Le armi più potenti della Russia? Bluff e manipolazioni

L'analisi dell'Institute for the Study of War che pubblichiamo qui tradotta, spiega come la Russia non abbia mezzi reali per vincere in Ucraina, se non la capacità di applicare tattiche di information warfare, propaganda e manipolazione in patria, Ucraina e Occidente.

0

La Russia non può sconfiggere l'Ucraina o l'Occidente – e probabilmente perderà – se l'Occidente mobilita le sue risorse per resistere al Cremlino. Le capacità esistenti e latenti dell'Occidente superano quelle della Russia. Il prodotto interno lordo (PIL) combinato dei Paesi della NATO, degli Stati dell'Unione Europea non appartenenti alla NATO e dei nostri alleati asiatici è di oltre 63.000 miliardi di dollari.[1] Il PIL russo è dell'ordine di circa 1.900 miliardi di dollari.[2] L'Iran e la Corea del Nord aggiungono poco in termini di supporto materiale. La Cina sta aiutando la Russia, ma non si è mobilitata per conto della Russia ed è improbabile che lo faccia.[3] Se ci appoggiamo e ci facciamo avanti, la Russia perde.

L'idea che la guerra non possa essere vinta a causa del dominio russo è un'operazione di informazione russa, che ci fa intravedere la vera strategia del Cremlino e la sua unica speranza di successo. Il Cremlino deve mettere gli Stati Uniti ai margini, permettendo alla Russia di combattere l'Ucraina in modo isolato, per poi passare ai prossimi obiettivi di Mosca, che cercherà anch'essa di isolare. Il Cremlino ha bisogno che gli Stati Uniti scelgano l'inazione e abbraccino la falsa inevitabilità che la Russia prevalga in Ucraina. Il centro di gravità di Vladimir Putin è la sua capacità di influenzare la volontà e le decisioni dell'Occidente, dell'Ucraina e della Russia stessa. La strategia russa che conta di più, quindi, non è la strategia bellica di Mosca, ma piuttosto la strategia del Cremlino che ci fa vedere il mondo come vuole che lo vediamo e prende decisioni in quella realtà alternativa generata dal Cremlino che permetterà alla Russia di vincere nel mondo reale.

Coloro la cui prospettiva si allinea con quella del Cremlino non sono ipso facto degli ingannatori russi. Il Cremlino collega i sentimenti genuini e persino alcuni argomenti legittimi agli interessi della Russia nel dibattito pubblico. Il Cremlino è anche un manipolatore di pari opportunità. Si rivolge all'intero spettro di coloro che prendono o informano le decisioni. In parte ci riesce su ogni lato dello spettro politico. La manipolazione della percezione è una delle capacità principali del Cremlino, ora scatenata con piena forza sul pubblico occidentale come unica strategia del Cremlino per vincere in Ucraina.[4] Non è una sfida che la maggior parte delle società è attrezzata per affrontare.

Tuttavia, gli Stati Uniti hanno il potere di negare alla Russia la sua unica strategia di successo. Gli Stati Uniti hanno permesso alla Russia di giocare un ruolo eccessivo nel plasmare il processo decisionale americano, ma hanno anche fatto molte scelte valide per quanto riguarda la guerra della Russia in Ucraina.[5] I principali successi ottenuti dall'Ucraina e dai suoi partner in questa guerra sono stati frutto di chiarezza strategica. [Fortunatamente, gli Stati Uniti hanno un compito più facile nel superare le manipolazioni del Cremlino rispetto alla Russia nel colmare l'enorme divario tra gli obiettivi di guerra della Russia e le sue capacità. Gli Stati Uniti devono aumentare il loro sostegno all'Ucraina e devono farlo in tempo. I ritardi comportano il costo di vite umane ucraine, l'aumento del rischio di fallimento in Ucraina e l'erosione del vantaggio degli Stati Uniti sulla Russia, concedendo al Cremlino il tempo di ricostruire e sviluppare le capacità che intende usare contro l'Occidente – probabilmente in tempi più brevi di quanto l'Occidente valuti.[8]

Gli Stati Uniti devono sconfiggere gli sforzi della Russia di alterare la volontà e il processo decisionale americano per ragioni che trascendono l'Ucraina. Affinché gli Stati Uniti possano dissuadere, vincere o aiutare a vincere qualsiasi guerra futura, le decisioni americane devono essere tempestive, legate ai nostri interessi, valori e verità di fondo, ma soprattutto devono essere nostre. La comunità della sicurezza statunitense teorizza molto sull'importanza del vantaggio decisionale degli Stati Uniti rispetto ai nostri avversari, compresa la tempestività. La Russia presenta un'esigenza urgente e reale per l'America di farlo nella pratica.

I. La strategia del Cremlino

Lo sforzo principale del Cremlino è quello di costringere gli Stati Uniti ad accettare e ragionare a partire dalle premesse russe per prendere decisioni che promuovano gli interessi della Russia, non i nostri. Il Cremlino non sta discutendo con noi. Sta cercando di imporre le asserzioni sulla rappresentazione della realtà fabbricata dalla Russia come base per le nostre discussioni, per poi permetterci di ragionare su conclusioni predeterminate dal Cremlino. Accettare le premesse della Russia e ragionare a partire da esse può procedere in modo formalmente logico, ma non è certo razionale, poiché è avulso dalla realtà effettiva e dai nostri interessi. Il matematico sovietico Vladimir Lefebvre ha definito questo processo come “controllo riflessivo”: un modo per trasmettere all'avversario le basi del processo decisionale in modo che giunga liberamente a una decisione predeterminata.[9] Un esempio chiave: Putin prende la falsa affermazione che le discussioni sull'adesione dell'Ucraina alla NATO rappresentavano un pericolo chiaro e imminente per la Russia, insieme alla falsa affermazione che l'Ucraina non è un vero Paese, e le costruisce in una falsa conclusione che lo giustifica a lanciare una guerra di conquista.[10] Un'altra affermazione: La Russia ha il diritto di avere una sfera di influenza autodefinita e, quindi, il diritto di fare tutto ciò che vuole a chi si trova all'interno di questa sfera – comprese invasioni, uccisioni, stupri e pulizie etniche – senza alcuna ripercussione.[11] La misura in cui il discorso occidentale include una seria considerazione di queste falsità segna il successo delle operazioni di informazione russe di lunga data.

Alcuni accettano sinceramente le false premesse e le conseguenti conclusioni del Cremlino. Altri possono accettare le premesse, ma si fermano prima di saltare alla conclusione che uno qualsiasi di questi argomenti giustifichi l'invasione e le atrocità del Cremlino. Molti riescono a vedere oltre le manipolazioni del Cremlino e riconoscono che la guerra della Russia è una guerra di conquista non provocata.

Il Cremlino prende di mira quest'ultima categoria su un altro livello di ragionamento: i presupposti che informano la nostra volontà di fare qualcosa contro la guerra russa e le lunghezze a cui siamo disposti ad arrivare. Il Cremlino prende di mira la nostra percezione dei costi, delle priorità, dei rischi, dei lati positivi, dell'allineamento con i nostri valori e degli effetti delle nostre azioni. Due principali categorie di false affermazioni che il Cremlino sta cercando di far valere a questo proposito sono: a) l'Ucraina non può vincere questa guerra; sostenere l'Ucraina è una distrazione dai “veri” problemi degli Stati Uniti; l'Ucraina sarà costretta ad accontentarsi; gli Stati Uniti rischiano di rimanere bloccati in un'altra guerra “per sempre”; e b) i rischi nell'aiutare l'Ucraina a difendersi, per non parlare di vincere, sono più alti dei rischi di fallimento in Ucraina per gli Stati Uniti – è troppo costoso, troppo rischioso e l'Ucraina non ne vale la pena. ISW e molti altri hanno sfatato a fondo queste affermazioni, che tuttavia rimangono pervasive nelle discussioni statunitensi sull'opposizione alla Russia.[12] L'obiettivo russo è quello di farci ragionare liberamente sulla conclusione che il prevalere della Russia in Ucraina è inevitabile e che dobbiamo rimanere in disparte – e Mosca sta riuscendo fin troppo bene in questo sforzo.

È importante sottolineare che non tutti coloro che si oppongono alla continuazione o all'espansione del sostegno all'Ucraina lo fanno come risultato delle misure di controllo riflessive della Russia. Il punto, tuttavia, è che gli americani devono riconoscere l'enorme sforzo che il Cremlino sta compiendo in queste e altre affermazioni per creare un'immagine della realtà che, nella sua totalità, è falsa: la Russia non aveva il diritto di invadere l'Ucraina, non ha il diritto di controllare l'Ucraina, non è stata provocata per tale invasione, non vincerà inevitabilmente, non si intensificherà inevitabilmente fino a combattere una guerra su larga scala contro la NATO, e aiutare l'Ucraina a liberare i suoi territori strategici come unica strada percorribile per una pace duratura rimane la linea d'azione più prudente per garantire gli interessi degli Stati Uniti.

Il Cremlino sta anche inondando il discorso occidentale con narrazioni false e irrilevanti, costringendoci a spendere energia, tempo e larghezza di banda decisionale su questioni irrilevanti piuttosto che su soluzioni. Non è un caso che il dibattito occidentale si impalli spesso sulla discussione di fatti fondamentali e consolidati di questa guerra. Questo fenomeno non è solo una funzione delle lacune di conoscenza o della memoria corta dell'Occidente. È anche il risultato dello sforzo del Cremlino di saturare il dibattito occidentale con le sue affermazioni. Un esempio chiave è il mito della Russia che protegge i russofoni in Ucraina.[13] La Russia ha raso al suolo città ucraine prevalentemente russofone, uccidendo, torturando, deportando con la forza e costringendo alla fuga molti ucraini russofoni.[14] La Russia ha danneggiato proprio le persone in nome delle quali ha condotto la guerra. Nonostante questa realtà ben documentata, nel dibattito occidentale si discute di lasciare che Putin tenga le “province russofone” per fermare la guerra. Queste discussioni partono dalla falsa premessa che la guerra della Russia mirava a proteggere i russofoni per arrivare alla falsa conclusione che la cessione di porzioni dell'Ucraina in cui sono presenti russofoni possa risolvere la guerra e sia, inoltre, ragionevole o giustificabile. Molti altri fatti fondamentali sono quotidianamente messi in discussione mentre il Cremlino inonda il dibattito occidentale con le sue narrazioni. Putin ha deliberatamente scelto di concentrare la sua intervista con una personalità dei media americani sulle giustificazioni storiche della guerra.[15] Putin sta creando retroattivamente un casus belli stravolgendo una narrazione storica documentata. La storia della Rus' di Kiev è irrilevante per l'attuale guerra come lo era la storia dell'Impero Romano per la Seconda Guerra Mondiale. Ogni Paese al mondo ha una base storica per rivendicare diritti su alcuni o tutti i territori dei suoi vicini. Il mondo evita una guerra hobbesiana di tutti contro tutti rifiutando la validità di tali argomenti. Eppure, il Cremlino continua a spingerli a deviare le discussioni occidentali su cosa fare ora verso queste irrilevanze storiche. Il Cremlino costringe inoltre l'Occidente a dedicare energie a una discussione altrettanto irrilevante sul fatto che l'Ucraina abbia il “diritto” di essere uno Stato o una nazione. Nessun Paese con un seggio alle Nazioni Unite e riconosciuto dalla stragrande maggioranza degli Stati del mondo ha l'obbligo di dimostrare il proprio diritto di esistere, a prescindere da quanto piccolo o etnicamente simile possa essere un altro Stato. Questo principio è centrale per l'attuale ordine mondiale e la sua distruzione aprirebbe le porte della guerra in tutto il mondo, dato che i predatori usano questo ragionamento per giustificare gli attacchi alle aspiranti prede. Ma l'inondazione di false narrazioni russe ci costringe a occuparci di queste irrilevanze, invece di concentrarci sulle strategie di vittoria della guerra e sui nostri interessi.

La Russia sta dirottando e sostituendo concetti chiave del dibattito occidentale su questa guerra, come le nozioni di pace e difesa, contribuendo agli errori di categoria dell'Occidente su entrambi.

Pace = resa. L'Occidente gravita naturalmente e comprensibilmente verso la pace. Il nostro istinto di default è quello di cogliere la prima opportunità in qualsiasi conflitto per “fermare i combattimenti”. Il Cremlino ha imparato a usare la predisposizione occidentale alla pace come un'ancora di salvezza per le guerre della Russia, dalla Siria all'Ucraina.[16] Il Cremlino non ha mai sostenuto il suo eufemismo di “pace” con l'azione nel contesto dell'Ucraina. Il Cremlino ha avuto continue opportunità di scegliere la pace, compresa la scelta di non invadere l'Ucraina, un Paese che Putin considerava militarmente così poco pericoloso da ritenere di poterlo conquistare in pochi giorni. Permettere alla Russia di mantenere le sue conquiste in Ucraina nel 2015 e avere un quadro di pace in vigore per sette anni non ha impedito la reinvasione del Cremlino nel 2022.[17] Ogni singola versione degli eufemismi del Cremlino sulla “pace” dal 2022 ha incluso una richiesta che equivaleva alla distruzione della sovranità dell'Ucraina. [La recente “formula di pace” di Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, chiedeva esplicitamente l'eliminazione dello Stato ucraino e il suo assorbimento nella Russia.[19] L'uso del termine “pace” da parte del Cremlino è stato incompatibile con le sue azioni, tra cui la campagna russa per sradicare l' ucraina nei territori occupati.[20]

Lo sfruttamento da parte del Cremlino dell'argomentazione occidentale di “fermare lo spargimento di sangue” nasconde un'altra sfumatura critica. Fermare i combattimenti non significa fermare le uccisioni quando si tratta della Russia. Le uccisioni continuano nelle camere di tortura russe sul territorio occupato dalla Russia – un processo meno visibile al pubblico occidentale e in un luogo in cui le vittime sono private dei mezzi per difendersi.[21]

Il Cremlino fa balenare il concetto di “pace” per indirizzare l'Occidente verso la resa dell'Ucraina – il risultato che la Russia cerca ma che non può raggiungere militarmente da sola. Quando il Cremlino “segnala la pace”, in realtà segnala una richiesta di resa dell'Ucraina e dell'Occidente. Ciononostante, il dibattito occidentale continua ad assecondare le false proposte di “pace” del Cremlino, nonostante la totale mancanza di prove a sostegno di qualsiasi valutazione ragionevole sul fatto che lasciare che il Cremlino congeli le linee in Ucraina possa portare alla pace piuttosto che a nuove guerre.[22]

Resistere all'aggressione russa = escalation. Nessuno dovrebbe confondersi con i verbi quando si tratta delle azioni dell'Ucraina. La Russia ha imposto la sua guerra all'Ucraina. L'Ucraina ha scelto di difendersi. L'Ucraina sta resistendo alla morte, all'occupazione e alle atrocità perpetrate dalle forze russe. Eppure, il dibattito occidentale accusa periodicamente l'Ucraina (o l'Occidente stesso) di “inasprire” o “prolungare la guerra”[23]. Il Cremlino ha investito molto nell'inquadrare l'Ucraina – e chiunque osi resistere al Cremlino – come un aggressore (e la Russia come una vittima). La legittimazione da parte dell'Occidente della Russia, belligerante in Ucraina dal 2014, come mediatore negli accordi di Minsk ha anche dato al Cremlino otto anni per inquadrare falsamente come aggressione ucraina qualsiasi azione di autodifesa dell'Ucraina o la sua riluttanza a piegarsi alla volontà del Cremlino.

Non bisogna confondere i verbi quando si parla di azioni occidentali nei confronti della Russia. L'Occidente è stato per anni non provocatorio nei confronti della Russia fino al punto di autodistruggersi e di cedere i propri interessi. Gli Stati Uniti non hanno dato priorità alla Russia, concentrandosi sull'antiterrorismo, in gran parte fino al 2016, quando il Cremlino ha interferito apertamente nella statunitense.[25] La NATO si è autodistesa per anni, le discussioni sull'adesione dell'Ucraina alla NATO sono in fase di stallo e Putin si aspettava che la risposta occidentale alla sua invasione dell'Ucraina fosse così debole da poter conquistare l'Ucraina in pochi giorni. [26] La Russia è stata un avversario autodichiarato degli Stati Uniti e della NATO, ma né gli Stati Uniti né la NATO hanno preso provvedimenti significativi per difendersi dalla Russia, per non parlare di attaccarla, fino a dopo l'invasione russa su larga scala dell'Ucraina nel 2022.[27] L'Occidente, tuttavia, considera periodicamente le proprie azioni nei confronti della Russia come escalation di default, ammettendo il ragionamento del Cremlino. Ciò include azioni occidentali per difendere se stesso o i suoi partner da aggressioni russe non provocate o misure per limitare l'accesso della Russia alle tecnologie e ai mercati occidentali – nessuna delle quali ha diritto alla Russia e certamente non quando le usa entrambe per sostenere la sua guerra ingiusta. L'affermazione del Cremlino secondo cui qualsiasi azione occidentale di resistenza alla Russia è un'aggressione non rende tali azioni un'aggressione. Ma il Cremlino ha condizionato l'Occidente a pensarla così, costringendoci ancora una volta a ragionare a partire dalle affermazioni del Cremlino, non basate sulla realtà. Anche l'Occidente ha assecondato le rimostranze e i rancori di Putin, giungendo alla falsa conclusione che noi siamo in qualche modo responsabili dei crimini russi che il Cremlino ha volontariamente commesso contro altri Stati e il suo stesso popolo.[28]

Questi sforzi russi beneficiano e rafforzano tendenze già forti nel discorso occidentale, come la convinzione, da entrambi i lati dello spettro politico, che gli interventi statunitensi o occidentali siano la fonte di tutti o della maggior parte dei problemi del mondo. Anche in questo caso, le persone hanno il diritto di avere un proprio punto di vista su questi argomenti, ma tutti dovrebbero essere consapevoli del grado in cui il Cremlino cerca di armare le nostre discussioni e i nostri disaccordi interni per far avanzare le aggressioni del Cremlino stesso e proteggersi dalle conseguenze delle sue atrocità. In linea di principio, si possono condannare le politiche e le azioni degli Stati Uniti o della NATO nel passato e condannare anche l'aggressione russa, ma non nel mondo del Cremlino e non nella falsa realtà che il Cremlino cerca di imporre al nostro discorso interno.

L'attenzione del Cremlino nel degradare il processo decisionale degli Stati Uniti non è opportunistica, né nuova, né limitata all'Ucraina. La manipolazione della percezione è un elemento chiave della strategia di Putin, un modo per raggiungere obiettivi che vanno oltre i limiti del potere della Russia. Nel 2020 ISW ha valutato che il centro di gravità di Putin è sempre più la sua capacità di plasmare la percezione degli altri e di proiettare l'immagine di una Russia potente basata su un potere reale limitato.[29] Abbiamo scritto: “Il Cremlino spesso genera guadagni basati sulla percezione senza cambiare le capacità della Russia. Questi guadagni emergono dal nesso tra gli sforzi del Cremlino per manipolare le percezioni e gli intrinseci punti ciechi dell'Occidente riguardo alle intenzioni e alle capacità della Russia. Ridurre al minimo la percezione che l'Occidente ha della propria influenza sulla Russia è una componente fondamentale di questo sforzo”[30].

Il Cremlino dipende da questa strategia in Ucraina. La Russia non ha capacità militari sufficienti per raggiungere i suoi obiettivi massimalisti se la volontà di combattere dell'Ucraina persiste insieme al sostegno occidentale. Sminuire il processo decisionale degli Stati Uniti è uno dei pochi modi, forse l'unico, per ridurre il divario tra gli obiettivi e i mezzi della Russia in Ucraina.

La Russia utilizza la manipolazione della percezione per promuovere i propri interessi a livello globale. Le operazioni informative sono state una parte fondamentale del kit di strumenti del Cremlino per decenni. Dopo il 2014, tuttavia, il paradigma della sicurezza nazionale russa si è spostato pesantemente verso lo spazio dell'informazione, riconoscendo la necessità sempre più vitale di plasmare la percezione globale per promuovere gli obiettivi della Russia.[31] Il Cremlino ha lavorato per creare un ambiente che accettasse semplicemente le premesse russe. Se il mondo accetta che la Russia può fare tutto ciò che vuole all'interno della sua sfera di influenza autodichiarata, la Russia avrà bisogno di meno bastoni e carote per imporre la sua volontà ai suoi vicini. Oppure, ad esempio, se il Cremlino riuscisse a creare condizioni tali da costringere la NATO ad abbandonare i suoi principi, come l'Articolo 5 o la Politica della Porta Aperta, Putin avrebbe raggiunto il suo obiettivo di spezzare la NATO.[32]

La capacità di controllare le percezioni all'interno della Russia è stata un requisito esistenziale per Putin. Nel 2020 ISW ha scritto che il governo di Putin dipende dalla sua capacità di mantenere la percezione che un'alternativa a lui in Russia sia peggiore o troppo costosa da combattere.[33] Il Cremlino è riuscito a instillare l'inazione come istinto predefinito nella popolazione russa attraverso mezzi fisici e informativi. La sottomissione richiede tempo per essere ottenuta, ma l'autodeterrenza che genera ripaga. La sottomissione della popolazione russa è il motivo per cui Putin può permettersi di governare con un apparato di soppressione inferiore alle sue probabili esigenze di soppressione, se il suo regime dovesse mai essere messo di nuovo alla prova (con il finanziere del Gruppo Wagner Yevgeny Prigozhin che ha fornito un assaggio di tale prova durante il suo ammutinamento del giugno 2023).[34]

Qui sta il problema principale di Putin con l'Ucraina. L'Ucraina ha dimostrato la capacità di sfidare il centro di gravità di Putin – la sua capacità di plasmare la volontà e le decisioni degli altri. L'Ucraina non è immune dal controllo riflessivo del Cremlino, ma ha raggiunto la chiarezza strategica in momenti cruciali. Nel 2014, i volontari ucraini, appena equipaggiati, hanno visto oltre la copertura ibrida del Cremlino e si sono precipitati in prima linea per combattere l'aggressione russa, anche in assenza di un esercito convenzionale ucraino e della volontà occidentale di contrastare la Russia. [L'Ucraina non è stata vittima della campagna del Cremlino nel 2019 per costringere Kiev a concessioni politiche che avrebbero compromesso la sovranità dell'Ucraina.[36] L'Ucraina ha resistito all'invasione totale e non provocata della Russia nel 2022.[37] I crescenti anticorpi alle manipolazioni russe all'interno della società civile ucraina sono tra le ragioni principali per cui l'Ucraina continua a esistere come Stato. (L'istinto ucraino di correre al suono dei cannoni ogni volta che i russi invadono per “proteggere” gli ucraini da se stessi dovrebbe essere un chiaro indicatore della falsità di molte premesse del Cremlino per la sua aggressione. Il fatto che tali premesse continuino a persistere nel discorso occidentale nonostante queste evidenti contraddizioni è una testimonianza del successo delle tecniche di controllo riflessivo della Russia).

II. La nostra suscettibilità

La suscettibilità degli Stati Uniti alle manipolazioni del Cremlino non è tutta opera della Russia. È anche una conseguenza delle caratteristiche intrinseche e dei punti ciechi dell'America.

Valori. Gli Stati Uniti apprezzano la pace, la vita, gli interessi americani, la libertà di dibattito e cercano di agire in modo responsabile con il potere che esercitano. Queste sono virtù, non debolezze. Ci distinguono dalla Russia. La Russia, tuttavia, utilizza questi concetti contro di noi nel suo modo di fare la guerra, come discusso nel corso del presente documento.[38] Lo stile di vita occidentale ci impedisce anche di cogliere la portata di ciò che è la Russia. Il fatto che la Russia si sia accontentata di uccidere e ferire oltre 300.000 suoi cittadini per conquistare un Paese che non rappresentava una minaccia militare è una realtà inimmaginabile per un Paese occidentale.

Il disfattismo e l'eredità delle guerre statunitensi. Le guerre passate dell'America stanno distorcendo la comprensione americana della guerra della Russia contro l'Ucraina. La preoccupazione degli Stati Uniti per le guerre infinite è il risultato delle esperienze in Vietnam, Afghanistan e Iraq. Ma il dibattito statunitense sui rischi di una lunga ruota attorno a un profondo errore di categoria, che consiste nel discutere di questa guerra come se fossero gli Stati Uniti a combatterla.[39] Gli Stati Uniti non stanno combattendo in Ucraina e non dovrebbero discutere dei costi per gli Stati Uniti come se lo stessero facendo. L'Ucraina, un partner degli Stati Uniti, sta combattendo questa guerra contro un avversario statunitense. Non è un proxy degli Stati Uniti – l'Ucraina sta combattendo per le sue ragioni, non per le nostre. L'Ucraina non ha mai chiesto soldati americani per combattere, ma solo sostegno materiale e finanziario. Le cicatrici psicologiche dei precedenti conflitti americani non trovano spazio nelle discussioni su ciò che gli Stati Uniti dovrebbero fare nei confronti dell'Ucraina.

Incomprensione della minaccia russa. Gli Stati Uniti hanno imparato molto sulle intenzioni e sulle capacità della Russia. Tuttavia, gli Stati Uniti non hanno ancora compreso appieno la natura della minaccia russa, le fonti di potere e di debolezza della Russia e il modo di fare la guerra russo, compreso il controllo riflessivo. Questa lacuna di conoscenza si riflette nella valutazione prevalente della sicurezza nazionale degli Stati Uniti, secondo la quale, mentre la Russia rappresenta la sfida più immediata, la Cina è la minaccia più grande a lungo termine.[40] Questa può essere una valutazione valida della Cina, ma il quadro è limitante per tre motivi. In primo luogo, ignora la natura della minaccia russa agli Stati Uniti, che va oltre la potenza militare. In secondo luogo, ignora la dipendenza della minaccia russa agli Stati Uniti dall'esito della guerra russa in Ucraina: gli Stati Uniti affronteranno la più grande minaccia dalla Russia dal crollo dell'Unione Sovietica se la Russia prevarrà in Ucraina.[41] Infine, ignora la dipendenza della minaccia cinese agli Stati Uniti e del futuro della coalizione anti-USA dall'esito della guerra russa in Ucraina. Una vittoria russa in Ucraina rafforzerà gli avversari degli Stati Uniti in molti modi – il più pericoloso di tutti, forse, sarebbe che gli avversari degli Stati Uniti imparino che gli Stati Uniti possono essere manipolati per abbandonare i loro interessi in una battaglia vincibile.[42]

III. Effetti sul processo decisionale degli Stati Uniti

L'Occidente ha accettato e ragionato sulla base delle premesse del Cremlino prima del 2022. L'Occidente non ha reagito in alcun modo significativo all'occupazione militare de facto della Bielorussia nel 2020-2021, avallando la premessa di Putin secondo cui la Bielorussia si trova nella sfera d'influenza della Russia.[43] L'Europa ha avallato i colloqui di pace in Ucraina, guidati dalla Russia e a lei favorevoli, durante l'intervento militare iniziale della Russia nel 2014, accettando la falsa premessa che la Russia sia un mediatore nel conflitto, quando in realtà è stata il belligerante iniziale.[44] Questi sono due dei molti esempi.

L'invasione su larga scala dell'Ucraina da parte della Russia ha temporaneamente ripristinato la chiarezza strategica dell'Occidente, aiutando l'Ucraina a sconfiggere gli obiettivi iniziali della Russia in questa guerra. Il mondo ha avuto un momento di chiarezza nel 2022, riconoscendo le vere intenzioni e capacità della Russia – compresi i limiti della capacità russa, l'autorità dell'Ucraina e la posta in gioco a livello di civiltà di questa guerra. Questa chiarezza strategica ha informato una miriade di azioni da parte di individui e leader in Ucraina e nel mondo. Queste azioni hanno prodotto successi cruciali: hanno permesso all'Ucraina di sconfiggere la Russia nella battaglia di Kiev, che ha fatto la differenza tra la più grande guerra attuale del mondo e quella che sarebbe stata la più grande insurrezione del mondo. Inoltre, ha permesso all'Ucraina di liberare terreni e persone critiche in tutto il 2022.[45]

Da quando la Russia ha fallito la “guerra dei tre giorni”, il Cremlino ha spostato il suo sforzo principale nel plasmare le decisioni occidentali. Questo sforzo ha diversi obiettivi subordinati:

ritardare la fornitura di capacità militari all'Ucraina da parte degli Stati Uniti, rafforzando la narrativa sui pericoli derivanti dalla fornitura di materiale all'Ucraina; sfruttare gli approcci statunitensi alla gestione dell'escalation; e inserire le discussioni sui negoziati con l'Occidente sul destino dell'Ucraina nei momenti critici del dibattito occidentale.[46]Spingere l'Occidente a limitare il diritto dell'Ucraina all'autodifesa, anche colpendo obiettivi militari legittimi e necessari in Russia o limitando il modo in cui l'Ucraina può utilizzare le armi fornite dall'Occidente.[47]Impedire e ritardare le azioni dirette dell'Occidente contro la Russia, come il trasferimento dei beni russi congelati all'Ucraina o l'applicazione di sanzioni energetiche più efficaci.[48]Ritardare l'aumento delle capacità dell'Occidente e il disinvestimento dalla Russia.[49]Dissuadere potenziali operazioni di combattimento occidentali in Ucraina utilizzando il ricatto nucleare e lanciando altre minacce ambigue.[50]Degradare la capacità della NATO di resistere alla Russia sfruttando le relazioni con alcuni membri della NATO per creare dei cunei tra i membri dell'alleanza.[51]Impedire all'Occidente di sviluppare una politica a lungo termine di sostegno all'Ucraina, manipolando la percezione occidentale di ciò che costituisce una vittoria o una sconfitta in Ucraina.[52]Distrarre l'Occidente dall'aggressione russa facendo leva sui timori degli Stati Uniti per l'emergere di altri conflitti nel mondo.[53]Spingere l'Occidente a cedere a favore dell'Ucraina attraverso canali diplomatici e messaggi pubblici persistenti.[54]La Russia ha riacquistato la capacità di alterare la percezione occidentale senza alterare in modo significativo le sue capacità. Lo sfondo informativo generato dal Cremlino, fatto di paure per lo più infondate e di irrilevanza, ha plasmato le decisioni dell'Occidente, con il risultato di perdere opportunità per l'Ucraina e di avvantaggiare la Russia. L'autodeterrenza occidentale e i ritardi nelle decisioni occidentali hanno allungato la pista del Cremlino per sostenere questa guerra:

Le manipolazioni della percezione russa sono costate all'Ucraina guadagni nella sua controffensiva del 2023.[55] Le operazioni informative russo-nucleari nell'autunno del 2022 miravano a ritardare la fornitura occidentale di carri armati e altre capacità chiave all'Ucraina. [56] L'incapacità degli Stati Uniti di sfruttare in modo proattivo l'iniziativa dell'Ucraina dopo due successive operazioni controffensive di successo nell'autunno del 2022 ha contribuito a far perdere all'Ucraina l'opportunità di condurre una terza fase di operazioni controffensive nell'inverno del 2022-2023.[57] Questa tregua ha permesso alla Russia di costruire le sue difese in profondità e di condurre una mobilitazione parziale per rifornire gli uomini, rendendo la controffensiva dell'Ucraina del 2023 un'impresa straordinariamente difficile.[58]L'esitazione occidentale a fornire i sistemi a più lungo raggio all'Ucraina – e a rinunciare all'effetto strategico che tali sistemi avrebbero generato sul campo di battaglia – è stata dettata dal timore, alimentato dal Cremlino, che l'Ucraina potesse usare tali sistemi per colpire obiettivi in Russia, provocando un'escalation non meglio specificata. Non è affatto probabile che Putin utilizzi armi nucleari in Ucraina semplicemente per vendicarsi di attacchi ucraini in Russia con missili occidentali, quando non lo ha fatto in risposta a ripetuti attacchi di droni ucraini.
Anche l'autodeterrenza dell'Occidente nei confronti delle proprie azioni contro la Russia, come il rallentamento delle sanzioni contro la Russia o il trasferimento dei beni russi congelati all'Ucraina, riflette un certo timore di ritorsioni, anche se la capacità della Russia di provocare un'escalation in campo economico è molto limitata.
L'autodeterrenza occidentale non ha impedito al Cremlino di aumentare le capacità della Russia, tra cui lo sviluppo di armi antisatellite e l'acquisto di equipaggiamenti militari dalla Corea del Nord e dall'Iran, nonché l'aumento degli scambi militari tra questi Paesi.[59]


IV. Sfidare la strategia del Cremlino

Per sfuggire alla realtà alternativa generata dal Cremlino non basta eludere le operazioni informative russe. Gli Stati Uniti devono ricollegarsi ai propri interessi e alle verità di fondo di questa guerra.

I flussi e i riflussi sul campo di battaglia in Ucraina sono irrilevanti per gli interessi fondamentali degli Stati Uniti nei confronti della Russia e dell'Ucraina. La Russia mira a cancellare l'Ucraina come Stato, un risultato inaccettabile per gli interessi e i valori degli Stati Uniti. Finché persisterà la volontà di combattere dell'Ucraina, la strategia statunitense più prudente rimane quella di aiutare l'Ucraina a liberare il suo territorio e la sua popolazione come unica strada percorribile per una pace duratura. Il risultato di una singola fase o di un'operazione – come la controffensiva ucraina del 2023 – non dovrebbe influire sul calcolo fondamentale degli Stati Uniti riguardo alla guerra della Russia contro l'Ucraina.

Il futuro del potere russo e la capacità della Russia di minacciare gli Stati Uniti dipendono dalla guerra in Ucraina. L'intento del Cremlino di minare gli Stati Uniti e di spezzare la NATO non solo persiste, ma sta crescendo.[61] Il Cremlino si sta preparando per un conflitto su larga scala con la NATO.[62] La capacità della Russia di agire in base a questo intento non è scontata. La capacità della Russia di ricostituirsi, di minacciare gli Stati Uniti e la NATO, di controllare i suoi vicini, la capacità del Cremlino di manipolare la volontà e la percezione degli Stati Uniti e la forza delle coalizioni russe, comprese quelle con gli avversari degli Stati Uniti, dipendono dalla vittoria o dalla sconfitta della Russia in Ucraina.

Il costo di un fallimento in Ucraina sarebbe catastrofico. La minaccia di un'escalation nucleare continuerà ad essere la risorsa principale della manipolazione della percezione russa.[63] Dobbiamo affrontare la questione di petto. In primo luogo, ci troviamo già in uno scenario con un rischio elevato di escalation nucleare. Siamo qui non perché l'Ucraina o l'Occidente si rifiutino di trovare un accordo o una de-escalation. In realtà, entrambi si sono accordati per otto anni e hanno accettato un quadro di pace guidato dalla Russia in Ucraina. Ma Putin ha reinvestito lo stesso, portandoci in questo scenario instabile con una maggiore probabilità di utilizzo di armi nucleari. In secondo luogo, il rischio di una guerra Russia-NATO aumenta esponenzialmente se la Russia mantiene le sue conquiste in Ucraina.[64] Una Russia vittoriosa è un percorso più rapido verso una guerra Russia-NATO rispetto a un'Ucraina vittoriosa. Infine, la vittoria della Russia in Ucraina costituirebbe un argomento convincente per l'efficacia del ricatto nucleare e porterebbe alla proliferazione nucleare. ISW ha valutato in dettaglio altri costi della perdita dell'Ucraina.[65]

La vittoria russa in Ucraina significherebbe una vittoria del controllo riflessivo. Se la Russia vincerà in Ucraina, significherà che il Cremlino è riuscito a minare la volontà e la capacità dell'Occidente di ragionare a partire dalle verità e dai propri interessi. Verità e libero arbitrio sono concetti senza i quali il mondo libero non può esistere. Aiutare l'Ucraina a vincere e sconfiggere le premesse che la Russia sta cercando di imporre dovrebbe essere lo sforzo principale degli Stati Uniti e del mondo libero se vuole rimanere libero.

I vantaggi sono elevati. La vittoria dell'Ucraina rafforzerebbe la sicurezza della NATO. L'Ucraina emergerebbe come una risorsa inestimabile per gli Stati Uniti e una testimonianza dei valori alla base delle società occidentali.[66] L'Ucraina sarà in grado di condividere la sua esperienza su come condurre con successo una guerra moderna con gli alleati degli Stati Uniti. Fermare la Russia in Ucraina permetterà all'Occidente di riacquistare la sua capacità di deterrenza, soprattutto nei confronti della Russia. Un'Ucraina favorevole alla NATO, anche se non fa parte dell'alleanza, rappresenterebbe una seria sfida militare ai piani russi di attaccare gli Stati baltici o la Polonia, rafforzando la capacità della NATO di scoraggiare tali aggressioni e di evitare una futura guerra con la Russia.

L'Occidente ha un vantaggio, ma deve decidere di usarlo. L'Occidente è un gigante che – a volte – si comporta come un topo quando si tratta della Russia. L'unica cosa che deve fare è alzarsi in piedi. Ecco perché la Russia deve sviluppare compensazioni e modi per combattere in modo asimmetrico. La dinamica del potere favorisce l'Occidente – e l'Ucraina, se l'Occidente decide di mobilitarsi a favore dell'Ucraina. Mobilitarsi significherebbe aumentare la produzione militare, risparmiare le capacità militari e le risorse economiche esistenti e accettare una soglia di dolore e di rischio più alta ora per evitare costi, dolore e rischio maggiori in futuro.
Le sfide che gli Stati Uniti devono affrontare sono più facili da risolvere rispetto a quelle che la Russia deve affrontare. Il divario che l'Ucraina e i suoi partner devono colmare per aiutare l'Ucraina a vincere è minore di quello che la Russia deve colmare per raggiungere i suoi obiettivi in Ucraina. Il Cremlino ha mobilitato molte risorse, ben lontane da tutte quelle che può mobilitare, ma di ordini di grandezza superiori a quelle che l'Occidente ha mobilitato per conto dell'Ucraina. La Russia ha avuto ogni vantaggio negli ultimi dieci anni e ha occupato il 18% dell'Ucraina a un costo enorme. Putin mobiliterà più uomini e materiali, ma la capacità di intervento della Russia non è illimitata né priva di costi e vincoli.

L'Occidente non è così fragile come la Russia vuole farci credere. Putin ha cercato, senza riuscirci, di congelare l'Europa[67] e ha tentato, senza riuscirci, di spezzare la NATO (anche se avrà una possibilità concreta di farlo se la Russia vincerà in Ucraina). Ridurre al minimo la percezione che l'Occidente ha della propria forza è una componente fondamentale della manipolazione percettiva del Cremlino.

L'Occidente si sta risvegliando. Molti leader e società occidentali si sono resi conto che non si può tornare allo status quo ante, che la Russia è un avversario dichiarato e che l'Occidente ha due possibilità: contrastare la minaccia o arrendersi. I partner europei e dell'Asia-Pacifico dell'Ucraina hanno iniziato a formare coalizioni per l'approvvigionamento di armi a sostegno dell'Ucraina; i Paesi europei hanno iniziato a potenziare le loro basi industriali di difesa per rifornire le forniture della NATO e assistere l'Ucraina.[68] Il Presidente francese Emanuel Macron ha messo in guardia l'Occidente dal mostrare segni di debolezza alla Russia, mentre ventilava la prospettiva di inviare truppe occidentali in Ucraina.[69] Ma la leadership degli Stati Uniti rimane indispensabile.

Il vantaggio occidentale non è una condizione permanente. Le vite degli ucraini e il vantaggio dell'Occidente sulla Russia sono i costi dei ritardi decisionali degli Stati Uniti e dell'Occidente. L'agenzia e la volontà di combattere dell'Ucraina sono risorse di proporzioni storiche che non dovrebbero essere date per scontate. Ritardare le decisioni di mobilitazione delle risorse in Occidente eroderà questo centro di gravità. Putin ha considerato la Russia in guerra con l'Occidente per un po' di tempo e si è comportato come tale. Putin ha recentemente firmato decreti che ripristinano i distretti militari di Mosca e Leningrado, forse in preparazione di una potenziale futura guerra convenzionale su larga scala contro la NATO.[70] Il Cremlino ha intensificato l'uso di minacce retoriche contro la Finlandia e i Paesi baltici, accusando tra l'altro i Paesi baltici di intolleranza nei confronti dell'etnia russa della regione.[71] L'erosione della capacità dell'Occidente di contrastare la minaccia russa sarà proporzionale ai ritardi con cui l'Occidente si renderà conto della minaccia stessa.

V. Le prossime decisioni

Gli Stati Uniti devono ripristinare la loro chiarezza strategica e avere la giusta idea: la migliore linea d'azione per gli interessi degli Stati Uniti è sostenere l'Ucraina fino alla sua vittoria, come unica via per una pace duratura piuttosto che per una tregua temporanea, e poi aiutare l'Ucraina a ricostruire, mettendo il più grande esercito amico efficace in Europa in prima linea nella difesa della NATO.[72]

Gli Stati Uniti devono intervenire e poi persistere a sostegno di questo obiettivo. Uno sforzo sostenuto da parte degli Stati Uniti, piuttosto che un'ondata una tantum, garantirà all'Ucraina la certezza delle risorse che può aspettarsi dai partner internazionali, in modo che l'Ucraina possa pianificare le operazioni future. La decisione degli Stati Uniti di persistere dovrebbe anche derivare dal riconoscimento che la Russia è una sfida persistente che richiede uno sforzo costante. I costi della persistenza sono minori rispetto alle conseguenze catastrofiche e irreversibili di lasciare che la Russia prevalga in Ucraina.

Gli Stati Uniti e gli altri alleati ucraini devono compiere diversi passi specifici e immediati:

  1. Fornire all'Ucraina aiuti militari sufficienti e altro supporto necessario per ripristinare la manovra sul campo di battaglia[73].
  2. Sostenere gli sforzi dell'Ucraina per espandere la propria base industriale di difesa (DIB), ma anche incrementare la DIB degli Stati Uniti e degli alleati per sostenere l'Ucraina nel medio termine e rafforzare le nostre capacità di deterrenza contro la Russia e altri avversari degli Stati Uniti.
  3. Colpire la capacità della Russia di sostenere la guerra contro l'Ucraina.[74]

Negare i santuari alla Russia. La Russia non ha diritto a santuari quando cerca di cancellare una nazione. L'Occidente deve abbandonare la linea d'informazione russa secondo cui la Russia, avendo lanciato un'invasione non provocata dell'Ucraina, può chiedere l'immunità da attacchi con armi occidentali o ucraine. Gli Stati Uniti devono eliminare qualsiasi vincolo esistente nei confronti dell'Ucraina per colpire le legittime capacità militari e industriali di difesa russe in Russia. L'Occidente dovrebbe anche sviluppare una strategia a lungo termine contro le “vacche sacre russe” in Occidente, come la società statale russa per l'energia nucleare Rosatom. Rosatom è un braccio importante del Cremlino, che esegue i suoi ordini dall'Ucraina all'Artico all'Africa, in gran parte senza ostacoli a causa delle interdipendenze economiche occidentali.[75] Il disinvestimento a lungo termine da Rosatom è probabilmente fattibile, ma richiede proprio questo: che si pensi in termini di una strategia a lungo termine per negare alla Russia i suoi santuari di capacità.
Concentrarsi sulle asimmetrie. L'Ucraina ha messo a nudo numerose debolezze russe, dalla vulnerabilità della Flotta del Mar Nero alla vulnerabilità degli asset industriali della difesa russa agli attacchi ucraini con droni e missili.[76] Gli Stati Uniti dovrebbero amplificare e accelerare, non limitare, questi efficaci approcci di guerra asimmetrica che hanno un impatto anche sulle operazioni sul campo di battaglia della Russia e costringono Putin a fare scelte difficili sull'allocazione delle risorse.
Puntare sulla capacità della Russia a livello globale. Putin sta giocando a tutto campo, e anche noi dovremmo farlo, prendendo di mira le capacità della Russia dall'Africa all'Artico.
Privare il Cremlino delle sue capacità di compensazione. Gli Stati Uniti devono sfidare gli sforzi del Cremlino per alterare il nostro processo decisionale e la nostra volontà. Gli Stati Uniti devono anche negare al Cremlino il lusso di avere il tempo di riorganizzarsi sul campo di battaglia e di ricostruire le più ampie capacità militari e di manipolazione della percezione della Russia per poi usarle contro di noi.


[1] https://www.imf.org/external/datamapper/NGDPD@WEO/JPN/USA/GBR/NOR/IRN/NZ… [2] https://www.imf.org/external/datamapper/profile/RUS [3] https://www.washingtonpost.com/politics/2023/02/26/russia-ukraine-china-…https://www.understandingwar.org/sites/default/files/Jan%2016%20Russian%…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… ; https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… [4] https://www.understandingwar.org/backgrounder/target-russia%E2%80%99s-ca… https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-…https://www.understandingwar.org/sites/default/files/E40%20-%20Putin%27s… [5] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.politico.com/news/2022/05/31/biden-ukraine-rockets-russia-00…https://apnews.com/article/atacms-ukraine-longrange-missiles-5fd95f32449…https://www.defense.gov/News/News-Stories/Article/article/3277910/biden-… ; https://www.cnn.com/2022/02/03/politics/us-alleges-russian-false-flag-uk… [6] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/special-edition-campaign-a… [7] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://understandingwar.org/backgrounder/if-west-cuts-aid-ukraine-russi… [8] https://www.understandingwar.org/backgrounder/ukraine-conflict-updateshttps://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-… [9] p. 25- https://gtmarket dot ru/files/book/7307/Conflicting_Structures.pdf [10] https://understandingwar.org/backgrounder/weakness-lethal-why-putin-inva…https://www.understandingwar.org/backgrounder/fact-sheet-us-assistance-u… [11] https://www.understandingwar.org/backgrounder/kremlins-occupation-playbo…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://understandingwar.org/backgrounder/weakness-lethal-why-putin-inva… [12] https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-…https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-… https://www.understandingwar.org/backgrounder/fact-sheet-us-assistance-u… [13] https://www.washingtonpost.com/world/putin-reserves-the-right-to-use-for…https://www.aljazeera.com/news/2022/3/9/smells-of-genocide-how-putin-jus…https://www.washingtonpost.com/world/transcript-putin-says-russia-will-p… [14] https://www.understandingwar.org/backgrounder/kremlins-occupation-playbo…https://www.understandingwar.org/backgrounder/fact-sheet-kremlins-occupa…;  https://www.youtube.com/watch?v=gvAyykRvPBo [15] http://en.kremlin dot ru/events/president/news/73411 [16] https://www.understandingwar.org/backgrounder/risks-russian-ceasefire-offerhttps://www.understandingwar.org/report/russias-dead-end-diplomacy-syria [17] https://www.understandingwar.org/backgrounder/case-against-negotiations-… [18] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/reframing-us-policy-debate… ; https://www.understandingwar.org/backgrounder/case-against-negotiations-… [19] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… [20] https://www.understandingwar.org/backgrounder/kremlins-occupation-playbo… [21] https://www.understandingwar.org/backgrounder/fact-sheet-kremlins-occupa…https://www.understandingwar.org/backgrounder/west-must-help-ukraine-fre…https://www.hup.harvard.edu/books/9780674291072 ; https://hir.harvard.edu/donetsks-isolation-torture-prison/ [22] https://www.nbcnews.com/news/world/us-european-officials-broach-topic-pe…https://www.nytimes.com/2023/12/23/world/europe/putin-russia-ukraine-war… [23] https://www.understandingwar.org/backgrounder/reframing-us-policy-debate…https://apnews.com/article/germany-scholz-ukraine-taurus-missiles-parlia… [24] https://www.understandingwar.org/sites/default/files/ISW%20Report_The%20…https://understandingwar.org/backgrounder/weakness-lethal-why-putin-inva… [25]  https://www.npr.org/2020/08/18/903616315/senate-releases-final-report-on… [26] https://understandingwar.org/backgrounder/weakness-lethal-why-putin-inva… [27] https://www.understandingwar.org/sites/default/files/ISW%20CTP%20Report%… ; https://www.rbc dot ru/rbcfreenews/607561b19a794770d04b8a2c [28] https://x.com/DavidSacks/status/1764007636197101716?s=20https://x.com/elonmusk/status/1764018190277836903?s=20 [29]Offset [30] p.18 https://www.understandingwar.org/sites/default/files/Putin%27s%20Offset%… [31] P. 32 https://www.understandingwar.org/sites/default/files/Putin%27s%20Offset%…http://www.scrf dot gov.ru/security/information/DIB_engl/ [32] https://understandingwar.org/backgrounder/weakness-lethal-why-putin-inva… [33] https://www.understandingwar.org/sites/default/files/Putin%27s%20Offset%… [34] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign-ass… [35] https://www.wsj.com/articles/ukraines-volunteer-soldiers-face-unexpected… [36] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russia-review-putin-accele… [37] https://understandingwar.org/backgrounder/weakness-lethal-why-putin-inva…https://time.com/6220447/ukraines-resilience-transcends-the-battlefield/ [38] https://www.latimes.com/archives/la-xpm-1995-12-13-mn-13521-story.html; https://www.bfm dot ru/news/544820 [39] https://www.understandingwar.org/backgrounder/reframing-us-policy-debate… [40] https://www.foreignaffairs.com/united-states/cia-spycraft-and-statecraft… [41] https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-… [42] https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-… [43] https://www.understandingwar.org/backgrounder/belarus-warning-update-mos…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russia-review-belarus-upda…https://www.understandingwar.org/backgrounder/belarus-warning-update-put… [44] https://ecfr dot eu/article/ukraine-russia-and-the-minsk-agreements-a-post-mortem/ [45] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… [46] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… ; https://www.understandingwar.org/backgrounder/special-report-assessing-p…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… [47] https://www.aljazeera.com/news/2022/9/15/russia-longer-range-us-missiles… https://www.reuters.com/world/europe/putin-warns-west-russia-will-strike… ; https://www.reuters.com/world/europe/ukraine-shouldnt-use-us-arms-inside…https://www.ft.com/content/98f15b60-bc4d-4d3c-9e57-cbdde122ac0c ; https://www.theguardian.com/world/2023/oct/18/putin-calls-us-supply-of-a… [48] https://www.reuters.com/world/europe/russia-warns-western-banks-catastro…(Reuters),assets%20held%20in%20Western%20banks. [49] https://www.politico.com/news/2023/12/02/draft-pentagon-strategy-china-0…https://www.euronews.com/2024/01/18/france-to-deliver-more-caesar-artill….; https://www.politico.eu/article/arms-makers-cant-drop-exports-to-meet-uk… ; https://www.washingtonpost.com/world/2023/04/15/western-brands-russia-sa… [50]  https://lenta dot ru/news/2024/03/11/v-kremle-prokommentirovali-aktivnost-parizha-po-sozdaniyu-koalitsii/; https://www.reuters.com/world/europe/putin-warns-west-risk-nuclear-war-s… [51] https://www.cnn.com/2024/01/28/europe/orban-hungary-eu-unity-ukraine-rus….; https://www.understandingwar.org/sites/default/files/Putin%27s%20Offset%… ; https://www.reuters.com/world/europe/russias-putin-holds-talks-with-hung… [52] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-annexation-occupie…https://www.newsweek.com/fact-check-putins-russia-doesnt-fully-control-a… ; https://www.cato.org/commentary/leave-crimea-alone [53] http://en.kremlin dot ru/events/president/news/73411; https://iz dot ru/1589992/2023-10-16/v-ssha-otmetili-slabost-amerikanskoi-armii-iz-za-pomoshchi-ukraine [54] https://www.nytimes.com/2023/12/23/world/europe/putin-russia-ukraine-war…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… [55] https://www.aljazeera.com/news/2023/9/5/putin-says-again-ukraine-counter…https://time.com/6300772/ukraine-counteroffensive-can-still-succeed/https://www.understandingwar.org/sites/default/files/Oct%2016%20Russian%… [56] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… [57] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/ukraine%E2%80%99s-sustaine… [58] https://www.understandingwar.org/backgrounder/how-ukraine-counteroffensi… [59] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://mil.in dot ua/uk/news/slidchi-car-znajshly-na-rosijskij-raketi-symvoly-kndr/; https://www.wsj.com/articles/moscow-tehran-advance-plans-for-iranian-des… https://english.nv.ua/nation/zelensky-says-russia-ordered-2-400-iranian-… https://t.me/boris_rozhin/67264  [60] https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-…https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-… [61] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-… [62] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russia%E2%80%99s-military-…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… [63] https://www.understandingwar.org/sites/default/files/Putin%27s%20Offset%…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/backgrounder/special-report-assessing-p…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… [64] https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-…https://understandingwar.org/backgrounder/weakness-lethal-why-putin-inva… ; https://www.understandingwar.org/backgrounder/lands-ukraine-must-liberate [65] https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-…https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-… [66] https://time.com/6174713/ukraine-war-free-people/ [67] https://www.cnbc.com/2022/09/08/putins-threatens-to-let-europe-freeze-ra… [68] https://www.understandingwar.org/sites/default/files/2024-03-15-PDF-Russ…https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign…https://www.understandingwar.org/sites/default/files/Feb%2015%20Russian%…https://www.understandingwar.org/backgrounder/ukraine%E2%80%99s-long-ter…https://www.theguardian.com/world/video/2024/mar/21/australia-joins-dron… [69] https://apnews.com/article/france-macron-ukraine-troops-caa788d2455dafb0… [70] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… [71] https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign… [72] Supporting Ukraine to its victory and then helping it rebuild would put the largest and most combat-effective friendly military on the European continent at the forefront of the defense of NATO—whether Ukraine does or does not ultimately join the alliance. https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-… ; https://www.understandingwar.org/backgrounder/high-price-losing-ukraine-… [73] https://www.criticalthreats.org/analysis/if-the-west-cuts-aid-to-ukraine… [74] https://www.understandingwar.org/backgrounder/target-russia%E2%80%99s-ca… [75] https://www.dw.com/en/russia-nuclear-industry-eu/a-66275352

https://www.rferl.org/a/rosatom-russia-nuclear-giant-escapes-sanctions/3…

[76] https://www.understandingwar.org/backgrounder/ukrainian-strikes-have-cha…https://www.google.com/url?client=internal-element-cse&cx=00670377874532…
VIA Canale N.D.
FONTETHE INSTITUTE FOR THE STUDY OF WAR
Articolo precedentePuglia, Zullo (FdI): Emiliano ridicolo, non capisce danno immane che ha procurato alla Regione
Articolo successivoRamadan, Berrino (FdI): tutta la politica condanni su donne in recinto
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments