MES, Meloni a La Verità: Centrodestra voterà no compatto. Mi auguro che M5S non si piegherà ancora una volta al PD

«Il 9 dicembre, quando il Parlamento sarà chiamato a pronunciarsi sul Mes, il centrodestra voterà in maniera compatta contro questo provvedimento. Sui grandi temi di forte interesse nazionale l’opposizione di centrodestra ha sempre dato prova di grande coesione, è anche questo il motivo per cui gli italiani continuano a fidarsi di noi: se si votasse domani il centrodestra stravincerebbe le elezioni. Tradire oggi la loro fiducia sarebbe un suicidio. Ma con l’opposizione compatta contro la pessima riforma del Mes la palla passerà al Movimento 5 Stelle, che appena un anno fa si diceva pronto a fare le barricate per fermare il progetto di revisione del Fondo Salva Stati. Addirittura Di Maio tranquillizzava la sua base ricordando che spetta al Ministro degli Esteri porre la firma sulla modifica del Trattato, facendo intendere che la battaglia portata avanti dal Movimento non sarebbe stata tradita. Sembra che Gualtieri abbia agito una volta incassato l’ok di Crimi, anche se nel Movimento si chiedono dove sia stata presa questa decisione. Voglio sperare che nel M5S ci siano ancora persone oneste e di buona volontà che non vogliono vedere il loro nome scritto tra coloro che hanno consegnato la sovranità e il risparmio degli italiani e confido che non pieghino ancora una volta al Pd».

Lo scrive in un intervento pubblicato dal quotidiano “La Verità” il presidente di Fratelli d’Italia, .

«In questi giorni, mentre tutta l’attenzione è rivolta al fantomatico “Mes sanitario” – quello che secondo alcuni ingenui regalerebbe all’Italia 37 miliardi – con un eccezionale colpo di destrezza le burocrazie europee rimettono sul tavolo il dibattito della “riforma del Mes” ormai accantonata da molti mesi – spiega il presidente di Fratelli d’Italia – L’ok dell’Eurogruppo alla riforma, con il voto favorevole del nostro ministro dell’Economia, arriva come una doccia gelata. La riforma del Mes era immotivata e irricevibile già prima della pandemia, quando il debito pubblico italiano si attestava attorno al 135%, ora che viaggia abbondantemente oltre il 160% approvare delle modifiche che rinforzano il ruolo del Mes come dispensatore di condizionalità, ne potenziano il ruolo nella valutazione della sostenibilità del debito pubblico e nella eventuale sua ristrutturazione è letteralmente folle. È inaccettabile qualsiasi tentativo – diretto o indiretto – volto a fare del Mes il fulcro nella gestione delle crisi delle Nazioni dell’Eurozona, cui questa malcelata riforma ambisce. La pandemia ci ha dimostrato che se la Bce si comporta da vera banca centrale, l’Europa può far fronte alle crisi economiche e finanziarie esattamente come fa tutto il resto del mondo. È evidente che chi comanda in Europa non si fida dell’Italia e nemmeno vuole che sia libera di crescere. Vuol prendere possesso delle leve della politica economica per adeguare il nostro sistema produttivo alle sue esigenze, condizionarne il ritmo e le modalità di sviluppo o addirittura acquisire il controllo degli asset più strategici – conclude Meloni. Un film che ormai gli italiani hanno imparato a conoscere. Soltanto una classe politica prona agli interessi di chi sfrutta l’area valutaria comune per imporre il suo dominio poteva dire di sì ad una riforma così disgraziata».

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,273FansLike
4,191FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x