Lecce – Registro Alias – Anguilla e Scalzi (FdI): “No all’introduzione del Gender Fluid”

È polemica dopo l’avvenuta approvazione da parte dell’amministrazione Salvemini del “Registro Alias” nel comune di Lecce che segue quella di Milano e probabilmente vedrà altre Amministrazioni aderire nel prossimo futuro. A sollevarla è Fratelli d’Italia per bocca del Consigliere Comunale e dirigente nazionale Roberto Anguilla Giordano e della referente provinciale del Dipartimento Pari Opportunità Famiglia Valori non Negoziabili e dirigente nazionale Chiara Scalzi. Ma di preciso cosa è il registro Alias ? Di fatto rappresenta un’opportunità a disposizione di giovani e meno giovani che hanno scelto di intraprendere un percorso di cambiamento del genere sessuale e che, di conseguenza, gli autorizza ad essere chiamati come preferiscono a seconda della percezione che hanno di sé: oggi uomo, domani donna e viceversa. Le persone possono richiedere una sorta di “profilo alternativo” e temporaneo che sostituisca il nome anagrafico con quello scelto.
“Non sono ammissibili registri Alias negli uffici pubblici e nelle amministrazioni locali . Non si può permettere che una persona possa trovare sponda favorevole nella promozione della teoria gender con l’introduzione del gender fluid – dichiara Scalzi – Sarebbe, al contrario, opportuno un aiuto a risolvere le incertezze legate alle situazioni di vita o all’adolescenza.
Il registro invece istiga alla confusione sessuale togliendo, e non aggiungendo, identità e forza alle persone”.

“Non si sta fermando l’offensiva dell’ideologia gender che punta alla scissione dell’identità sessuale per favorire la teoria gender fluid e del genere percepito – dichiara Giordano Anguilla.
Per prima cosa questo procedimento contrasta con le norme giuridiche, che non prevedono di poter utilizzare ufficialmente nomi diversi da quelli certificati . Molte persone possono trovarsi in una fase delicata della loro crescita umana , psicologica e culturale, quindi avrebbero bisogno di certezze e non di fughe in avanti. Inoltre è bene specificare che il registro non ha valenza giuridica e il Governo Salvemini farebbe bene a concentrati su altri temi ben più delicati e urgenti per la nostra città, soprattutto in questo momento storico.

Anche la Senatrice Isabella Rauti vice capogruppo vicario al Senato di Fratelli d’Italia e responsabile nazionale del Dipartimento Pari Opportunità Famiglia Valori non Negoziabili del partito ha chiesto con forza che le circolari dei Ministeri dell’Istruzione , della Pubblica Amministrazione e degli Interni, impediscano alle scuole italiane , agli uffici pubblici ed alle amministrazioni locali di utilizzare gli asterischi, mentre l’On. Paola Frassinetti ha depositato un interrogazione parlamentare al Ministro dell’ Bianchi per quanto riguarda la Carriera Alias.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,908FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati