La catastrofe di Putin in Ucraina. Un’inchiesta del New York Times racconta il fallimento russo.

Soldati russi vanno in battaglia con poco cibo, munizioni scarse e istruzioni prese da dal web per armi che sanno usare a malapena dopo solo pochi giorni di frettoloso addestramento. Attraversano l’Ucraina con vecchie mappe degli anni ’60 recuperate dal campo di battaglia o in alcuni casi nessuna mappa.

Parlano su linee telefoniche aperte, chiamano casa e rivelano le loro posizioni facendosi massacrare facilmente dagli ucraini.

Addestrati poco o nulla in fatiscenti basi russe svuotate dalla corruzione che dilaga tra le fila degli ufficiali si ritrovano sul campo di battaglia con obiettivi basati su piani assolutamente irrealistici per conquistare il territorio ucraino e si lamentano di essere stati mandati in un “tritacarne” e trasformati in hamburger umani insieme ai propri commilitoni.

Questa è la storia dello storico fallimento militare di Vladimir Putin, raccontata in una lunga e articolta inchiesta del New York Times basato su interviste, intercettazioni, documenti e piani di battaglia trapelati. Il Times mostra come una “passeggiata nel parco” sia diventata una catastrofe per la Russia.

Alcuni dei primi sostenitori della guerra stanno iniziando a fare i conti con l’idea della sconfitta. Prima dell’invasione, le agenzie di intelligence americane identificarono Oleg Tsaryov come un leader fantoccio che il Cremlino avrebbe potuto insediare una volta conquistato l’Ucraina. Da allora la sua fiducia nella guerra è svanita.

“Ero lì. Ho partecipato” all’invasione, ha detto Tsaryov al Times durante un’intervista telefonica. Ma, ha detto, non gli sono mai stati comunicati i dettagli finali e “l’esercito russo non ha capito” gli ucraini avrebbero reagito, pensando “tutto sarebbe stato facile”.

Ora, il signor Tsaryov, un uomo d’affari ucraino, dice che sarebbe felice se i combattimenti finissero semplicemente lungo le attuali linee di battaglia – con la Russia che non è riuscita a catturare e mantenere il possesso di una singola capitale regionale dall’inizio dell’invasione.

“Stiamo perdendo l’Ucraina”, ha detto Tsaryov. “L’abbiamo già persa.”

L’ilusione di conquistare l’Ucraina trovando poca resistenza

I piani di invasione russa ottenuti dal Times ordinavano alle truppe di correre per centinaia di miglia attraverso l’Ucraina da più direzioni, anticipando poca resistenza.
Poco prima delle 6 del mattino, ora di Mosca, Putin ha dichiarato l’apertura della sua “operazione militare speciale” in un discorso televisivo. È iniziato con un bombardamento aereo per eliminare le difese aeree, le comunicazioni e le installazioni radar dell’Ucraina, per sopraffare le sue forze armate e distruggere la sua capacità di contrattaccare.

Più di 150 missili hanno colpito l’Ucraina da bombardieri, sottomarini e navi. Ben 75 aerei russi sono volati nei cieli ucraini, circa le dimensioni dell’intera flotta da combattimento aerea ucraina, hanno detto analisti e funzionari.

Eppure sono stati commessi errori grossolani fin da subito, come l‘incapacità di distruggere le modeste difese aeree dell’Ucraina. Questo è stato uno degli errori più significativi della guerra, sventando la potente forza aerea della Russia nella fase iniziale. Le interviste del NYT hanno rivelato perché è successo e come gli ucraini sono riusciti a stare un passo avanti ai loro invasori.

L’Ucraina avrebbe dovuto essere sopraffatta. Per un conteggio, i suoi aerei da combattimento erano in inferiorità numerica di 15 a uno in alcune delle prime battaglie aeree. Anche gli aerei russi erano più avanzati, aiutando i suoi piloti a vedere più lontano e colpire da distanze maggiori. La Russia disponeva di migliaia di missili da crociera e balistici che avrebbero dovuto soffocare le vecchie difese ucraine dell’era sovietica. Questo è ciò che i funzionari dell’intelligence americana e ucraina presumevano, comunque, portando a previsioni che l’Ucraina sarebbe caduta in pochi giorni.

Quindi, l’Ucraina ha rimescolato le carte. Ha spostato alcune delle sue difese – come i lanciamissili Buk e S-300, insieme al suo principale centro di comando e controllo dell’intelligence radio – in nuovi siti prima dell’inizio della guerra, hanno detto alti funzionari ucraini. I missili russi spesso colpiscono invece le vecchie posizioni. In tutto, ben il 60% dei missili da crociera russi ha mancato gli obiettivi prefissati, hanno detto i funzionari americani.

Per le truppe russe sul terreno, è stato un disastro.

Senza copertura aerea, erano improvvisamente molto più vulnerabili, gettando ulteriormente nel caos la loro travagliata marcia verso Kiev e altre grandi città.

Sebbene decine di migliaia di loro si fossero ammassati lungo i confini dell’Ucraina, indugiando minacciosi come se fossero desiderosi di colpire, molti non hanno mai pensato che sarebbero effettivamente entrati in guerra. Come la maggior parte della Russia, hanno pensato che fosse solo per spettacolo, per ottenere concessioni dall’Occidente.

Le interviste con i soldati russi mostrano tutto il loro essere sbalorditi quando sono giunti gli ordini di invasione.

Un fallimento anche gli attacchi hacker

La Russia non solo ha fallito l’attacco via terra e via aria, ma ha anche riposto troppa fiducia in un’altra ala del suo decantato arsenale: l’hacking.

Ancor prima che venissero lanciati i primi missili e colpi, l’unità 74455 della direzione dell’intelligence militare russa, o GRU, ha cercato di infiltrarsi nelle reti ucraine e di chiuderle.

I funzionari di Washington, che da anni lavoravano a stretto contatto con gli ucraini per rafforzare le loro difese informatiche, avevano trattenuto il respiro. Gli Stati avevano utilizzato principalmente l’hacking per atti di spionaggio e furto finanziario, per sovversione e sabotaggio. Ma nessuno sapeva davvero come sarebbe andata a finire in un conflitto militare su vasta scala.

Si è trattato di un gioco informatico del gatto e del topo, con gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e altri alleati che hanno contribuito a sostenere i computer ucraini e a respingere le intrusioni russe.

Ben presto, i passi falsi della Russia passarono dal sofisticato al banale.

Con i loro piani per una rapida vittoria ostacolati, le forze russe si trovarono improvvisamente di fronte ai problemi più basilari: non avevano portato abbastanza cibo, acqua o altri rifornimenti per una campagna prolungata. I soldati sono ricorsi al saccheggio di negozi di alimentari, ospedali e case.

Il fallimento di Putin

Consumato dalla sua eredità, ribollendo di risentimento contro l’Occidente, Putin ha portato il suo paese alla guerra per sigillare il suo posto nella storia russa. Alleati e aiutanti adulatori hanno alimentato la convinzione che la Russia avrebbe facilmente sopraffatto il suo vicino, ma la storia non sta andando nel verso giusto per il leader russo.

Leggi l’inchiesta del New York Times qui.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Discussioni

12,145FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati