I tribunali di Oslo hanno visto un totale di 140 persone condannate per crimini violenti e poi condannate nell’ultimo anno. Due su tre di quei detenuti hanno rivelato di essere migranti, riferisce l’ emittente norvegese TV2 .

Secondo Statistics Norway, il numero di immigrati come parte della popolazione totale di Oslo è del 33%, il che significa che nella criminalità violenta gli immigrati sono ampiamente sovrarappresentati.

Le 140 condanne hanno riguardato incidenti tra cui aggressioni con armi come coltelli e alcune delle vittime sono state lasciate con ferite che li segneranno per la vita.

Il ricercatore Ragnhild Bjørnebekk ha dichiarato che le statistiche sulla criminalità dei migranti non sono state sorprendenti. “Sono più vulnerabili, hanno subito più traumi. Alcuni provengono da culture violente e lo portano con loro. E poi ci sono alcuni di quelli che non sono residenti a Oslo, che vengono da altri paesi e rimangono qui solo per alcuni mesi “, ha detto.

Alcuni hanno accusato le politiche dell’immigrazione e i politici locali di Oslo, come il consigliere comunale Raymond Johansen, che ha risposto alle critiche dicendo: “Abbiamo delle sfide per l’integrazione in Norvegia, ma dobbiamo guardare oltre le statistiche sulla criminalità”.

Le cifre di Oslo rispecchiano quelle di molti altri paesi, tra cui l’Italia, dove si ritiene che i migranti siano coinvolti in un caso di delinquenza su tre. Nella capitale austriaca di Vienna, i migranti sono sospettati di oltre la metà dei crimini nella città, mentre nella capitale tedesca di Berlino sono meno della metà dei sospettati. La popolazione totale di migranti in entrambe le città è meno della metà.