giovedì, Ottobre 1, 2020

La finaccia del M5S: calpesta la Costituzione per una poltrona al Senato

Per capire bene la porcata – se una legge elettorale fu ribattezzata porcellum- consentiteci di usare tale termine per quanto avvenuto oggi – messa in atto dal Movimento 5 Stelle, bisogna fare una breve premessa che descrive la cornice dei fatti.

Le elezioni per il Senato della Repubblica sono su base regionale secondo l’art. 57 della Costituzione, primo comma.

Il Senato della Repubblica è eletto a base regionale, salvi i seggi assegnati alla circoscrizione Estero.

Si tratta di un principio radicato in maniera tale che quando si stava discutendo il porcellum, nel momento in cui si ipotizzava un premio di maggioranza al Senato, ci ful’ intervento informale di Ciampi, allora Presidente della Repubblica, che comunicò chiaramente che la cosa non si potesse fare proprio perchè la Costituzione è molto chiara su questo. Per questo anche nell’attuale legge elettorale l’elezione al Senato è – lo ribadiamo – su base regionale.

In Sicilia, in vista delle elezioni politiche 2018, il Movimento 5 stelle si è avvalso della possibilità delle pluricandidature (che consente di mettere la stessa persona in corsa sia in collegi uninominali che plurinominali), ma è successo che con l’ottimo risultato ottenuto, i grillini, in tale regione, si siano ritrovati con un seggio in più rispetto alle teste che avevano candidato. L’anomalia deriva non dalla legge elettorale, ma dalla scelta dei grillini di occupare più posti con la stessa persone.

Detto con i numeri, la Sicilia aveva 9 collegi uninominali e 16 proporzionali. Il numero massimo di candidature presentabili era per 17 seggi. I 5 Stelle, tuttavia, hanno presentato 16 candidati essendo Nunzia Catalfo in corsa anche all’uninominale nel collegio di Catania oltre che nel proporzionale in Sicilia Orientale. Il movimento avrebbe avuto diritto a 17 posti di cui 9 candidati all’uninominale e 8 al proporzionale, ma essendo la Catalfo già eletta al maggioritario, non c’era capienza per un senatore.

Quindi, come è accaduto numerose volte in passato, il Senato aveva un eletto in meno, contando su 314 e non 315 senatori, ma non sarebbe stato un dramma visto che i casi analoghi nella storia sono diversi, almeno quattro.

Fin qui la premessa, ora parliamo della “porcata” prodotta dalla voracità di poltrone del Movimento 5 Stelle. Un poltronismo che supera ogni immaginazione e ogni precedente anche degli anni della Prima Repubblica.

Oggi, avvalendosi del fatto che è la Giunta delle elezioni e delle immunita’ parlamentari a deliberare per le questioni elettorali del Senato, gli uomini di Di Maio, hanno fatto passare una interpretazione fantasiosa della legge e a colpi di maggioranza, grazie anche all’aiuto e ai voti della Lega, sono andati a prendersi un primo non eletto nel resto d’Italia, precisamente in Umbria: così i siciliani si sono ritrovati con i loro voti ad eleggere un senatore di una regione del centro. L’Umbria ha diritto a 7 senatori, ma grazie a questa decisione assurda ne avrà 8, contravvenendo al citato articolo della Costituzione che non solo dice che l’elezione è su base regionale, ma che è anche proporzionata alla popolazione residente in Regione come si legge nel comma 4 che riportiamo.

La ripartizione dei seggi tra le Regioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, previa applicazione delle disposizioni del precedente comma, si effettua in proporzione alla popolazione delle Regioni, quale risulta dall’ultimo censimento generale, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti

Questo fatto grave dunque, viola per ben due volte l’art. 57.

La mossa scandalosa dei 5 stelle la spiega bene il senatore di Fratelli d’Italia Alberto Balboni.

“La proposta della Giunta è contro la Costituzione, è basata solo sull’arroganza della maggioranza che decide che la Sicilia deve avere un seggio in meno e l’Umbria uno in più contravvenendo alla Costituzione che prevede che i seggi del Senato vengano ripartiti in base alla popolazione. Inoltre la Giunta per le Elezioni è passata con un solo voto di differenza con il voto determinante della Südtiroler Volkspartei che quanto possa essere interessata alle sorti della Sicilia è risaputo, ma soprattutto ci chiediamo quale contropartita avrà richiesto alle forze di maggioranza”.

Ed ecco la finaccia del Movimento 5 Stelle: dalle battaglie per la Costituzione più bella del mondo a calpestarla senza ritegno quando si tratta di andare a prendersi una poltrona in più, creando almeno due precedenti molto pericolosi. Il primo è quello di far passare il principio che la Giunta per le Elezioni può fare come gli pare e quindi in futuro a colpi di maggioranza potrà operare altre forzature in spregio della legge e della Costituzione. Il secondo precedente è che questo principio potrebbe essere tranquillamente utilizzato in modo furbesco proprio per far eleggere persone in regioni diverse da quelle in cui si vota.

Quindi una forza come la Lega che potrebbe avere più interesse a far eleggere più persone nel centro-nord che al centro-sud, potrebbe fare pieno ricorso al sistema delle pluricandidature nelle regioni che gli interessano di meno come ad esempio la Sicilia, la Calabria o la Campania, in modo da avere più seggi delle teste messe in campo così da regalare più eletti alle regioni che gli piacciono di più, come magari Veneto e Lombardia, ma con i voti del Sud.

Questi sono i grillini al Governo.

Ulderico de Laurentiis
Ulderico de Laurentiishttp://www.uldericodelaurentiis.it
Direttore Responsabile de "La Voce del Patriota". Giornalista Pubblicista, laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa con un Master in Comunicazione Multimediale. Militante della destra politica fin da giovanissimo, appassionato di Cybercultura, osservatore curioso dell'Alt-right americana, cultore di Enogastronomia. "Per aspera ad astra"
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,843FansLike
3,731FollowersFollow

Leggi anche

Giorgia Meloni: Blair? Bizzarre ricostruzioni, noi siamo la Destra.

Ogni giorno mi diverto a guardare le bizzarre ricostruzioni che vorrebbero il progetto di Fratelli d'Italia ispirato da un diverso modello straniero. Il modello...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Giorgia Meloni: Blair? Bizzarre ricostruzioni, noi siamo la Destra.

Ogni giorno mi diverto a guardare le bizzarre ricostruzioni che vorrebbero il progetto di Fratelli d'Italia ispirato da un diverso modello straniero. Il modello...

Piemonte, Meloni: Solidarietà di FdI al Governatore Cirio, inquirenti facciano luce sul caso e responsabili siano individuati

«Piena solidarietà di Fratelli d’Italia al governatore del Piemonte Alberto Cirio. Lo spregevole volantino intimidatorio trovato, guarda caso, nei pressi del centro sociale 'Askatasuna'...

Banca Popolare di Bari: un prestito che non poteva passare inosservato

Era il dicembre 2019. Dalle pagine di questo giornale provavamo a ricostruire la lunga serie di prestiti, concessi dalla Banca Popolare di Bari. Ci...

ONG: Sardine organizzano colletta per nuova nave immigrazionista.

Le Sardine hanno annunciato il lancio di una campagna di crowdfunding, che servirà per mettere in mare la seconda nave italiana per il soccorso umanitario. "C'è chi impacchetta...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x