La nuova UE peggio della precedente: totalmente in mano all’asse francotedesco.

L’asse franco-tedesco? Uscito ufficialmente dalla porta (con la bocciatura del socialista francese Frans Timmermans) è rientrato in poche ore – e altrettanto ufficialmente – dalla finestra. Come? Con Ursula Von der Leyden, popolare e tedesca indicata dal Consiglio europeo a capo della Commissione Ue, e Christine Lagarde, francese, ex Fmi, nuovo presidente della Bce. 

Insomma, a qualche giorno di distanza dalle nomine dei top jobs dell’Ue, nonostante la crisi politica dei maggiori partiti di riferimento dell’asse Ppe-Pse, si conferma chiaramente una verità strutturale: lo strapotere della Germania, seguita dalla Francia, nelle alte burocrazie comunitarie. Un’intesa tecnocratica e “sovra-partitica”, dato che è frutto – anche nella legislazione appena battezzata – di un accordo di spartizione fra avversari politici (stavolta a tre, con i liberali macroniani che si sono aggiunti alla Grosse Koalition fra popolari e socialisti) e fra Stati. Tutto questo alla faccia del “messaggio” politico uscito dalle urne il 26 maggio che ha registrato – al di là della lettura manierista dei media ufficiali – un risultato tutt’altro che brillante per i partiti del blocco eurofilo e per i governi che hanno determinato, nel bene ma soprattutto nel male, la politica comunitaria nell’ultimo quinquennio.

Nonostante questo, dissumulata dietro la maschera dell’union sacreé contro i sovranisti e i populisti, l’Ue “legale” si ritrova ancora una volta germanocentrica con una sostanziosa appendice francofona. Tedesca, infatti, è la conformazione storica dell’euro (pensato come un marco “europeo”), tedesco è l’arbitrio nell’infrazione sul surplus commerciale mentre francese è quello dell’infrazione del vincolo del 3%, superato più volte – come se nulla fosse – dai governi oltralpe in nome di un surreale «eccezionalismo», valido evidentemente solo per loro. Ma anche la crisi finanziaria, quella che ha messo in ginocchio le nazioni mediterranee, è targata asse franco-tedesco, se è vero come è vero che Germania e Francia hanno scaricato sui contribuenti europei i debiti accumulati dalle proprio banche che speculavano sulle nazioni indebitate.

Tutto ciò evidenza, oggi come ieri, come la gestione politica ed economica dell’Ue è di fatto un affare destinato a un club ristrettissimo, abile nell’utilizzare il mantra dell’europeismo per celare in realtà i peggiori egoismi nazionali. È vero, però, che quest’asse ha subito – anche con la bocciatura dell’accordo di Osaka – una prima sconfitta politica grazie all’epifania dell’intesa Italia-Visegrad e della sintonia fra gli identitari di Identità e democrazia, Ecr e Ppe. Ed è concreto anche l’orizzonte di un Ppe che dovrà fare i conti con una sensibilità più spostata a destra, grazie all’influenza delle nazioni del Centro (Austria) e dell’Est (Bulgaria e Ungheria su tutte) che renderanno la vita più complicata per i popolari della Cdu di Angela Merkel.

Ma quest’ultima è stata capace, comunque, di rilanciare giocando il jolly “di casa”, la Von der Leyden che è stata ministro del suo governo, così come Emmanuel Macron – sconfitto in patria da Marine Le Pen e terzo nello scacchiere europeo – è riuscito ad incastrare Lagarde come pedina fondamentale e francese nella Bce.

Il dispositivo dei sovranisti, da parte sua e nonostante il mancato gruppo unitario, ha dimostrato di esistere a livello politico, di poter colpire e di saper individuare – come è avvenuto per l’Italia – dei contrappesi nella trattativa. Questo però – anche se ha svelato le carte di una gestione politicamente indebolita – si è dimostrato non ancora sufficiente per disarticolare nel profondo la consuetudine del “direttorio” franco-tedesco.

La partita a scacchi, dunque, è appena iniziata. Ma è già qualcosa di non indifferente che i popoli non siano più meri spettatori di questo match.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,698FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati