente conservatrice, con alleanze con Abascal, e Trump. Ci sono anche persone che provengono dal peronismo e dal radicalismo. Milei non sarebbe stato in grado di formare un governo solo con i libertari e ha saputo unire volontà diverse.

MD: In un certo senso non sono d'accordo, perché il fenomeno Milei non può essere visto come il successo dei libertari con i conservatori. Perché noi libertari eravamo appena un centinaio e ci conoscevamo tutti, e la destra conservatrice aveva l'1,5% dei voti. Ora, grazie al governo di Milei, ci sono molti più liberali e conservatori. È merito di Milei se è riuscito a fare un discorso che ha superato i limiti ideologici. Il nostro libro vuole dare forma politica a questo discorso, essere uno strumento per poter discutere contro la sinistra.

Dove sta andando la rivoluzione di Milei e qual è la sua prognosi?

NM: Secondo me, a livello culturale l'Argentina è stata immersa nel wokismo negli ultimi 20 anni. Milei sta smantellando questa ideologia e lo sta facendo in modo provocatorio. In campo economico, Milei cercherà di portare all'estremo l'economia di mercato con uno Stato il più piccolo possibile, nella misura in cui la politica glielo consentirà, cioè a seconda dell'appoggio parlamentare che potrà ottenere. In termini economici, il più liberale possibile; nella cosiddetta battaglia culturale per disarmare il wokismo che ha infettato la società argentina, venduto dallo Stato come politica pubblica.

MD: Non ho dubbi sui possibili scenari e li indico nel libro. Il primo è che la corporazione politica batta Milei, perché sono disposti a fare qualsiasi cosa, anche la follia, per evitare che Milei rovini i loro affari e privilegi. La seconda è che Milei riesca ad aumentare il numero di legislatori nel 2025, il che gli permetterebbe di porre fine alle catene che ora lo limitano e di trasformare l'Argentina in una potenza mondiale.

Javier Milei è l'ultima speranza per l'Argentina?

NM: Javier Milei è un miracolo, se non lo sfruttiamo sarà colpa nostra. Una cosa del genere capita una volta ogni cento anni e per me è un merito quando viene trattato come un pazzo. Abbiamo bisogno di qualcuno capace di prendere misure drastiche senza badare a spese. Per me è un merito che sia una persona sconsiderata.

MD: Se Javier Milei riuscirà a realizzare il suo programma, l'Argentina tornerà a essere il miglior Paese del mondo. Siamo sopravvissuti, c'è un'enorme fame di crescita e la materia prima ideale per tornare a essere una potenza. 

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

1
0
Would love your thoughts, please comment.x