L’accusa. Merkel e politici tedeschi utili idioti di Putin.

Ukrinform, principale mezzo di comunicazione statale in lingua inglese dell'Ucraina ha accusato la classe politica tedesca, tra cui Angela Merkel e il Cancelliere e Presidente in carica, come esponenti di una "responsabilità collettiva" per aver "incoraggiato efficacemente" l'aggressione russa.

BERLINO – La Germania non è estranea al lato sbagliato della storia.

Ecco perché non dovrebbe sorprendere nessuno che Berlino abbia passato gli ultimi 16 anni con i piedi ben piantati sul lato sbagliato degli schiermenti su come gestire la Russia.

Meno prevedibile era la velocità con cui la Germania ha abbandonato la sua posizione verso Mosca nelle ultime settimane, fermando il controverso progetto del gasdotto Nord Stream 2, inviando armi all’Ucraina, abbracciando le sanzioni contro la Russia, e persino annunciando che avrebbe iniziato a pompare somme sostanziali nel proprio esercito.

In altre parole, ha accettato quasi da un giorno all’altro di fare tutto ciò che gli Stati Uniti e gli altri alleati hanno spinto a fare per anni. Berlino ha persino inventato un motto pronto per l’hashtag del cambiamento: Zeitenwende, cioè l’alba di una nuova era.

Settimane dopo, è diventato chiaro che ciò che i leader tedeschi stanno davvero cercando di dire è: “Andiamo avanti”.

Su questo punto, i tedeschi hanno avuto tanta fortuna quanto l’esercito russo in Ucraina. Questo perché la Germania non ha semplicemente “giudicato male Putin”, come ha detto la scorsa settimana il consigliere di lunga data di Angela Merkel per la politica estera, Christoph Heusgen, il nuovo presidente della Conferenza sulla sicurezza di Monaco.

La testarda insistenza della Germania nell’impegnarsi con il leader russo di fronte alla sua aggressione sostenuta (un catalogo di misfatti che vanno dall’invasione della Georgia all’assassinio di nemici all’estero e ai crimini di guerra in Siria) è stato niente meno che un errore catastrofico, uno che farà guadagnare alla Merkel un posto nel pantheon dell’ingenuità politica insieme a Neville Chamberlain.

Lentamente ma inesorabilmente, i tedeschi hanno cominciato ad accorgersi che l’approccio morbido di Merkel nei confronti della Russia – che ha raggiunto il suo apice con la decisione del 2015 di dare il via libera al gasdotto Nord Stream 2 nonostante l’annessione della Crimea da parte della Russia e il suo ruolo nella guerra dei separatisti in Ucraina orientale – non solo ha aperto la porta a Putin per andare oltre, ma lo ha effettivamente incoraggiato a farlo.

L’invasione russa dell’Ucraina non è solo un ripudio della cancelleria della Merkel, tuttavia, ma di un’intera generazione di politici tedeschi di tutto lo spettro accecati dalla nostalgia della Ostpolitik e del Wandel durch Handel, le politiche di distensione degli anni ’70 sostenute dal cancelliere Willy Brandt che secondo la leggenda tedesca portarono alla fine della guerra fredda.

La responsabilità collettiva della Germania è il motivo per cui voltare pagina è più facile a dirsi che a farsi. Non c’è una figura simile a Churchill nella politica tedesca che abbia messo in guardia per anni sui pericoli della fiducia in Putin. Mentre la Merkel merita la maggior parte della colpa per essere caduta nella trappola del leader russo, la verità è che l’intera classe politica tedesca è colpevole.

Come ministro delle finanze e vice cancelliere della Merkel, l’attuale cancelliere Olaf Scholz, di quei socialdemocratici che erano la forza trainante dietro i gasdotti Nord Stream, ha sostenuto l’idea che il modo migliore per trattare con Putin fosse attraverso un “dialogo” senza fine.

Jens Plötner, attualmente consigliere di Scholz per la sicurezza nazionale, è stato uno dei principali architetti di questa politica nei suoi anni come diplomatico senior nel ministero degli esteri tedesco, dove ha servito come capo dello staff dell’allora ministro degli esteri Frank-Walter Steinmeier (un socialdemocratico che ora è presidente tedesco) e più recentemente come direttore politico del ministero. Anche dopo che Putin ha ammassato decine di migliaia di truppe al confine dell’Ucraina in dicembre, Plötner ha consigliato a Scholz di attenersi al Nord Stream 2 e ripetere pubblicamente la finzione che era poco più di un “progetto commerciale”.

Il vecchio capo di Plötner, Steinmeier, che nel 2016 ha accusato la NATO di essere guerrafondaia per aver tenuto un’esercitazione militare sul fianco orientale dell’alleanza, ha sostenuto quasi fino ai primi colpi sparati sugli ucraini che la Germania dovrebbe usare l’energia come un modo per costruire ponti con la Russia.

In questi giorni, Steinmeier, che come presidente dovrebbe servire come autorità morale della Germania, si occupa di organizzare concerti di “libertà e pace” con musicisti russi e ucraini. (Uno di questi eventi ha avuto luogo all’inizio di marzo a Dresda mentre le bombe piovevano su Kharkiv, la seconda città dell’Ucraina).

Durante il fine settimana, Andrij Melnyk, ambasciatore dell’Ucraina in Germania, ha dichiarato che avrebbe boicottato l’ultimo evento di Steinmeier, dicendo che gli ucraini non avevano tempo per la “grande cultura russa” mentre Mosca stava uccidendo civili innocenti.

Anche se meno responsabili dei cristiano-democratici o dei socialdemocratici della Merkel per le politiche che hanno portato all’invasione dell’Ucraina da parte di Putin, anche i partiti minori della coalizione di governo della Germania – i liberali Liberi Democratici e i Verdi – non si sono esattamente coperti di gloria.

Mentre i Verdi si sono opposti al Nord Stream 2, lo hanno fatto più per ragioni ecologiche quanto per solidarietà con l’Ucraina. Più significativa è stata la loro ferma opposizione alle consegne di armi a Kiev, che è cambiata solo dopo l’inizio dei combattimenti.

I Liberi Democratici erano divisi su cosa fare riguardo al Nord Stream 2, con molti nel partito, incluso il vice leader Wolfgang Kubicki, che sostenevano un maggiore impegno con la Russia. Secondo Melnyk, il leader dei Liberi Democratici Christian Lindner, che è anche ministro delle finanze della Germania, gli ha detto il giorno dell’inizio della guerra che non avrebbe avuto senso che Berlino inviasse armi all’Ucraina o chiudesse la Russia fuori da SWIFT, il sistema di pagamento internazionale, perché il suo paese ha solo “poche ore” di sovranità.

Lo scetticismo sulle prospettive dell’Ucraina, per non parlare della preoccupazione per le conseguenze di andare troppo duro con la Russia, era condiviso da molti nel principale partito di opposizione, i cristiano-democratici (CDU). Solo poche settimane prima dell’invasione della Russia, il leader della CDU Friedrich Merz ha avvertito che la sospensione della Russia da SWIFT potrebbe innescare una “bomba atomica nei mercati dei capitali”.

Avevano tutti torto

Avendo sbagliato sulla Russia e su Putin ad ogni passo, i politici tedeschi hanno fatto ricorso alla carta del “chi lo sapeva?”

“Mi sbagliavo, ci sbagliavamo tutti”, ha detto Wolfgang Schäuble, l’éminenza grigia della politica tedesca e da tempo ministro delle finanze della CDU, al Welt am Sonntag nel fine settimana.

Ciò che Schäuble e i suoi colleghi omettono, tuttavia, è che gli alleati della Germania l’hanno avvertita per anni che stava sottovalutando Putin. Di fronte a questa realtà, i tedeschi non sanno bene come reagire.

Dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha ricordato ai parlamentari tedeschi in un discorso al Bundestag questo mese che gli affari che la Germania ha fatto con la Russia hanno contribuito a finanziare la guerra contro il suo paese e li ha attaccati per aver reso un servizio “inutile” all’Olocausto, gli hanno fatto una standing ovation – e poi sono prontamente tornati agli affari regolari, che includevano gli auguri di compleanno a due deputati.

Durante la Guerra Fredda, il termine “utile idiota” divenne un’etichetta per i moderati in Occidente che cadevano vittime degli argomenti per creduloni dei comunisti.

Dal veto della Germania all’adesione alla NATO per l’Ucraina e la Georgia nel 2008, alla sua ricerca di accordi sul gas con Mosca, alla sua resistenza a inviare armi a Kiev – i leader del paese hanno servito come utili idioti di Putin.

Per tutto il tempo, i cosiddetti Russlandversteher, i compiaciuti simpatizzanti russi che popolano l’establishment politico del paese, hanno respinto le critiche al loro corso, insistendo che sapevano meglio mentre ridevano (letteralmente) in faccia a Washington.

Nessuno sta più ridendo.

Anche se gli alleati accolgono la Zeitenwende di Berlino, non si lasciano ingannare dalla sua conversione in volpe.

L’Ucraina, che è stata saccheggiata dalla Germania durante la seconda guerra mondiale, alla fine della quale aveva perso più del 15% della sua popolazione, certamente non perdonerà e dimenticherà.

La Germania non avrà alcuna credibilità reale nemmeno all’interno dell’alleanza transatlantica (non importa quanti miliardi si impegna a spendere per la difesa) fino a quando non ci sarà una resa dei conti onesta con la storia degli anni Merkel-Putin.

Come la Germania sa fin troppo bene, anche se è possibile nascondersi dalla storia per un certo periodo, non si può sfuggire ad essa.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

5 Commenti

  1. Manca solo una considerazione. Quanti soldai sono finiti nelle tasche dei politici europei magari svolazzando da Mosca per adeguare le politiche nazionali al fine di comperare petroli dalla miniera russa ? Non sarebbe una novità né che Mosca paga, né che tenta la penetrazione politica in qualunque modo né che politici occidentale si vendanO facilmente.
    Guardiamo a casa nostra: chi ha avuto vantaggio dalla chiusura dei pozzi di gas in Adriatico se non chi vende la stessa materia ? Le previsioni catastrofiche sulle trivellazioni in Adriatico sono vere o fantasia ? Sono come quelle sulla fine delle risorse petrolifere degli anni 60 ? Eppure negli anni 80 il petrolio non è finito….
    quante indagini di magistrati solerti sotto le lenzuola hanno scansato ogni dubbio su tale materia ?

    • Certo, é molto sospetta la rinuncia ad estrarre gas e/o petrolio vicino a casa. L’idea che qualcuno abbia convinto la Casta a rinunciare alla trivellazione appare molto convincente. In democrazia salgono in politica persone di ogni tipo. E forse proprio i peggiori. Perche nessuno fa indagini approfondite sulla questione ? Perche nessuno le richiede ?

  2. Se continuate a dar man forte al comico piagnone non finirà bene;
    per nessuno: specialmente per Zelensky che sarà lui ad essere arrestato e giustiziato dai russi; altro che processare il Presidente Putin.
    basta con la “cancel culture” basta con la “cappa” basta con la disinformazione: la cappa esiste veramente e voi ne siete la prova.
    questo è manicheismo esiste solo una verità: la vostra

  3. A parte tutti questi errori, ricordo che l’ Hindemburg viaggiava pieno di idrogeno. Dunque lo si puo produrre. E allora, perchè non si produce per le centrali elettriche, ed a breve distanza di sicurezza da queste ? Collegate con tubi non costerebbe niente il trasporto come invece costa quello del petrolio. I primi costi piu alti, ci risparmierebbero tutti i fastidi che ci dà il petrolio in senso politico e militare, anno dopo anno. E poi con l’esperienza decrescono. Forse Chernobyl a idrogeno darebbe costi meno alti di quelli che ne sono scaturiti.

  4. Merkel era saggia, includere la Russia in maniera pacifica nella politica europea era assai più intelligente che fomentare un conflitto come si fa adesso ubbidendo agli interessi americani. Il gas americano ci costerà il triplo e le aziende italiane falliranno, forse ci conviene disubbidire !!!! Altrimenti smettiamo di pensare di essere patrioti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,355FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati