giovedì, Ottobre 1, 2020

La “droga di Dio” è tra noi. Ma non è una bella notizia.

Passano i decenni, ma non passa la voglia di evasione che i “figli dei fiori” portarono tra noi una quarantina di anni fa. Furono i primi sballi, con marijuana e hashish che andavano come i fumaioli del Titanic, ma anche roba ben più strong, come gli allucinogeni, vedi LSD, di gran moda negli anni ’60 e ’70, divenuto in seguito e per fortuna di nicchia, con pochi folli ancora a utilizzarlo, affascinati da allucinazioni che a qualcuno sono costate la vita.
Ora sembra proprio che questa voglia di estraniarsi dalla realtà, di ritrovarsi su un “piano diverso” non necessariamente superiore, stia tornando di moda, insieme alla cucina vegana e macrobiotica, al feng shui, alle vacanze nei conventi di clausura, alle tisane usate anche per brindare a Capodanno. Perciò ecco arrivare tra noi l’ayahuasca, in lingua quechua “liana degli spiriti” o “liana dei morti”, più nota forse come Yage, un infuso psichedelico a base di diverse piante amazzoniche con il duplice effetto allucinogeno e purgante. Uno strambo connubio, che per alcuni significa disintossicare spirito e corpo. Ma se gli infusi di zenzero e curcuma, citronella, aglio e centifoglia fanno un gran bene alla salute, ben diverso è l discorso che riguarda l’ayahuasca.
Nel tempo, questa bevanda che era a tutto appannaggio dello sciamanesimo amazzonico dove era utilizzata per espandere la conoscenza, negli anni novanta divenne nota grazie al mondo accademico che prese a studiarne le eventuali potenzialità terapeutiche. A detta di molti studiosi e di parecchi progetti di ricerca portati avanti con l’utilizzo dell’infuso, pare che l’ayahuasca abbia la particolarità di aiutare soggetti affetti da abuso di sostanza a vincere la loro dipendenza. Pare, perché alla fine i pareri restano discordanti e non è ancora stata scritta una parola per fugare i dubbi che non sono pochi. Così, in alcuni stati come la Francia l’ayahuasca viene vietata in tutte le sue forme, in altri il decotto di ayahuasca è diventato esplicitamente legale per usi religiosi come in Brasile dal 1986.
In Italia, la DMT – l’ayahuasca o bevande simili, basate sul complesso armina-DMT – è inserita in tabella 1 dell’elenco delle sostanze stupefacenti e psicotrope, tuttavia la bevanda denominata Ayahuasca non può essere classificata come una droga. Le piante naturali che la compongono anche se contengono naturalmente del DMT non sono incluse in alcun elenco di sostanze vietate. Ciononostante, viene considerata dalle Forze dell’Ordine e dagli addetti ai lavori, come un pericoloso stupefacente. Così ecco che se da una parte l’ayahuasca viene considerata come un infuso non perseguibile, dall’altra si arriva al suo sequestro ogni volta che viene rintracciata, come ad esempio nei giorni scorsi, quando gli uomini dei carabinieri ne hanno sequestrata una discreta quantità in un appartamento di Fiuggi – hai visto mai abbia anche un uso termale! – già pronta ad essere immessa sul mercato sotto forma di capsule.
E torniamo però agli effetti di questa sostanza che non sono chiari a noi ma – peggio – non sono chiari a chi se ne occupa come esperto. Per esempio, se da un lato cancella lo stress, dall’altro spinge al suicidio. E si registrano anche le prime vittime italiane. Un 41enne di Bergamo, dopo avere partecipato a un festino dove si è fatto grande uso di questo allucinogeno, si è gettato dal decimo piano di un hotel di Brasilia. Era convinto di saper volare. Così come Emiliano e Denis, 28 e 29 anni, morti in piena Amazzonia a causa delle allucinazioni e delle azioni compiute subito dopo, ancora da chiarire. In Francia, Sophie, 18enne, si è lanciata dalla finestra del suo albergo a Parigi dopo un rito sciamanico.
Va da sé che la commercializzazione di questa sostanza appare grandemente pericolosa soprattutto per giovani, e si richiama all’attenzione del Ministero della Salute l’inserire l’ayahuasca tra le droghe vietate, così come in Francia, il tutto prima che quest’ennesima piaga si faccia spazio.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,842FansLike
3,731FollowersFollow

Leggi anche

Giorgia Meloni: Blair? Bizzarre ricostruzioni, noi siamo la Destra.

Ogni giorno mi diverto a guardare le bizzarre ricostruzioni che vorrebbero il progetto di Fratelli d'Italia ispirato da un diverso modello straniero. Il modello...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Giorgia Meloni: Blair? Bizzarre ricostruzioni, noi siamo la Destra.

Ogni giorno mi diverto a guardare le bizzarre ricostruzioni che vorrebbero il progetto di Fratelli d'Italia ispirato da un diverso modello straniero. Il modello...

Piemonte, Meloni: Solidarietà di FdI al Governatore Cirio, inquirenti facciano luce sul caso e responsabili siano individuati

«Piena solidarietà di Fratelli d’Italia al governatore del Piemonte Alberto Cirio. Lo spregevole volantino intimidatorio trovato, guarda caso, nei pressi del centro sociale 'Askatasuna'...

Banca Popolare di Bari: un prestito che non poteva passare inosservato

Era il dicembre 2019. Dalle pagine di questo giornale provavamo a ricostruire la lunga serie di prestiti, concessi dalla Banca Popolare di Bari. Ci...

ONG: Sardine organizzano colletta per nuova nave immigrazionista.

Le Sardine hanno annunciato il lancio di una campagna di crowdfunding, che servirà per mettere in mare la seconda nave italiana per il soccorso umanitario. "C'è chi impacchetta...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x