La Germania super ambientalista costretta a tornare al carbone.

La Germania pazza per il clima è ora costretta a bruciare più carbone per produrre energia dopo che la Russia ha ridotto drasticamente la fornitura di gas al paese.

Nonostante l’ossessione del Paese per le decisioni per il clima, la Germania ha annunciato che sarà costretta a fare più affidamento sul carbone per la sua fornitura di elettricità dopo che la Russia avrà ridotto la quantità di gas che fornirà al Paese.

Ciò ha lasciato lo stato dell’Europa centrale in una situazione molto precaria per quanto riguarda la sicurezza energetica, una situazione che era stata prevista dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2018 per il fatto che il paese dipendeva eccessivamente dalle esportazioni di energia fornite da Mosca.

Mentre Trump è stato deriso per il suo avvertimento in quel momento, sembra che l’ex capo di stato americano sia stato vendicato, con un articolo pubblicato domenica da Deutsche Welle che riportava che la riduzione sistematica della quantità di gas fornita dalla Russia ha lasciato la Germania ad affrontare una potenziale crisi energetica.

Di conseguenza, la Germania sarà ora costretta a razionare il gas mentre aumenterà la sua dipendenza dal carbone – con buona pace degli ambientalisti – ai fini della generazione di elettricità.

“Per ridurre il consumo di gas, è necessario utilizzare meno gas per generare elettricità. Le centrali elettriche a carbone dovranno invece essere utilizzate di più”, ha affermato il ministro dei Verdi tedesco Robert Habeck mentre annunciava le nuove misure.

“È amaro, ma in questa situazione è semplicemente necessario ridurre il consumo di gas”, ha continuato, riferendosi al fatto che la sua nazione aveva mirato a guidare l’eliminazione graduale del carbone per raggiungere meglio i suoi obiettivi climatici.

Una forma di generazione di energia che non è stata menzionata dal ministro, tuttavia, è stata il nucleare, nonostante il metodo di generazione di energia a basse emissioni di carbonio dovrebbe essere completamente eliminato dalla Germania entro la fine dell’anno.

Il governo del Paese, ossessionato dai verdi, aveva iniziato il phase-out all’inizio di quest’anno, e mentre inizialmente si pensava che almeno alcuni degli impianti disattivati ​​potessero essere riattivati ​​per combattere l’insicurezza energetica causata dall’interruzione delle relazioni tra la Russia e l’occidente ovest, una tale mossa era stata precedentemente respinta dallo stesso Habeck.

“Abbiamo nuovamente esaminato con molta attenzione se un funzionamento più lungo delle centrali nucleari ci aiuterebbe in questa situazione di politica estera”, ha affermato in precedenza il ministro. “La risposta è negativa: non ci aiuterebbe”.

Nel frattempo, uno dei partner della coalizione dei Verdi tedeschi, la Freie Demokratische Partei, ha suggerito al Paese di riesaminare il suo divieto di fracking, apparentemente nella speranza che la tecnologia possa rimediare alla situazione attuale.

“Come dimostrano studi scientifici, il fracking non causa alcun danno ambientale rilevante secondo i moderni standard di sicurezza”, ha affermato un funzionario del partito. “Dovrebbe quindi essere seriamente esaminato se una maggiore produzione di gas di scisto sia fattibile in Germania da un punto di vista economico e tecnico”.

I Verdi, tuttavia, hanno ampiamente respinto questa richiesta, affermando che non c’è abbastanza gas per accedere tramite la tecnologia in Germania e che la creazione di un simile progetto di fracking richiederebbe troppo tempo.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,495FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati