L’OMS ammette: i lockdown hanno aumentato problemi di salute mentale

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ammesso che le stesse politiche di lockdown che ha sostenuto sono state determinanti in un drastico aumento dei problemi di salute mentale su scala globale.

In un rapporto pubblicato venerdì, l’Organizzazione mondiale della ha affermato che l’ansia e la depressione sono aumentate a livello globale di uno sbalorditivo 25% nel primo anno di blocco del coronavirus cinese, da solo. Di conseguenza, il rapporto ha stimato che oltre un miliardo di persone in tutto il mondo soffre ora di problemi di salute mentale.

“Le restrizioni imposte durante la pandemia di COVID-19, ad esempio, hanno avuto conseguenze significative sulla salute mentale per molti, tra cui stress, ansia o depressione derivanti dall’isolamento sociale, dalla disconnessione e dall’incertezza sul futuro”, ha affermato l’OMS.

L’OMS  è stata determinante come convinto sostenitore delle politiche di blocco in risposta al virus, che sono state ispirate dalla reazione draconiana di Pechino al virus di Wuhan.

Il capo marxista dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, che è salito al potere – nonostante non abbia mai lavorato come medico – con il sostegno di Pechino, è stato un sostenitore schietto e precoce dei blocchi e ha messo in guardia contro la revoca delle restrizioni troppo presto, nonostante gli avvertimenti dei critici delle implicazioni sulla salute mentale.

Il rapporto ha rilevato che gli abusi sessuali e il bullismo sui minori sono stati i principali fattori che hanno contribuito all’aumento della depressione, con i gruppi di età più giovani che sono stati particolarmente colpiti dalle politiche di lockdown.

“A livello globale c’è stato anche un maggiore cambiamento nella prevalenza tra i gruppi di età più giovani rispetto a quelli più anziani, riflettendo potenzialmente il profondo impatto della chiusura delle scuole e delle restrizioni sociali sulla salute mentale dei giovani”, afferma il rapporto dell’OMS.

“Per alcuni bambini e adolescenti, è probabile che essere costretti a stare a casa abbia aumentato il rischio di stress o abusi familiari, che sono noti fattori di rischio per problemi di salute mentale”, ha aggiunto.

I problemi di salute mentale che devono affrontare i bambini durante il blocco sono di vecchia data. Un  rapporto delle principali università britanniche del Regno Unito nel luglio dello scorso anno ha rilevato che quasi cinque volte più bambini sono morti per suicidio rispetto al virus durante il primo anno di blocco.

“Il rischio di rimozione di [bambini e giovani] dalle loro normali attività durante l’ e gli eventi sociali può rivelarsi un rischio maggiore rispetto a quello della stessa SARS-CoV-2”, ha affermato lo studio.

Altri specialisti della salute mentale hanno avvertito che i bambini hanno iniziato sempre più a sperimentare traumi di chiusura, in cui trovano difficile fare amicizia, interagire con gli altri e persino provare ansia per il gioco con altri bambini.

Dopo la pubblicazione del rapporto, l’Organizzazione Mondiale della ha chiesto un aumento dei finanziamenti per problemi di salute mentale su tutta la linea.

L’agenzia delle Nazioni Unite ha affermato che solo il 2% dei budget sanitari nazionali in media è dedicato alla salute mentale e meno dell’1% degli aiuti sanitari internazionali va a problemi di salute mentale.

L’istituzione globalista ha anche evidenziato la disparità tra le nazioni più ricche e quelle povere, riferendo che il 70% di coloro che soffrono di psicosi nei paesi ad alto reddito riceve cure, rispetto al solo 12% delle nazioni a basso reddito.

In una conferenza stampa venerdì, Mark van Ommeren dell’unità di salute mentale dell’OMS ha affermato che “la sofferenza è enorme in tutto il mondo”.

“L’interesse per la salute mentale in questo momento è ai massimi livelli. Ma l’investimento nella salute mentale non è aumentato. Questo rapporto fornisce ai paesi informazioni su come investire meglio i loro soldi per la salute mentale”, ha affermato.

Il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha affermato in una dichiarazione che “la vita di tutti tocca qualcuno con una condizione di salute mentale. L’investimento nella salute mentale è un investimento per una vita e un futuro migliori per tutti”.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,495FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati