“L’Ucraina non permette alla Russia di raggiungere la Transnistria e impedisce una minaccia militare diretta alla Moldavia”: Intervista a Dionis Cenusa

Pubblichiamo l'intervista pubblicata su The European Conservative, tradotta in italiano, a cura di Álvaro Peñas.

Dionis Cenusa è un esperto associato del CESE (Centro di studi sull'Europa orientale) e un ricercatore e dottorando presso l'Istituto di scienze politiche dell'Università Justus Lybig di Giessen (Germania). È autore di numerosi studi sull'integrazione europea, l'interazione UE-Russia, il buon governo e la sicurezza energetica nell'Europa orientale. È anche esperto associato presso il think tank moldavo Expert-Grup, dove dal 2015 coordina un progetto su Georgia, Moldavia e Ucraina.

Il Parlamento della regione separatista moldava della Transnistria ha chiesto aiuto a Mosca a causa delle “crescenti pressioni” di Chisinau. Com'è attualmente la situazione tra Moldavia e Transnistria? Questa richiesta è un pretesto per un casus belli?

La regione separatista della Moldavia sta cercando di resistere alle politiche economiche perseguite dalle autorità costituzionali di Chisinau che mirano a reintegrare il Paese. Né l'amministrazione separatista della Transnistria né il governo moldavo sono interessati a uno scontro militare tra loro. I costi sono elevati per entrambe le parti, ma ancor più per le élite politico-economiche della Transnistria che potrebbero confrontarsi con il fattore ucraino. Kiev può facilmente invocare sanzioni economiche e individuali applicate alla regione dall'UE, che è il principale mercato per i beni prodotti in Transnistria. La maggior parte delle élite separatiste ha il passaporto ucraino. Allo stesso modo, nel 2022-2023 l'Ucraina ha lasciato intendere che potrebbe intervenire militarmente se la regione separatista dovesse rappresentare una minaccia. I costi per la Moldavia si manifesteranno principalmente in ambito socio-economico, con un'alta probabilità di crisi umanitaria ed energetica, dato che la Moldavia acquista elettricità a basso costo dalla Transnistria.

La risposta della Moldavia è stata quella di ritirarsi dall'accordo che limita la presenza di truppe e armi straniere sul suo territorio. La Moldavia è candidata all'adesione all'UE, ma su quali alleati potrebbe contare in caso di conflitto?

La Moldavia non ha accordi bilaterali che prevedano una clausola di difesa reciproca, soprattutto a causa della sua neutralità costituzionale. Tuttavia, è la Russia ad aver violato questa disposizione mantenendo le sue forze di occupazione, che si aggirano tra i 500 e i 1.500 soldati, nella regione dalla metà degli anni Novanta. L'unico modo plausibile per uno Stato membro dell'UE di aiutare è partecipare alla cooperazione militare, compreso l'aiuto alla modernizzazione dell'esercito moldavo, sia in termini di equipaggiamento che di formazione dei soldati. L'investimento nel potenziale di deterrenza moldavo e l'anticipazione di un conflitto militare rappresentano lo scenario più favorevole per la Moldova, soprattutto se si considera il crescente numero di operazioni offensive della Russia nell'attuale aggressione all'Ucraina.

Accordi come quello firmato con la Francia il 7 marzo?

Sì, un accordo di cooperazione militare. Ciò che è stato pubblicato da alcuni media, secondo cui la Francia vorrebbe avere una missione militare o di altro tipo in Moldavia, è pura disinformazione.

Pensa che sia stata la mancata avanzata della Russia su Odessa a evitare un conflitto tra Moldavia e Transnistria?

Se la Russia non fosse stata in grado di raggiungere Odesa, la Moldavia avrebbe dovuto affrontare una crisi umanitaria, con la popolazione in fuga da Chisinau, che si trova molto vicina alla Transnistria. Non è chiaro se la Russia avrebbe avuto bisogno di invadere la Moldavia o di avviare un conflitto perché, di fronte alle minacce militari, le autorità moldave avrebbero potuto essere costrette a fare concessioni per evitare un costoso conflitto militare con la Russia, con conseguente possibile sconfitta e capitolazione. Pertanto, la capacità di difesa dell'Ucraina non consente alla Russia di avvicinarsi a Odesa e di raggiungere la Transnistria, costituendo una minaccia militare per la Moldavia.

In altre parole, la difesa dell'Ucraina è la garanzia della sicurezza della Moldavia.

È una delle garanzie principali.

Quindi, senza il sostegno delle truppe russe, la Transnistria non rappresenta una minaccia per la Moldavia?

Come spiegato in precedenza, le élite politico-economiche della Transnistria non hanno bisogno di un conflitto che coinvolga il fattore ucraino. La regione separatista cerca di preservare lo status quo o di migliorarlo approfittando delle pressioni occidentali sulla Moldavia affinché riveda le politiche commerciali recentemente attuate, comprese quelle che hanno portato alla circolazione di scenari relativi all'annessione della Transnistria da parte della Russia. Né la Russia né le élite transnistriane vogliono questo scenario al momento, perché significherebbe la perdita dell'influenza strategica della Russia in Moldavia e nella regione in generale.

Poco più di un anno fa, il presidente moldavo Maia Sandu ha accusato la Russia di preparare un colpo di Stato. Qual è la situazione interna? Quale sostegno ha l'opposizione filorussa?

Le autorità moldave inviano periodicamente messaggi allarmistici sull'intenzione della Russia di organizzare colpi di Stato contro l'attuale governo. Finora queste dichiarazioni non erano supportate da prove conclusive. L'intelligence ha dichiarato di aver smantellato un gruppo legato alla Russia che stava preparando azioni sovversive o di aver applicato divieti di ingresso a varie categorie di cittadini sospettati di far parte di scenari legati a colpi di Stato. D'altra parte, ci sono prove di tentativi da parte di forze politiche di coordinare la loro attività dall'esterno, investendo nello stato d'animo di protesta della società. Si tratta di uomini d'affari latitanti, condannati in contumacia (Ilan Shor, residente in Israele) o indagati per frode bancaria (Vlad Plahotniuc – presumibilmente residente in Turchia e Vlad Platon, richiedente asilo politico nel Regno Unito), che promuovono un'agenda antigovernativa in Moldavia. Dei tre, solo Ilan Shor si propone come politico filorusso. I suoi frequenti incontri con funzionari russi lo fanno sospettare di collaborare con la Russia nell'attuazione di minacce ibride legate alla disinformazione.

I rischi maggiori sono legati alla militarizzazione della povertà in Moldavia, che colpisce più di un terzo della popolazione. Questo segmento è vulnerabile alla corruzione, che Shor e il suo gruppo utilizzano massicciamente attraverso finanziamenti illegali. Il segmento povero della società può essere più facilmente coinvolto in proteste e altre manifestazioni populiste contro il governo. In ogni caso, in Moldavia ci sono diverse categorie di persone che hanno motivi giustificati per protestare (soprattutto i contadini), ma molte di queste categorie sono percepite dal partito al potere e dai servizi segreti come un prodotto della guerra ibrida russa, nonostante la mancanza di prove irrevocabili che possano supportare tali ipotesi.

Quale messaggio sta inviando Putin con il suo incontro con il capo dell'autonomia moldava gagauz – un territorio più vicino al confine rumeno che alla regione transnistriana -, Evgenia Gutsul?

La Russia sta sfruttando le divisioni in Moldavia e la mancanza di dialogo tra Chisinau e l'autonomia gagauza contribuisce a questo. Allo stesso tempo, il governo è in trappola perché se iniziasse a dialogare con la Gagauzia legittimerebbe il mandato di Evgenia Gutul, esponente di Ilan Shor. Se Chisinau mantiene le distanze ed esercita pressioni sulla Gagauzia, come avviene attualmente, attraverso l'uso di strumenti di bilancio (pagamento dell'IVA, ecc.), allora la polarizzazione e la sfiducia dei

La popolazione gagauz nei confronti delle autorità centrali aumenterà. In entrambi i casi, la Russia sta cercando di sfruttare le opzioni a disposizione del governo moldavo.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x