L’inesistente bestemmia della Meloni

Quando non si sa che dire, si finiscono per dire scemenze. Soltanto che queste scemenze poi diventano “favole metropolitane” e, più trascorre il tempo, e più gente ne parla, e più finiscono per apparire quasi una verità soprattutto quando poi se ne appropriano i social. In realtà sono una vergogna per chi le organizza, e fa in modo che prosperino, e diventino quello che sono fin dall’inizio: sporche calunnie.
“La calunnia è un venticello” si canta in una romanza famosa, ma in realtà spesso è un vento impetuoso, feroce, capace di travolgere la vittima designata e di rovinarle la vita. Un esempio che recentemente ha fatto parlare di nuovo per via del festival di Sanremo e di uno sceneggiato Rai che parte proprio stasera, è la calunnia che colpì Mia Martini, bravissima cantante calabrese, sorella maggiore di Loredana Bertè, voce veramente tra le migliori mai espresse dal canto leggero italiano.
Eppure la carriera e la vita di Mia Martini furono sconvolte e distrutte da una calunnia vergognosa. Secondo i suoi detrattori, Mia portava iella. Una scemenza, certo; una castroneria che qualsiasi persona capace di intendere e volere dovrebbe respingere con fermezza e disgusto, e che però portò Mia Martini a una morte crudele e prematura.
Il caso di cui parliamo oggi, per fortuna, è meno grave di quanto accaduto alla povera cantante, ma non è il primo che si tenta di usare per gettare fango su una brillante politica italiana: Giorgia Meloni. La ieri sera si trovava in Abruzzo per festeggiare l’elezione di Marco Marsilio a governatore dell’Abruzzo. Soffocata dai microfoni, tentava di rispondere alle domande ma un giornalista tra i presenti la interrompeva. Lei, un po’irritata da tanta irruente maleducazione, se ne usciva con un “ma santa Madonna!” che immediatamente, non si sa bene ad opera di chi, diventava per i titoli di giornali “La impreca in diretta”.
Apriti cielo. La notizia viene ribattuta praticamente da tutti, e se non fosse che qualcuno ancora un po’ di coscienza la tiene, rimarrebbe per sempre “la bestemmia dì Giorgia Meloni”.
Eppure il è sotto gli occhi di tutti, e si sente bene quello che dice la Meloni. In più ci sono decine di giornalisti lì accanto, che hanno ascoltato e nulla rilevato. Ma la chiacchiera gira e malgrado le smentite che fanno ampia chiarezza, volete scommettere quanto a lungo se ne parlerà?
Noi, intanto, vi riportiamo la dichiarazione di Enrico Mentana, che per primo ha trasmesso il incriminato.
Dice Mentana: “Su molti siti anche autorevoli vedo citato un passaggio della nostra della notte scorsa sulle elezioni abruzzesi – ha scritto su Facebook il direttore del TgLa7 – in cui si sostiene che Giorgia Meloni, intervistata in collegamento da Pescara, avrebbe pronunciato una bestemmia. Ma proprio no, se l’avessi sentita sarei doverosamente intervenuto. E anche a posteriori, riascoltando la registrazione, non ne trovo traccia. La Meloni, come tutti i politici, può essere criticata per le sue scelte o dichiarazioni, e anch’io l’ho fatto quando mi sembrava giusto. Ma stavolta non c’è proprio discussione”.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,506FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati