Lo “sporco” segreto degli Stati Uniti

In un interessante articolo del Guardian, viene portata all’attenzione pubblica su un rapporto stilato da 11 Paesi da cui si evince che i di plastica degli Stati Uniti stanno arrivando in tutto il mondo, soprattutto nei paesi più poveri.
Secondo quanto ci raccontano soprattutto nei messaggi promozionali dell’ legata alle materie plastiche, tutto quello che arriva in fabbrica viene trasformato senza soluzione di continuità in qualcosa di nuovo.
Questa però non è l’esperienza di Nguyễn Thị Hồng Thắm, una sessantenne vietnamita di sette figli, che vive in mezzo a mucchi di sudicia plastica americana in una discarica alla periferia di Hanoi. Fuori dalla sua casa, il sole batte su una borsa Cheetos, indicatori di corridoio di un negozio Walmart, e un sacchetto di plastica di ShopRite, una catena di supermercati del New Jersey, con un messaggio che, ironia, invita le persone a riciclarlo. A Tham viene pagato l’equivalente di $ 6,50 al giorno per rimuovere dagli oggetti gli elementi non riciclabili e ordinare ciò che rimane: plastica traslucida in una pila, opaca in un’altra.
Un’inchiesta del Guardian ha rilevato che centinaia di migliaia di tonnellate di plastica statunitense vengono spedite ogni anno in tutto il mondo a paesi in via di sviluppo poco regolamentati per il processo di riciclaggio sporco e laborioso. Le conseguenze per la salute pubblica e l’ sono drammatiche.
Una squadra di reporter del Guardian in 11 paesi ha trovato:
• L’anno scorso, l’equivalente di 68.000 container per la spedizione del riciclaggio di plastica americano è stato esportato dagli Stati Uniti in paesi in via di sviluppo che gestiscono più del 70% dei di plastica.
• I più recenti hotspot per la gestione del riciclaggio della plastica negli Stati Uniti sono alcuni dei paesi più poveri del mondo, tra cui , Laos, e Senegal, soprattutto perché offrono manodopera a basso costo e limitate regolamentazioni ambientali.
• In alcuni luoghi, come la Turchia , un’ondata di spedizioni di stranieri sta ostacolando gli sforzi per gestire le materie plastiche generate localmente.
• Per via di alcune di queste nazioni che ora si trovano in difficoltà nello smaltimento, migliaia di tonnellate di rifiuti di plastica sono bloccate negli Stati Uniti.
Questi insuccessi nel sistema di riciclaggio stanno aggiungendo un crescente senso di rifiuto verso la plastica, un materiale meraviglioso che ha permesso di tutto dagli spazzolini da denti agli elmetti spaziali, ma che ora si trova in enormi quantità negli oceani ed è persino stata rilevata nel sistema digestivo umano. Riflettendo sulle gravi preoccupazioni che si creano per i rifiuti di plastica, il mese scorso 187 paesi hanno firmato un trattato che conferisce alle nazioni il potere di bloccare l’importazione di rifiuti di plastica contaminati o difficili da riciclare. Alcuni paesi non hanno firmato. Tra essi gli Stati Uniti.
“Le persone non sanno cosa sta succedendo alla loro spazzatura”, ha detto Andrew Spicer, che insegna responsabilità sociale delle imprese presso l’Università della Carolina del Sud e siede nel consiglio consultivo per il riciclaggio del suo stato. “Pensano che col riciclaggio stanno salvando il mondo. Ma questo è un business internazionale, e chi se ne occupa lo vede per lo più come un modo per fare soldi. Non ci sono state normative globali – solo un intricato e sporco che consente ad alcune aziende di trarre vantaggio da un mondo senza regole “.

RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,189FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x