domenica, Settembre 27, 2020

L’esperto social di Report fa le liste di proscrizione contro i sovranisti.

Una lista di proscrizione, come nei terribili anni di piombo, con tanto di nomi, cognomi, volti, ruoli e il “marchio della bestia”, quella social della Lega. È questa la nuova sparata di Alex Orlowski, analista della trasmissione report, “odiatore” già smacherato da FDI e da Giorgia Meloni, quando ha tentato di costruire un caso sui social del movimento dei patrioti e della sua leade. Tutto fumo e niente arrosto se non fosse per il veleno e l’odio appunto, trasmesso e istigato a mezzo social, come anche questa volta è accaduto ai danno dello staff della comunicazione online del partito di Salvini.

 

Infatti, ecco il tweet con cui l’esperto del Servizio Pubblico, al termine della calda giornata ferragostana, espone la lista di proscritti che compongono lo staff social della Lega, inorridito dal fatto che questi abbiano una app approvata da Facebook che li facilita nel loro lavoro di diffusione online dei contenuti politici.

Un dito puntato contro persone che non fanno altro che il proprio lavoro, solo che lo fanno da quella che secondo Orlowski è la parte sbagliata, il campo alternativo alla sinistra naturalmente e quindi, non sostenendo i dogmi della nuova verità rosso-gialla vanno esposti al pubblico come dei colpevoli. Di cosa? Il “nostro”, si fa per dire, ha anche il suggerimento pronto per la toga rossa di turno: “Art. 604 bis codice penale – Propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale etnica e religiosa”, suggerisce. Avrà anche denunciato?

E così tornano alla mente le squallide, pericolose liste stilate dagli estremisti rossi negli anni di piombo; perchè quando si indica con tanta facilità il “nemico” solo a causa delle idee che sostiene, o peggio in questo caso, per le idee del datore di lavoro, si finisce per evocare un qualcosa dal potenziale esplosivo. Si tratta di un giochetto che può sfuggire dalle mani e dagli account social tanto buonisti quanto mitomani che ci si prestano.

Qualcosa che l’Italia non vuole vivere più.

Ulderico de Laurentiis
Ulderico de Laurentiishttp://www.uldericodelaurentiis.it
Direttore Responsabile de "La Voce del Patriota". Giornalista Pubblicista, laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa con un Master in Comunicazione Multimediale. Militante della destra politica fin da giovanissimo, appassionato di Cybercultura, osservatore curioso dell'Alt-right americana, cultore di Enogastronomia. "Per aspera ad astra"
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,825FansLike
3,721FollowersFollow

Leggi anche

INPS, Meloni: Conte dovrebbe chiedere dimissioni di Tridico

Da Tridico a triplico. Quando scopri che al presidente dell'INPS Tridico, tanto caro al M5S, è stato quasi triplicato lo stipendio capisci che siamo in...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

INPS, Meloni: Conte dovrebbe chiedere dimissioni di Tridico

Da Tridico a triplico. Quando scopri che al presidente dell'INPS Tridico, tanto caro al M5S, è stato quasi triplicato lo stipendio capisci che siamo in...

Carceri, Bonafede strizza l’occhio all’Islam radicale?

Bonafede si piega all’Islam più radicale e rinnova con UCOII il protocollo d’intesa per favorire l’ingresso di imam e mediatori culturali nelle carceri per...

Legge Elettorale, Meloni: no alle liste bloccate, sì alle preferenze

"No alle liste bloccate, sì alle preferenze nella legge elettorale. Gli italiani scelgono con il voto di preferenza i deputati europei, i consiglieri comunali...

Corsi per Imam e accordo di Faro: L’Italia rinuncia a se stessa nel silenzio generale

Negli scorsi giorni, il Ministro Alfonso Bonafede ha confermato la sua volontà di avviare corsi per Imam finalizzati a dare assistenza spirituale in carcere...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x