Made in Italy. De Carlo (FdI): tutelare produzioni nazionali e consumatori italiani

“Il 31 gennaio è terminato il periodo transitorio che permetteva l’utilizzo di etichette e imballaggi senza l’indicazione dell’origine della carne suina nei prodotti trasformati. Il grande paradosso però è che per i prodotti IGP, di Indicazione Geografica Protetta, è concessa una deroga e questo significa che nei prodotti trasformati sarà possibile non indicare l’origine della materia prima. Un’assurdità che da una parte colpisce gli allevatori italiani che rispettano degli standard qualitativi altissimi e dall’altra i consumatori completamente disorientati da una normativa che non garantisce trasparenza. È indispensabile fare chiarezza e mettere tutti in condizioni di competere ad armi pari con interventi normativi che valorizzino le produzioni locali e non solo le lavorazioni finali. Non possiamo assistere inermi all’umiliazione del settore agricolo italiano, che invece rappresenta una garanzia di qualità e di gusto che gli italiani ben comprendono, bisogna quindi trovare una sinergia comunicativa fra la domanda e l’offerta dei prodotti, fra chi produce e garantisce la provenienza nazionale dei lavorati e chi acquista, che ha diritto di conoscere con chiarezza la storia di ciò che mangia”.

È quanto dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Luca De Carlo, responsabile nazionale del Dipartimento Agricoltura e Eccellenze Italiane di FdI.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,397FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati