mercoledì, Settembre 23, 2020

Lega e rimborsi elettorali: è persecuzione giudiziaria?

L’affermazione più incisiva e che, probabilmente, la dice lunga, la fa il deputato e amministratore della Lega Giulio Centemero, affermando: “Siamo stupiti di venire a sapere dalle agenzie di stampa, prima che dalla Cassazione stessa, le motivazioni della sentenza con le quali si evince che dovrebbe proseguire il sequestro relativo ai famosi 48 milioni di euro di rimborsi elettorali. Forse l’efficacia dell’azione di governo della Lega dà fastidio a qualcuno, ma non è così che riusciranno a fermarci“. Davvero nella storia dei rimborsi elettorali che ha travolto la vecchia dirigenza del partito si evince una sorta di persecuzione giudiziaria nei confronti della Lega? Noi non possiamo giudicarlo, ma possiamo riassumervi i fatti e lasciare che ognuno si faccia la sua idea.

Nel luglio del 2017, il tribunale di Genova condanna per truffa ai danni dello Stato, il fondatore della Lega Nord, Umberto Bossi, e l’ex tesoriere del partito, Francesco Belsito, e altri tre dipendenti del partito stesso oltre a due imprenditori, tutti coinvolti nello scandalo dei rimborsi falsi che nel 2012 travolse il partito e la famiglia Bossi.  Per il fondatore ed ex segretario della Lega, la condanna è stata di 2 anni e 6 mesi per truffa ai danni dello Stato riconducibile a ben 56 milioni di euro ricevuti dal partito come rimborsi elettorali ma in  realtà utilizzati da Bossi e dall’allora tesoriere Belsito per spese personali, soprattutto per la famiglia del fondatore. La condanna è stata anche estesa a tre revisori contabili del partito e a due imprenditori che aiutarono Belsito ad investire il denaro. Unico dettaglio non irrilevante, è che i fatti in questione risalgono a circa 10 anni fa, e come al solito le lungaggini della giustizia italiana, non aiutano.

Ma al di là delle condanne personali, il tribunale decise anche di procedere alla confisca di 49 milioni di euro del partito, a titolo di risarcimento per i rimborsi ingiustamente riscossi nel periodo 2008-2010. Un bel problema visto che all’epoca della sentenza il bilancio della Lega (al tempo ancora Lega Nord), evidenziava liquidità per appena 165 mila euro, beni patrimoniali per 5 milioni e 671 mila euro, soprattutto sotto forma di immobili utilizzati dalle sedi di partito, mentre i debiti erano pari a 1 milione e 569 mila euro. Unica fortuna di quel momento era che la confisca, essendo in primo grado, non era immediatamente esecutiva, si poteva ancora sperare in una assoluzione di Bossi e compagnia, e quindi una soluzione che non facesse rischiare alla Lega la bancarotta.

Così non è stato. Arriviamo ad oggi, quando la Cassazione si pronuncia affinché qualsiasi somma di denaro detenuta o riconducibile alla Lega Nord, sia su conti bancari, libretti o depositi, venga sequestrata fino al raggiungimento dei 49 milioni di euro in questione. Dall’altra parte, c’è , che interpellato dai giornalisti non si fa scrupolo di affermare di non aver mai visto quel denaro, e che quei 49 milioni di euro non ci sono. “Al massimo”, dice a Pontida, “possiamo provare a fare una colletta, ma è evidente che tutto ciò che sta accadendo è un processo politico che riguarda fatti di 10 anni fa, e soldi che l’attuale dirigenza del partito non ha mai visto”.

Ma, se possibile, il vicepremier del governo Conte, ha anche un ulteriore problema, perché da come sono state messe le cose, non solo sarà provveduto a sequestrare le somme oggi a disposizione della Lega (pare che già siano stati sequestrati circa 1,4milioni di euro), ma le richieste del pm appoggiate dalla Cassazione, come riferito dall’avvocato Giovanni Ponti, “mirano anche al sequestro di eventuali somme depositande “. Una vera tragedia di questi tempi in cui i partiti si devono rivolgere al finanziamento privato, visto che quello pubblico è stato abolito.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,823FansLike
3,700FollowersFollow

Leggi anche

Gli assassini di Willy prendono il Reddito di Cittadinanza

Picchiatori, nullafacenti e con il reddito di cittadinanza. Questo il nuovo quadro che emerge in queste ore a proposito dei quattro di Artena arrestati...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Gli assassini di Willy prendono il Reddito di Cittadinanza

Picchiatori, nullafacenti e con il reddito di cittadinanza. Questo il nuovo quadro che emerge in queste ore a proposito dei quattro di Artena arrestati...

Gli assassini di Colleferro col SUV, ma il padre prende il Reddito di Cittadinanza

La storia di Willy Duarte è la storia di grandi e terribili vuoti, su tutti giganteggia il vuoto che lascia, ma sullo sfondo si...

Willy, il gestore del pub: “c’entrano le Istituzioni, c’entrano i genitori, c’entra la scuola, la storia è sempre la stessa”.

Il proprietario di un Pub di Velletri pubblica un lungo sfogo su Facebook in un cui racconta un episodio avvenuto nel suo locale con...

Orrore comunista senza fine. Scoperta nuova foiba in Slovenia.

Per decenni la drammatica storia degli Italiani dell’Istria e della Dalmazia è stata nascosta agli occhi del mondo. I giuliano-dalmati furono addirittura accolti in Patria...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x