“La socialdemocrazia è scomparsa in Europa. Quello che abbiamo è la sinistra radicale”: Intervista a Janez Janša

Pubblichiamo l'intervista a cura di Álvaro Peñas, tradotta in italiano, pubblicata su The European Conservative

È chiaro che c'è stato un cambio di direzione in Europa e che è arrivato il momento di fermare politiche disastrose come la transizione verde o la migrazione. Non è possibile continuare su questa strada, ma bisogna invertirla.

Solo poche settimane fa ho pubblicato un'intervista con il leader dell'opposizione slovena ed ex primo ministro Janez Janša. Ho mantenuto un buon rapporto con il politico sloveno dal 2021, quando l'ho intervistato per la prima volta e successivamente ho tradotto in spagnolo il suo libro “Ci siamo alzati e siamo sopravvissuti”, in cui racconta la storia di come la Slovenia ha raggiunto l'indipendenza. Tuttavia, non l'ho incontrato personalmente fino alla settimana scorsa, quando mi sono recato alla sede del suo partito, il Partito Democratico Sloveno (SDS), a Lubiana.

Janša parla molto chiaramente e non è, come molti politici, un uomo di paglia. Si è opposto al governo jugoslavo e ha subito persecuzioni sotto il regime comunista. In seguito è diventato ministro della Difesa della Slovenia ed è stato il comandante dell'esercito nella guerra d'indipendenza del 1991. Questa esperienza di vita e i suoi tre mandati come Primo Ministro lo rendono un politico con i piedi per terra e molto attento al mondo che lo circonda, quindi bisogna ascoltarlo. In questa intervista discutiamo dei risultati delle elezioni europee, del ruolo del PPE e della necessità di un cambiamento in Europa.

Come valuta i risultati delle elezioni europee?

È chiaro che c'è stato un cambio di direzione in Europa e che è arrivato il momento di fermare politiche disastrose come la transizione verde o la migrazione. La domanda è se ci sia abbastanza potere per cambiare ciò che è stato fatto. Ovviamente non è possibile continuare su questa strada, ma bisogna invertirla.

Tuttavia, sembra che la Von der Leyen voglia ripetere la coalizione con i socialisti, qual è la sua opinione, e non potrebbe essere controproducente per il PPE e fargli perdere la fiducia dei suoi elettori?

Per noi è chiaro, e abbiamo detto prima delle elezioni che non avremmo sostenuto la stessa coalizione della fase precedente. Il PPE era ed è la forza più grande e occupa il centro, ma il problema è che la sinistra ha formato un blocco che non raggiungerà alcun accordo con il PPE se Von der Leyen parlerà con i conservatori. Il problema è che il PPE non è stato abbastanza fermo e ha permesso alla sinistra di ottenere una posizione di vantaggio da cui dirci cosa possiamo o non possiamo fare. Credo che questo sia stato un errore.

Ora la situazione è più complessa di quanto sembrasse subito dopo le elezioni. I numeri sono stretti ed è molto probabile che ci saranno importanti cambiamenti nel Consiglio perché ci sono le elezioni in Francia, in Austria e nei Paesi Bassi è stato formato un nuovo governo. Non sarà come nella fase precedente, quando socialisti e liberali avevano un quarto del Consiglio. Per questo è importante che il Parlamento europeo rifletta questa situazione, questo cambiamento, e il PPE è fondamentale per questo; inoltre, ora siamo più forti e molti degli eurodeputati più a sinistra tra le nostre fila non sono stati eletti.

Quindi non stiamo parlando dello stesso PPE di cinque anni fa?

Mercoledì si è votato per eleggere i nuovi vicepresidenti e tutti coloro che hanno votato al congresso del PPE contro Ursula von der Leyen sono stati eletti. E Manfred Weber ha già detto che il PPE non permetterà ai perdenti liberali e di sinistra di dirci con chi possiamo parlare.

L'errore più grande che è stato fatto dopo le elezioni è che non si fanno proposte, tutti prendono posizione. Alla riunione del PPE ho proposto di elaborare un programma in 10 punti sulle principali questioni europee, per poi vedere con chi possiamo formare una coalizione, ma nessuno se ne preoccupa. Posso dire lo stesso della riunione dei primi ministri europei: l'unica che ha voluto avanzare proposte è stata Giorgia . Questo è un brutto messaggio per gli europei perché, invece di fare proposte, i vincitori e i vinti delle elezioni prendono posizione. Tanto più in un momento in cui l'Europa si trova in una situazione così delicata.

E quando pensa che questo gioco politico finirà?

Spero che giovedì prossimo si inizi a parlare delle questioni che interessano agli europei durante la riunione del Consiglio, nonostante la probabile presidenza di António Costa.

Sì, in Portogallo sono molto sorpresi da questa situazione.

Anche questo è un messaggio, ed è un messaggio sbagliato. C'è stata una grande discussione all'interno del PPE sull'opportunità di sostenere Costa, soprattutto perché il nostro criterio è lo Stato di diritto, ma si è detto che l'Europa è un compromesso e che i socialisti sono responsabili. Tuttavia, dubito fortemente che la presidenza di Costa possa durare cinque anni, perché la composizione del Consiglio cambierà e a metà del mandato ci sono procedure formali per modificare la situazione. È una questione matematica.

Sembra che alcuni credano ancora nell'esistenza di una socialdemocrazia “responsabile”. Non crede che questo sia un grave errore quando vediamo che le differenze tra i socialisti e l'estrema sinistra si fanno sempre più labili?

La socialdemocrazia è scomparsa in Europa. Abbiamo la sinistra radicale, perché il marxismo culturale ha preso il sopravvento su quella che era la sinistra “normale” durante la guerra fredda. Tutta la sinistra europea è così, forse con l'eccezione della Danimarca. Il problema è che siamo stati ciechi, alcuni lo sono ancora, per vent'anni e non ce ne siamo accorti.

Cosa pensa della candidatura di Kaja Kallas ad Alto rappresentante per la estera dell'UE?

Penso che sia una buona decisione.  La sua famiglia ha sofferto molto sotto il comunismo ed è stata deportata in Siberia, e lei sa cosa intendiamo quando parliamo di transizione. Tuttavia, è stata sconfitta alle elezioni, così come Macron. Non c'è un leader liberale nel campo dei vincitori.

In Spagna, il partito allineato con Macron, Ciudadanos, ha perso tutta la sua rappresentanza.

Sì, e anche in Germania hanno ottenuto cattivi risultati, ma nonostante ciò otterranno le relazioni estere, il capo della NATO o Christine Lagarde per rimanere a capo della banca centrale europea.

Cosa avrebbero ottenuto se fossero stati nel campo dei vincitori?

È difficile dirlo, ma la realtà è che ora hanno solo il 6% della , ma un numero sproporzionato di rappresentanti.

E von der Leyen?

La sua situazione è più complicata rispetto a cinque anni fa, con l'alleanza tra il PPE e la sinistra, soprattutto nel voto segreto del Parlamento europeo, dove è ben lungi dall'avere una maggioranza confortevole. Anche all'interno del PPE, alcuni di noi hanno votato contro e molti altri si sono astenuti.

A mio avviso, dopo il Trattato di Lisbona, i grandi Paesi non vogliono personalità forti alla presidenza della Commissione per dominarla. Quindi, se Ursula non sarà eletta, sceglieranno un'altra figura come lei per guidare la Commissione. I tempi in cui erano richiesti candidati esperti ed ex primi ministri sono ormai lontani.

Ma ora l'Europa ha bisogno di una leadership forte.

Non sosterranno mai un leader forte. Quello che cercano sono funzionari pubblici.

Funzionari pubblici che applicano lo stato di diritto nei Paesi governati dai conservatori, ma ignorano casi scandalosi come quello spagnolo.

In Slovenia sappiamo bene cosa sta succedendo in Spagna perché stiamo vivendo esattamente la stessa situazione. E il nostro governo, come quello spagnolo, ha riconosciuto lo Stato palestinese tre giorni prima delle elezioni, aggirando tutte le regole stabilite.

Tuttavia, a differenza della Spagna, alle elezioni europee gli elettori hanno punito il governo sloveno e la SDS ne è uscita molto forte.

Sì, abbiamo conquistato quattro eurodeputati su nove, tra cui uno proveniente da un partito partner più giovane.  È il nostro miglior risultato in un'elezione europea. I tre partiti della coalizione di governo hanno ottenuto solo tre eurodeputati.

Il Movimento per la Libertà del Primo Ministro Golob, che non ha nulla a che fare con la libertà, ha perso 12 punti dalle elezioni generali, nonostante abbia indetto quattro consultivi lo stesso giorno delle elezioni europee, uno dei quali sulla legalizzazione della marijuana, per incoraggiare i giovani a votare, e un altro sull'eutanasia.

Qual è stato il risultato del referendum sull'eutanasia?

Un pareggio. Abbiamo pubblicato un opuscolo di epoca nazista che difende l'eutanasia: “le persone soffrono”, “lo facciamo per il vostro bene”, e così via. È esattamente la stessa cosa che dice la proposta della sinistra, e no, non sto scherzando.

Prima ha parlato dello smottamento di Macron in Francia, cosa pensa della sua decisione di anticipare le elezioni?

Ha commesso un errore e l'unica cosa che ha ottenuto è che tutta la sinistra è unita, ma non con lui. Alla fine il suo partito scomparirà, così come i Repubblicani, il partito del PPE in Francia. Macron ha calcolato male la capacità della sinistra di unire le sue forze, dall'estrema sinistra alla sinistra antisemita, dai comunisti ai socialisti. Al secondo turno, Macron sosterrà la sinistra, ma il suo partito scomparirà.

Macron è molto incline al teatro, come quando ha pubblicato le foto della sua telefonata a Putin per fermare l'invasione.

Quando la Russia ha invaso l'Ucraina, Morawiecki ha chiesto di preparare una risposta da una prospettiva europea. La risposta di Macron è stata: “Di quale prospettiva europea parli per un Paese che cesserà di esistere tra una o due settimane?”. Anche in questo caso, Macron ha fatto i calcoli sbagliati e i servizi segreti francesi non hanno capito che le forze di invasione non erano sufficienti per conquistare il Paese.

Forse pensavano come i russi che gli ucraini si sarebbero arresi e avrebbero accettato il controllo di Mosca.

La domanda è dove siano stati i servizi segreti russi dopo la caduta della Crimea, perché Poroshenko ha riorganizzato l'esercito ucraino ed era ovvio che la situazione non era la stessa, ma gli esperti russi non se ne sono accorti.

Come vede l'evoluzione della guerra?

L'Ucraina ha bisogno di armi moderne. Se le avessimo consegnate nell'estate del 2022, la guerra sarebbe finita. C'era una grande finestra di opportunità di sei mesi e abbiamo lottato per dare loro le armi. Al vertice della NATO dell'aprile 2022, Zelenski ha detto che non era necessario che i soldati della NATO morissero per l'Ucraina, bastava l'1% delle loro riserve militari. L'1% sarebbe stato sufficiente, ma non è stato fatto. Ci sono stati infiniti dibattiti su cosa fossero “armi offensive” o “armi difensive”. Persone che non avevano mai visto un campo di battaglia diventavano esperti di armi. Era imbarazzante.

A mio avviso si trattava di una strategia, di un interesse calcolato in cui l'Ucraina avrebbe sofferto, certo, ma in cui la Russia avrebbe perso la sua forza. Un problema in meno e, forse, cambiamenti interni alla Russia. Il problema è che questa non è la Guerra Fredda, è una situazione nuova in cui ci sono anche altri attori, come la Cina. C'è anche l'India, il più grande Paese democratico del mondo, che si è rifiutato di firmare il documento adottato al vertice svizzero e che è un Paese da conquistare. E tutto questo senza dimenticare che l'attuale leadership statunitense è una barzelletta. Ecco perché è così importante che l'Europa cambi davvero direzione. 

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x