Migranti, attivisti legati a Soros creano disordini al confine polacco.

Proponiamo la traduzione di un articolo di Álvaro Peñas pubblicato ieri su El Correo de Espana: Dove sono gli attivisti, c'è Soros.

La pressione migratoria della Bielorussia contro la Lettonia, la Lituania e la Polonia ha indotto il parlamento polacco a dichiarare lo stato di emergenza nella zona di confine, cioè nelle province di Podlasia e Lublino, per la prima volta dalla caduta del regime comunista. Il Sejm (parlamento polacco) ha approvato lo stato di emergenza il 2 settembre con 247 voti contro 168 e lunedì ha respinto una mozione dell’opposizione per revocarlo. Il primo ministro polacco Mateusz Moraviecki non ha esitato a incolpare i servizi statali bielorussi per questa ondata migratoria e ha denunciato che “ogni giorno al confine con la Bielorussia, vediamo centinaia di provocazioni. Solo in agosto, ci sono stati 4.000 tentativi di attraversare illegalmente il nostro confine”. Secondo lui, l’atteggiamento del governo di Lukashenko giustifica l’adozione di uno stato di emergenza e ha chiesto il sostegno dell’opposizione per affrontare la crisi.

Tuttavia, l’opposizione polacca, il cui principale rappresentante è la Piattaforma Civica (PO, il Partito Popolare Polacco), non sembra essere a favore della difesa delle frontiere nazionali. In una scena che rasenta il ridicolo, i deputati del PO Franciszek Sterczewski (fermato nell’immagine di copertina) e Klaudia Jachira sono andati al confine per aiutare e portare cibo ai sul lato bielorusso e, sotto le telecamere dei fotografi, hanno affrontato le guardie di confine sbalordite. Dopo aver ottenuto l’effetto mediatico desiderato, i popolari hanno lasciato il confine per essere sostituiti da attivisti di sinistra. Le guardie di frontiera hanno segnalato danni in diversi punti della recinzione di confine.

Uno di questi attacchi alla recinzione ha portato all’arresto di 13 persone di sinistra, dodici polacchi e un olandese. Uno degli arrestati è l’attivista Bartosz Kramek, presidente del consiglio di amministrazione della Fondazione Open Dialogue. Il 23 giugno Kramek è stato arrestato e portato in tribunale. In seguito alla richiesta del procuratore di non essere rilasciato fino al processo, cento “personalità” guidate da Lech Walesa hanno pubblicato una lettera di sostegno all’attivista sul giornale di sinistra Gaceta Wyborcza. Per quanto riguarda la Fondazione Open Dialogue, anche se il suo nome lascia poco spazio ai dubbi, l’ nega le affermazioni dei media polacchi che la collegano alla Open Society, anche se il suo presidente, Lyudmyla Kozlovska, moglie di Kramek, mantiene un’amicizia personale con George Soros.

Lyudmila Kozlovska e George Soros

Sul suo sito web dichiara che i suoi donatori privati non appartengono alla rete del magnate statunitense, ma riconosce la sua collaborazione con la Open Society a sostegno di Euromaidan in Ucraina e giudica positivamente il di Soros. Creata nel 2009 e con sede a Varsavia e Bruxelles, l’ODF difende i “diritti umani” nell’Europa dell’Est, serve come consulente per organismi sovranazionali come l’UE e l’ONU, ed è particolarmente aggressiva contro il governo polacco, che accusa di dittatura. Esattamente lo stesso “modus operandi” della rete di Soros.

Ma la “ONG” che più sta attaccando il governo polacco sulla crisi del confine bielorusso, accusando la Polonia di un trattamento disumano dei migranti, è una rete di organizzazioni di sinistra chiamata “Abolire Frontex”, un riferimento all’agenzia di frontiera dell’UE. Con una retorica simile a quella di Black Lives Matter, definendo l’Europa come l’asse del male, del colonialismo, dello sfruttamento e della schiavitù, Abolish Frontex sostiene la scomparsa delle frontiere e “documenti per tutti”. Lo stesso obiettivo dichiarato dall’attivista Kramek in una recente intervista: “Andiamo lì e abbattiamo simbolicamente le recinzioni di filo spinato. Dobbiamo protestare in modo attivo e deciso. I confini sono solo nella nostra testa.

Nella lista delle organizzazioni che fanno parte di Abolish Frontex ci sono un gran numero di organizzazioni di estrema sinistra, tra cui alcune organizzazioni italiane, e non ci è voluto molto per trovare una nota della rete di Soros, Fundacja Ocalenie (Fondazione della Salvezza). Creata negli anni ’90 per aiutare i rifugiati della guerra cecena, la fondazione ha iniziato a ricevere finanziamenti dalla Open Society nel 2006 da Piotr Bystrianin, che nel 2019 ha sponsorizzato un progetto sponsorizzato dall’UE per ospitare famiglie di rifugiati in Polonia, “Refugees Welcome Poland”. Da allora, la fondazione ha ampliato la sua portata e ha iniziato a lavorare con gruppi LGBT e pro-aborto, anch’essi finanziati da Soros. Ora, con la crisi provocata dall’arrivo dei rifugiati dalla Bielorussia, la fondazione ha lanciato una nuova campagna contro il governo polacco, denunciando la sua “mancanza di umanità” verso i migranti. È una campagna che, soprattutto, viene pubblicizzata dai media internazionali.

In passato, queste azioni si sono concluse con la condanna del governo polacco da parte delle istituzioni dell’UE, minacce di ritiro dei fondi europei e una campagna per gli attivisti dei “diritti umani” che sono stati elevati allo status di “eroi”. Lo abbiamo visto con l’aborto e lo sciopero nazionale delle donne. Questa volta, però, i lacchè di Soros ce l’hanno più duro. La Lettonia e la Lituania hanno chiuso le loro frontiere e sempre più paesi, a differenza del 2015, sostengono la posizione di Ungheria e Polonia. Viktor Orbán ha scritto lo scorso dicembre che era giunto il momento di porre fine alla corsa europea di Soros. La verità è che la fine di quel viaggio sembra ancora molto lontana, ma per la prima volta potrebbe diventare una realtà.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,932FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x