La Ciclabile del ponte sullo Stretto. Non ci resta che piangere.

“Abbiamo istituito una commissione per capire quale è lo strumento migliore per collegare la Sicilia alla Calabria. Per collegarle su ferro, su strada e con una pista ciclabile. L’opera che verrà deve essere sicura ed economicamente sostenibile”.

Questo il pensiero espresso mercoledì sera in un post su Facebook dal ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Paola De Micheli. In poche parole, la versione tragicomica e 2.0 del Ponte sullo Stretto. E, come prevedibile, si è scatenato il mondo dei social.

Inizialmente, come prevedibile, è stata l’ironia a farla da padrona: “Ora, dopo il ponte, proporranno il tunnel, le piste ciclabili, arriverà anche il monopattino, e spero che nessuno proponga la funivia o la catapulta”. Non sarebbe nemmeno male, questa ironia, se non fosse che arriva da Giuseppe Provenzano, Ministro del Sud, collega e sodale di partito della De Micheli. Ridono delle loro stesse proposte. Un minuto di silenzio.

Inappuntabile, invece, la chiosa di , che va dritta al nocciolo della questione: “Altri esperti, altre spese, una nuova commissione. Per fare cosa? Udite udite: ragionare su una pista ciclabile per collegare le due sponde dello stretto di Messina. In un momento di crisi come questo, chi non ha come priorità fare due pedalate tra la Calabria e la Sicilia? Ma vi rendete conto a chi è in mano l’Italia?

PS: Ma la pista sarà omologata anche per i banchi a rotelle?”.

Perchè si, al di là della facilissima ironia – è un po’ come sparare sulla croce rossa – la questione è presto detta: ci troviamo di fronte all’ennesima fanfaronata del Governo, che da mesi a questa parte è in grado solo di nominare commissioni di esperti su esperti per non prendere decisioni o per prenderne di fallimentari.

Guardiamoci in faccia: l’Italia è sempre stata un Paese di santi, navigatori e poeti. Oggi è un Paese di esperti. Esperti su esperti, a profusione. Nessuno, però, si rende conto che operando in tale modo si toglie alla politica il suo ruolo principe, cioè quello di governare la Nazione nell’interesse dei consociati. Sarà, questo Governo, ricordato senza alcun dubbio come il Governo del Disimpegno.

In un momento nel quale servirebbe la capacità di prendere decisioni volte al rilancio, al raggiungimento della piena occupazione, a lasciarsi alle spalle un periodo di forte contrazione economica, in questo momento invece si delegano decisioni fallimentari agli “esperti”.

E allora sorge una domanda: ma la pista ciclabile, almeno, sarà omologata per il teletrasporto?

Nello Simonelli
Nello Simonelli
Nello Simonelli nasce ad Avezzano (AQ) il 26 novembre 1988. Sin da bambino interessato a tutto ciò che verte intorno al mondo del giornalismo e della scrittura, si laurea in giurisprudenza all’Università degli Studi di Teramo nel 2014, per poi dedicarsi ad attività che spaziano dal teatro alla dirigenza sportiva, dedicandosi ad ulteriori studi nel ramo del marketing e della comunicazione oltre che del diritto sportivo. Lavora presso lo Studio Legale Simonelli di Avezzano, è responsabile del circolo cittadino di Nazione Futura, scrive per diverse testate locali, nella Marsica ed in Abruzzo, e di approfondimento politico e sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,822FansLike
3,690FollowersFollow

Leggi anche

Voto, Giorgia Meloni: italiani hanno possibilità di cambiare destino della Nazione

Fino alle 23.00 di oggi e domani dalle 7.00 alle 15.00, tanti italiani avranno la possibilità di cambiare il destino del proprio territorio e...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Voto, Giorgia Meloni: italiani hanno possibilità di cambiare destino della Nazione

Fino alle 23.00 di oggi e domani dalle 7.00 alle 15.00, tanti italiani avranno la possibilità di cambiare il destino del proprio territorio e...

Disastro Di Stefano. Nuova figuraccia per il sottosegretario grillino agli Esteri

Scambia la 53esima edizione del meeting dell'ASEAN per il numero degli stati che lo compongono: 10 e non 53. Così, Manlio Di Stefano, dopo...

Clientelismo sinistro. Emiliano firma assunzioni in campagna elettorale.

Mancano due giorni all’election day, all’interno di una tornata elettorale che potrà stravolgere ulteriormente gli equilibri di potere in alcune Regioni storicamente rosse, e...

Meloni: sinistra bugiarda e spaventata dal voto. Sfido Zingaretti e Gualtieri.

"Una sinistra bugiarda e spaventata dal risultato del prossimo lunedì continua a dire che non avremmo proposte da dare agli italiani. Sfido pubblicamente Nicola...