MB. Cinese: FdI, grave ingerenza, Governo convochi subito Ambasciatore

“La lettera con cui l’Ambasciata Cinese chiede di annullare la mostra a Brescia del dissidente Badiucao assume contorni inquietanti e nasconde un retropensiero da regime comunista per cui non c’è spazio per chi non è allineato al pensiero unico. Non accettiamo alcuna censura da parte dell’Ambasciata Cinese, la libertà di pensiero e di espressione sono il sale della democrazia. Bene ha fatto il Sindaco Del Bono a rispedire al mittente ogni indebita pressione. Gli italiani sanno bene che in Cina c’è una dittatura comunista che reprime la popolazione e sopprime nel sangue le proteste di chi, come ad Hong Kong, lotta per la libertà e la democrazia. Il Governo convochi immediatamente l’Ambasciatore Cinese e spieghi che in Italia l’arte è libera e tale deve restare, Pechino la smetta con le sue ingerenze economiche e culturali”. Lo dichiarano in una nota il capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione Affari Esteri alla Camera Andrea Delmastro delle Vedove e Giangiacomo Calovini, consigliere Comunale di Brescia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,378FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati