Maduro alla sbarra. Corte penale internazionale indaga per crimini contro l’umanità.

La Corte penale internazionale apre un’indagine formale sul Venezuela per crimini contro l’umanità.

Il procuratore della CPI, Karim Khan, ha detto mercoledì che la misura annunciata cerca di “stabilire la verità in conformità con lo Statuto di Roma”.

L’alto rappresentante della CPI ha fatto l’ultimo passo per indagare il Venezuela per i crimini contro l’umanità commessi durante le manifestazioni antigovernative del 2017 in cui sono state uccise quasi 100 persone. Questa nuova azione mette in discussione il della Procura venezuelana, che risponde ai disegni del regime chavista.

Il procuratore capo della CPI Karim Khan ha messo in guardia contro i tentativi di interferire con la sua indagine, la prima indagine del genere in America Latina, durante una conferenza stampa televisiva a conclusione della sua visita di tre giorni a Caracas, la capitale del Venezuela, mercoledì.

In piedi accanto a Khan, Maduro ha definito i recenti incontri un “passo in avanti” nelle relazioni tra il governo e il tribunale internazionale, che ha avviato un’indagine preliminare nel febbraio 2018 incentrata sulle accuse di abusi durante una brutale repressione governativa del 2017 sui dissidenti che partecipavano alle rivolte di piazza contro il presidente.

Gli investigatori delle Nazioni Unite hanno ripetutamente segnalato modelli di violazioni dei diritti nel paese autoritario che costituiscono “crimini contro l’umanità”.

Un rapporto del principale ente per i diritti umani delle Nazioni Unite lo scorso anno ha concluso che Maduro e membri della sua cerchia ristretta hanno dato ordini, attività coordinate e fornito risorse per detenzioni arbitrarie, torture, sparizioni ed esecuzioni extragiudiziali, ha riferito il Washington Post Ha raccomandato che i risultati siano esaminati dai tribunali internazionali.

La decisione della CPI di mercoledì è stata accolta con favore dai difensori dei diritti e dall’opposizione il cui leader, Juan Guaidó, ha affermato che l’apertura formale dell’indagine “rivendica il diritto di ottenere che è stato negato in Venezuela per le vittime e le loro famiglie”.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,388FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati