La proposta di FdI: assegno di solidarietà per famiglie con over 60, minorenni o disabili

In questi anni i risultati del Reddito di Cittadinanza sono sotto gli occhi di tutti: spesso percepito da criminali, delinquenti vari o, comunque, persone senza titolo. Centinaia di milioni di euro rubati o sprecati. Mentre l’Italia vive la più grande crisi economica dal dopoguerra.

In un momento di crisi come questo è possibile vedere camorristi con la Ferrari prendere il sussidio? Extracomunitari che, grazie a caf compiacenti, si fanno accreditare l’assegno pur vivendo in altre nazioni – alimentando quindi altri mercati a scapito dei nostri poveri e dei nostri commercianti -?

E potremmo andare avanti per pagine e pagine citando gli scandali legati alla legge fortemente voluta dal Movimento 5 Stelle che avrebbe dovuto abolire la povertà ma che, invece, si è dimostrata uno spreco di risorse che, al contrario, potevano essere utilizzate per aiutare di più, e meglio, le categorie più svantaggiate.

Attenzione! Questo non vuol dire che le persone che percepiscono, giustamente, il Reddito di Cittadinanza debbano essere abbandonate. Anzi! È esattamente il contrario.

Uno Stato giusto aiuta i suoi figli più in difficoltà. Ma lo fa non per dire “ti ho aiutato” lo fa perché, nel frattempo, lavora per uscire dalla condizione di disagio. E la soluzione è sempre è soltanto una: dare e dignità.

Tralasciando bambini, anziani e disabili che non devono né possono lavorare e che quindi vanno sostenuti molto più di quanto accada adesso, per gli altri è importante trovare soluzioni che possano farli lavorare.

La soluzione grillina è stata quella dei Navigator. 180 milioni di euro buttati visto che il 31 dicembre scadranno i loro contratti e torneranno a essere disoccupati anche loro.

Se fossero stati dati alle imprese per assumere attraverso validi sgravi fiscali non sarebbe stato meglio?

Evidentemente sì.

Riassumendo: sì ad aiuti per chi non è in grado di lavorare e sì a sussidi temporanei per chi è in cerca di lavoro. Ma non a sussidi eterni indirizzati a chi non ne ha bisogno e soprattutto a criminali vari.

Proprio per evitare tutto questo, ed aiutare di più chi è in difficoltà, Fratelli d’Italia ha presentato in Legge di Bilancio la proposta dell’Assegno di Solidarietà per sostituire il fallimentare Reddito di Cittadinanza:

Di cosa si tratta?

Di una misura a sostegno del reddito delle famiglie già proposta per fornire una risposta immediata all’emergenza economica causata dal Covid e che è stata riformulata per renderla uno strumento strutturale. È un intervento che vede come destinatari i soggetti e le famiglie che hanno effettivo bisogno di sostegno, ovvero i nuclei familiari con almeno un componente over 60, minorenne o disabile che rispettano i seguenti requisiti:

  • Essere privi di reddito familiare;
  • essere titolari di valori mobiliari familiari pari ad un massimo di euro 10.000;
  • essere titolari di un solo immobile non rientrante nelle categorie catastali relative a case signorili, e via dicendo;
  • dichiarare un valore dell’ISEE corrente inferiore ad euro 15.000.

L’importo dell’assegno è pari a 400 euro al mese aumentato di euro 250 per ogni ulteriore componente del nucleo familiare con più di 60 anni, minorenne o disabile ed è erogabile per una durata di 12 mesi. É necessario avere la cittadinanza italiana o di Paesi UE e almeno 10 anni di residenza in Italia, oltre a diversi paletti su condannati e controlli sugli eventuali beneficiari

Nel frattempo tutti i miliardi risparmiati dall’abolizione del Reddito di Cittadinanza serviranno per aiutare le imprese ad assumere e quindi, dando lavoro, a togliere dal disagio chi oggi è disoccupato o in difficoltà.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,597FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati