“L’Ucraina non deve cadere, perché così nessun Paese europeo potrà sentirsi al sicuro”. Intervista a Edvards Ratnieks, vicesindaco di Riga.

Álvaro Peñas intervista, in esclusiva per The European Conservative, il vicesindaco di Riga, Edvards Ratnieks. Ecco la traduzione in italiano dall'originale.

Edvards Ratnieks ha conseguito un master in legge presso l'Università della Lettonia. Prima di essere eletto al Consiglio comunale di Riga nel novembre 2022 per il partito Alleanza Nazionale/Alleanza Regionale Lettone, Ratnieks è stato presidente dell'Associazione degli studenti lettoni e presidente del Comitato consultivo pubblico del Consiglio nazionale dei media elettronici, e ha lavorato come avvocato ricoprendo vari incarichi. Negli ultimi anni ha diretto il Consiglio scientifico del Ministero dell'Agricoltura e ha lavorato come consulente del Ministro per l'istruzione e la scienza. Nel dicembre 2022 è stato eletto vicesindaco di Riga. Ratnieks è anche vicepresidente del Consiglio per lo sviluppo della regione di pianificazione di Riga e copresidente dell'Associazione della metropoli di Riga. I conservatori di Alleanza Nazionale hanno firmato un accordo di governo nel dicembre 2022 con altri due partiti, Nuova Unità (centro-destra) e Lista Unita (conservatori), e detengono quattro portafogli ministeriali: Difesa, , e . Alleanza Nazionale appartiene al gruppo dei Conservatori e Riformisti europei.

L'invasione russa ha cambiato tutto. Un politico lituano mi ha detto che nella sua capitale, Vilnius, la preoccupazione era che non ci fossero rifugi in caso di bombardamenti. Come ha colpito la Lettonia e Riga la guerra?
Il problema principale sono stati i rifugiati di guerra. Ci siamo resi conto molto presto che bisognava creare le condizioni affinché non solo si sentissero al sicuro qui, ma ricevessero anche un pacchetto iniziale di aiuti sufficiente. All'inizio, quasi il 90% dei rifugiati arrivati in Lettonia era concentrato a Riga. Questo ha messo a dura prova le capacità di Riga e il bilancio del governo locale. Ma siamo riusciti a creare un centro per i rifugiati dove potevano ricevere tutte le informazioni di cui avevano bisogno e anche seguire le procedure di ingresso e di insediamento, ricevere cibo e organizzare campagne di aiuti per l'Ucraina. Le persone erano molto unite a tutti i livelli.

Lei, come molti altri cittadini lettoni, si è arruolato nella Guardia Nazionale.
In realtà, avevo programmato di entrare nella Guardia Nazionale un po' prima, ma mi sono ammalato di Covid-19 e ho dovuto rimandare i corsi. Quando è iniziata la , ho organizzato tutto in fretta e ho dedicato il mio tempo. La cosa più difficile è collegare l'addestramento pratico, perché si svolge per diversi giorni nella foresta, simulando battaglie e condizioni militari reali. Dopo l'inizio della guerra, l'arruolamento nella Guardia Nazionale assunse un significato diverso per i lettoni: molti uomini e donne si arruolarono perché ora eravamo tutti consapevoli dei rischi su cui la società aveva cercato di chiudere gli occhi per molti anni, pensando che “non ci avrebbe riguardato”. Nelle nostre menti, il valore della libertà e del patriottismo è aumentato in modo significativo.

Per 10 anni, fino al 2019, Harmony, il partito della minoranza russa, ha governato Riga. Questo partito, ora praticamente defunto, ha lasciato un'enorme eredità di corruzione e nel 2020 il governo cittadino è stato sospeso. Ci sono ancora problemi di corruzione? Come affronta il nuovo governo cittadino questo passato?
Tendiamo a pensare che i rischi di corruzione siano stati sradicati dal Comune di Riga e dalle sue istituzioni subordinate. Oggi noi, come nuova coalizione e leadership del Comune, abbiamo cambiato le procedure e migliorato la gestione in modo che queste cose non siano possibili. La corruzione che esisteva durante la precedente amministrazione era deplorevole: non c'è dubbio che con quel denaro si sarebbero potuti realizzare molti progetti validi per i cittadini di Riga.

Il governo comunale è una coalizione di diversi partiti. Oltre a superare i problemi ereditati, quali sono i punti di accordo della coalizione?
Per noi è importante preservare la coalizione delle forze di destra. Le questioni di nazionale sono importanti. A Riga c'è una grande percentuale di persone di nazionalità russa, compresi coloro che non sostengono i nostri valori nazionali e credono ancora nella grandezza dell'Impero russo. Questa è una motivazione sufficiente per la coalizione esistente per lavorare insieme con determinazione, perché questo è l'unico modo in cui possiamo attuare questo corso nazionale a Riga e impedire che persone sleali nei confronti della Lettonia prendano il potere nella capitale. Io rappresento il partito più patriottico della Lettonia: non scendiamo a compromessi sulla lingua e sul nazionalismo. Crediamo che in Lettonia l'appartenenza a una nazionalità o a un'altra non sia importante quanto la fedeltà allo Stato lettone, alla sua storia, alla sua lingua e alla sua traiettoria nazionale.

Quali sono i suoi obiettivi come vicesindaco e quali sono le sfide di gestire una città come Riga?
Il sindaco e i vicesindaci di Riga hanno aree di responsabilità suddivise. Prima di ricoprire questa carica, mi ero già occupato di sviluppo delle infrastrutture educative, quindi una delle mie responsabilità è l'infrastruttura di scuole, asili e istituzioni culturali. Intendiamo investire in modo significativo nell'efficienza energetica delle scuole, nella creazione di nuovi impianti sportivi, in modo che lo sport di base possa svilupparsi allo stesso tempo, e nella modernizzazione delle infrastrutture scolastiche. Visito le scuole quasi ogni settimana per discutere dei problemi e delle soluzioni per migliorarli.
È anche mia responsabilità promuovere la cooperazione e il sostegno all'Ucraina. Partecipare all'invio di aiuti all'Ucraina è diventata una tradizione che mi riempie il cuore, se non ogni settimana, ogni due.
Un'altra responsabilità importante per me è il fondo comunale per gli alloggi per le giovani famiglie. Sono anche impegnato a co-presiedere l'associazione Riga Metropolis e a lavorare alla gestione della Regione di pianificazione di Riga. Vediamo un grande potenziale di crescita per la Metropoli di Riga in futuro, e Riga ha un ruolo importante da svolgere nel promuoverlo.

A gennaio lei è stato a Kiev per consegnare aiuti umanitari alla capitale ucraina: che impressione ha avuto dei suoi abitanti e del suo sindaco, Vitaliy Klitschko? Quanto sono importanti gli aiuti all'Ucraina per la Lettonia?
Il sindaco di Kiev, Vitalii Klitschko, mi ha lasciato l'impressione di una personalità molto forte, capace di resistere alle difficoltà che sta affrontando a causa della guerra. Ha una stretta di mano molto forte. L'Ucraina sta combattendo per tutta l'Europa. La vittoria dell'Ucraina in guerra è importante tanto per noi quanto per gli ucraini stessi. L'Ucraina non deve cadere, perché così nessun Paese europeo potrà sentirsi al sicuro. Come Comune, stiamo aiutando l'Ucraina con aiuti umanitari: abbiamo già inviato a Kiev venti autobus passeggeri con beni donati dalla popolazione di Riga. Inoltre, nel nostro Paese sono nati diversi movimenti e piattaforme promossi da cittadini e imprenditori, ognuno dei quali genera aiuti. Questi aiuti sono enormi: alcuni riparano auto e le inviano al fronte ucraino, altri tessono reti per i soldati, per non parlare dei vestiti e delle scarpe che vengono donati. Gli imprenditori donano fondi per trasformatori e droni o per medicinali.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x