La Francia chiude la moschea di Parigi che ha condiviso la Fatwa contro l’insegnante decapitato

Il ministro dell’Interno francese Gérald Darmanin ha annunciato la chiusura della moschea che ha condiviso il video della fatwa contro Samuel Paty per aver mostrato vignette su Maometto durante una lezione sulla libertà di espressione, fatwa che ha ispirato la decapitazione dell’insegnante da parte di un rifugiato ceceno.

La Grande Moschea di Pantin nel sobborgo parigino di Seine-Saint-Denis, popolato da molti migranti, sarà chiusa per sei mesi da mercoledì, nell’ambito di una più ampia repressione dell’islamismo in Francia. Le autorità hanno arrestato più di 80 persone che hanno espresso sostegno al terrorista, con il presidente francese Emmanuel Macron che ha promesso lo scioglimento di diverse organizzazioni islamiste.

Brahim Chninam, la cui figlia di 13 anni era nella classe del signor Paty, aveva registrato un video e lo aveva condiviso sui social media, in cui chiedeva una “mobilitazione” contro l’insegnante, una mossa in seguito etichettata da Darmanin come ” fatwa “. La moschea ha condiviso il post, che ha rivelato il nome dell’insegnante e i dettagli della scuola di Conflans-Saint-Honorine. Venerdì, il diciottenne Abdoulakh Anzorov ha decapitato l’insegnante prima di essere ucciso dalla polizia.

“Ho chiesto al prefetto di Seine-Saint-Denis di chiudere la moschea Pantin in risposta al suo leader che condivideva un messaggio chiedendo l’intimidazione di un insegnante e fornendo l’indirizzo della scuola. Il prefetto ha firmato il divieto questa sera ” , ha detto il ministro dell’Interno , secondo quanto riporta Le Figaro .

Il leader della moschea, M’hammed Henniche, in seguito si è scusato per aver condiviso il video e lo ha cancellato dalla pagina Facebook dell’organizzazione, sostenendo che non poteva immaginare che dopo averlo condiviso, avrebbe ispirato un estremista islamico a uccidere Paty. Ha affermato di aver visto il video da almeno altre dieci fonti e che era “virale nei circoli musulmani” e si stava diffondendo ampiamente su WhatsApp.

Secondo Le Figaro , Henniche è il capo dell’Unione delle associazioni musulmane di Seine-Saint-Denis e della Federazione musulmana di Pantin, che riunisce sei associazioni musulmane nel comune di Pantin. Il giornale afferma inoltre che Henniche conosce anche l’islamista radicale Abdelhakim Sefrioui, sebbene abbia detto a  Libération di non essere stato in contatto con Sefrioui dal 2012.

Secondo quanto riferito, Sefrioui ha anche realizzato video definendo Paty un “delinquente” ed è noto da anni ai servizi di sicurezza francesi. La polizia francese ha arrestato sia Chninam, il padre dell’allievo che ha lanciato la campagna contro l’insegnante deceduto, sia Sefrioui.

La Grande Moschea di Pantin si trova attualmente in una palestra, mentre la costruzione di una nuova moschea è stata interrotta a causa dei ritardi causati dalla pandemia di coronavirus. Oltre alla posizione, Henniche ha affermato che il profilo della moschea era “molto cambiato”, con  Libé  che ha riferito che nella sua posizione precedente, era nota per attirare i salafiti.

Il suo ex leader, l’Imam Ibrahim Abou Talha, è ancora di stanza nei vecchi locali, con il predicatore salafita presumibilmente parte di una rete che include Youssef Abou Anas, l’ex capo della moschea di Ecquevilly a Yvelines, che le autorità hanno chiuso nel 2016 per radicalismo.

Leo Valerio Paggi
Leo Valerio Paggi per La Voce del Patriota.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,177FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati