Manovra, Foti (FdI): da Landini approccio ideologico. Ignora misure a favore di fasce deboli

Stupiscono le accuse gratuite e pretestuose del segretario della Cgil Maurizio Landini nei confronti del presidente del Consiglio Giorgia su una presunta scarsa attenzione verso i poveri. Accuse che ignorano le misure varate con la legge di bilancio, nonostante la difficile fase, in favore delle fasce sociali più deboli. Tra queste, i 500 milioni stanziati per combattere il caro carrello per le famiglie più fragili, il taglio del cuneo fiscale del 2% per i redditi fino a 35mila, incremento del 50% dell’assegno unico per i figli nel primo anno di vita del bambino e nei primi tre anni per le famiglie che hanno 3 o più figli. Non possiamo non evidenziare, con rammarico, l’atteggiamento assunto in questi giorni da Landini, animato da un approccio ideologico che cozza con l’apertura decantata a dialogare con noi senza pregiudizi e che appare più interessato a combattere battaglie identitarie che a difendere i lavoratori. Da parte di Fratelli d’Italia abbiamo ribadito questa mattina, durante un incontro con i vertici della Cgil, insieme con il responsabile Organizzazione del partito Giovanni Donzelli, il nostro impegno ad ascoltare e valutare tutte le proposte che abbiano come obiettivo: contrasto della povertà e sostegno a lavoratori, famiglie e fasce deboli”.

Lo dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera dei deputati Tommaso Foti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Discussioni

12,116FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati