Luca de Carlo al Bioparco di Roma: “il ministro Costa tuteli i bioparchi e gli acquari d’Italia, veri esempi di biodiversità”

A due giorni dalla Giornata Mondiale per la Biodiversità, Luca De Carlo, deputato di Fratelli d’Italia e capogruppo in Commissione Ambiente alla Camera, si è recato simbolicamente all’ingresso della ‘Fondazione Bioparco di Roma’ nel cuore di Villa Borghese, per lanciare un appello al ministro Costa a sostegno di tutti i parchi e gli acquari d’Italia.

Se la Giornata Mondiale della Biodiversità – proclamata nel 2000 dall’Onu per celebrare l’adozione della Convenzione sulla Diversità Biologica –  nasce con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di tutelare le specie animali, vegetali e il loro habitat, secondo De Carlo “le istituzioni non possono che fare la loro parte, prevedendo strumenti e risorse a sostegno delle realtà detentrici di questo fondamentale patrimonio naturale, bioparchi e acquari in primis”

La chiusura per il Covid e la necessità di un intervento dal Governo

Il Bioparco di Roma, ad esempio, è il più antico giardino zoologico d’Italia, accoglie circa 1.300 animali di 200 specie fra mammiferi, uccelli, rettili e anfibi provenienti dai 5 continenti.; trae risorse per un terzo da una convenzione con il Comune di Roma mentre per la restante parte da ingressi e donazioni. La cifra annuale per il suo mantenimento si aggira attorno agli 8 milioni di euro.

“Il periodo di chiusura dovuto al Covid – spiega De Carlo – ha portato non pochi problemi di liquidità al Bioparco per la mancata bigliettazione. Ho sentito il Presidente Petretti della Fondazione che mi ha assicurato che gli animali stanno bene e che loro continuano a curarli nel modo migliore, ma è necessario intervenire. Per questo chiedo al ministro Costa, che so essere sensibile al tema della biodiversità, di prevedere un sostegno per questo e per tutti i bioparchi ed acquari d’Italia, affinché possano proseguire la loro fondamentale missione a tutela della biodiversità”.

Sono proprio i bioparchi e gli acquari infatti le realtà detentrici della biodiversità in Italia, la quale essendo caratterizzata da flora e fauna molto diversificata consente la ricreazione di diversi habitat e le possibilità di ospitare molte specie animali.  Ma proprio per queste ‘speciali’ caratteristiche i bioparchi e gli acquari necessitano quotidianamente di manutenzione ordinaria e straordinaria degli ambienti, di cure veterinarie e  vigilanza sanitaria, oltre ovviamente al nutrimento e alla protezione degli animali.

“Dobbiamo dare una mano a chi si occupa di tutelare e diffondere la biodiversità, specialmente in un momento di difficoltà come questo, perché il loro è patrimonio mondiale e noi dobbiamo fare di tutto per lasciarlo in eredità ai nostri figli” conclude De Carlo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,138FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati