Meloni a Repubblica: no a idea d’Italia come democrazia dimezzata.

Ecco la lettera di Giorgia Meloni, pubblicata questa mattina da "La Repubblica" dove spiega perché Fratelli d'Italia rimarrà convintamente all'opposizione di questo Governo.

Caro Direttore,
in molti hanno fatto dell’europeismo lo spartiacque su cui il nuovo è nato, ma in realtà si sarebbe dovuto parlare dell’adesione di una certa visione di Europa.
Lo stesso , nel suo intervento programmatico, ha ben chiarito la sua prospettiva: quella di una sempre maggiore cessione di sovranità dagli Stati nazionali all’.
Ecco, noi abbiamo una visione diversa e non per questo siamo nemici dell’Europa. Anzi. La famiglia dei europei, che ho l’onore di presiedere, vorrebbe un’Europa migliore, capace di concentrare i propri sforzi su alcune materie importanti sulle quali può offrire davvero un valore aggiunto, anziché chiedere sempre più poteri senza spesso sapere nemmeno esercitarli. Prendiamo come ultimo esempio il contrasto alla : ha senso che l’onnipresente non abbia una strategia unica neppure in tema sanitario o di ? E così via, dalla estera alla difesa passando per la ricerca.
Del resto, e qui sta il punto politico, la visione confederale dell’Europa a cui ci ispiriamo ha sempre avuto piena cittadinanza nel dibattito europeo: dai padri fondatori che costruirono l’Europa sul motto “uniti nelle diversità” fino all’Europa delle Patrie di De Gaulle. Soltanto negli ultimi anni la narrazione mainstream ha costruito l’equazione tra europeismo e super-Stato . Un’equazione che noi respingiamo nel nome di quella che Roger Scruton, gigante del pensiero conservatore scomparso un anno fa, definiva la “vera Europa”.
L’europeismo rischia quindi di diventare una foglia di fico dietro la quale coprire un’operazione, quella del , costituzionalmente legittima ma politicamente senza eguali in Europa e forse nel mondo democratico.
Già, perché nessun altro Stato europeo è guidato da un Presidente del Consiglio che non abbia ottenuto, direttamente o indirettamente, un mandato nel corso delle elezioni politiche. Modello confederale e legittimità popolare, sono due prerogative dei movimenti , per questo tra i 44 partiti che aderiscono ai europei, non ce n’è uno che stia al con le sinistre federaliste e globaliste. Un a guida tecnica nato nelle dinamiche di palazzo è un’anomalia soltanto italiana – lo ha sottolineato qualche giorno fa persino l’Economist – perché normalmente, nelle democrazie, il ricorso alle urne viene considerato il momento più alto e non una tentazione golpista. E perché, come ha ben spiegato Massimo Cacciari, se nei momenti di difficoltà la non trova la forza per assumersi le proprie responsabilità, i cittadini finiranno per pensare che se ne possa fare a meno. Così come è incomprensibile la tesi secondo la quale la scelta di Fratelli d’Italia di garantire una opposizione sarebbe irresponsabile e contraria all’interesse della . E’ semmai il contrario, atteso che senza opposizione non può esistere democrazia.
Dal nostro punto di vista, quindi, non si tratta né di essere pro o contro – personalità certamente rispettabile – e nemmeno di essere pro o contro l’Europa, sulla cui costruzione futura è legittimo avere opinioni differenti. Si tratta, più semplicemente, di non rassegnarsi all’idea che quella italiana sia una democrazia dimezzata, nella quale il dei cittadini conta sempre meno e quando il gioco si fa duro arriva qualcuno calato dall’alto per provare a fare ciò che chi viene scelto dal popolo non saprebbe certamente fare. A questo racconto, che fa dell’Italia una arretrata e non un’avanguardia come si vuole raccontare, Fratelli d’Italia non si piegherà mai.
Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Paolo Marraffa

Come ho scritto al direttore di questa testata in un messaggio privato è assurdo parlare di democrazia dimezzata. Uno Stato o è democratico o non lo è. Ora l’influenza del regime cinese in Europa e ancora di più in Italia non ci ha di certo democratizzato ed è ovvio che ci sentiamo presi in giro

Seguici e resta aggiornato

18,357FansLike
4,191FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x