La Brexit si complica ancora: la May naviga in acque difficili

149 sono i voti contrari all’ennesima proposta sulla Brexit condotta da Theresa May e Unione Europea. Mesi dopo la situazione è sempre la stessa: stiamo assistendo ancora una volta ad un braccio di ferro fra le richieste dei brexiteers e le concessioni da parte dell’Ue. Nessuno dei due protagonisti sembra voler cedere.

Siamo arrivati a pochi passi dalla data dell’uscita ufficiale del Regno Unito dall’Unione, stabilita per il 29 marzo, e purtroppo i nodi irrisolti sono ancora molti e di grande complessità.

Primo fra tutti il tema del backstop. Tale concetto merita di essere esplicato in maniera più ampia: con il termine  “backstop” si intende una assicurazione che garantisca che il confine tra l’Irlanda del Nord ( che fa parte del Regno Unito) e la Repubblica di Irlanda rimanga aperto. In sostanza, fino a quando non si giungerà ad un’effettiva intesa commerciale, l’Irlanda del Nord continuerebbe ad orbitare nel mercato unico, mentre il resto del Regno Unito si troverebbe fuori, trovandosi a far parte dell’unione doganale. Tale ipotesi non è contemplata però in alcun modo, nonostante le rassicurazioni di Bruxelles, poiché il governo britannico afferma che una situazione del genere minaccerebbe l’integrità del territorio; ciò che è stato proposto dalla parte anglosassone è il mantenimento (nel caso in cui non si giungesse ad un accordo adeguato) dell’intero territorio britannico nel mercato unico. Come si può ben immaginare, all’Unione Europea questa soluzione non piace affatto.

Un altro tema scottante è quello del no-deal (che , a proposito, sarà oggetto di votazione stasera a Westminster) per cui si presenterebbe, oggi più concretamente che mai, la possibilità di un’uscita della Gran Bretagna dal circolo dei 27 senza alcun tipo di accordo. Tale ipotesi però comporta degli svantaggi economici ingenti per entrambe le parti in gioco.

Ultimo scenario possibile sarebbe infine quello di un rinvio della Brexit, che porterebbe ad una serie di conseguenze di non facile interpretazione e soluzione.
Innanzitutto, rimandare l’uscita del paese britannico dalla realtà europea significherebbe mettere in discussione la legittimità delle prossime elezioni di maggio. In questo caso quale sarebbe l’atteggiamento da assumere? Sarebbe opportuno far partecipare anche i candidati britannici o estrometterli sin da ora alla formazione del Parlamento europeo? E’ evidente che tale situazione non farebbe che accrescere problematiche che già ora presentano grosse problematiche.

Infine, ma non di secondaria importanza, è il fatto che posticipare la data della Brexit vorrebbe dire in sostanza venire meno alla volontà che il popolo inglese ha espresso nel giugno di quasi tre anni fa; verrebbe dunque meno quel rapporto di fiducia instauratosi sin dal principio tra governanti e un popolo che si è affidato totalmente e ciecamente a chi guida il proprio Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,723FansLike
3,553FollowersFollow

Leggi anche

Vincenzo Maria Tripodi e gli eroi della nostra quotidianita’

“Una pizza in via ...”. Tanto è bastato al giovane poliziotto Vincenzo Maria Tripodi per capire che dietro quella richiesta strana non vi fosse...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Vincenzo Maria Tripodi e gli eroi della nostra quotidianita’

“Una pizza in via ...”. Tanto è bastato al giovane poliziotto Vincenzo Maria Tripodi per capire che dietro quella richiesta strana non vi fosse...

Lockdown. Quei verbali che sbugiardano Conte.

«Questo governo non agisce col favore delle tenebre», assicurava “Camaleconte” in pieno lockdown nella celebre conferenza stampa stile caudillo sudamericano. Davvero? Pochi giorni fa ha...

Rete Unica, Meloni: sulla Rete o si fa la separazione strutturale o si applica la Legge 136 del 2018

“Il progetto sul futuro della rete sostenuto dal governo va in direzione opposta alla soluzione approvata dall’attuale Parlamento e in linea con il quadro...

Dl Agosto, Meloni: blocco licenziamenti solo con Cassa Integrazione, proposte FdI avrebbero aiutato ma sono state tutte bocciate

“È giusto bloccare i licenziamenti unicamente se il blocco dei licenziamenti corrisponde senza limitazioni al pagamento della cassa integrazione. Perché una cosa è che...