Migranti, Orbàn a UE: se ne avete bisogno prendeteveli, apriamo corridoio.

Il primo ministro ungherese lancia una provocazione a Bruxelles: "non vedono i numeri che vediamo noi al confine".

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán si è offerto di fornire un “corridoio” attraverso il suo paese per permettere ai di viaggiare verso l’Europa occidentale se i leader dell’UE vogliono una migrazione di massa, dicendo loro: “Se avete bisogno di loro, prendeteli”.

Il primo ministro ungherese ha fatto l’offerta parlando all’emittente pubblica Kossuth Radio venerdì, dicendo di essere aperto a permettere un “corridoio” in Ungheria in modo che i possano raggiungere l’Europa occidentale.

“La nostra discussione con Bruxelles non è perché loro non vedono i numeri che vediamo noi”, ha detto il primo ministro Orbán, secondo Hungary Today. “È perché pensano che sia tutto buono. Quindi pensano che la migrazione sia una buona cosa. Il capo della burocrazia di Bruxelles ha detto che è un bene se arrivano più migranti, che la migrazione è buona, che le nostre società hanno bisogno della migrazione.

“Così pensano che ciò contro cui stiamo lottando alle nostre frontiere meridionali non è una cosa cattiva, è una cosa buona, e ci vedono come sbagliati perché pensano che stiamo impedendo una cosa buona. Al che noi diciamo: sapete cosa, se vi fa bene, prendeteli. L’Ungheria è pronta ad aprire un corridoio per i per marciare fino all’Austria, alla Germania e alla Svezia”.

“Se avete bisogno di loro, prendeteli, ma l’Ungheria si rifiuta di permettere a Bruxelles di imporre la sua opinione all’Ungheria”, ha detto Orbán.

Orbán ha anche notato che l’Ungheria è stato uno dei primi paesi a costruire un muro di confine dal culmine della crisi dei nel 2015, e che ora, molti paesi, tra cui Grecia, Spagna e Polonia, hanno abbracciato la costruzione di muri di confine per arginare il flusso di immigrati illegali.

Finora quest’anno, ci sono stati 92.000 tentativi di attraversamento in Ungheria, secondo il leader ungherese, che ha detto che l’aumento è quattro volte quello dell’anno scorso.

Martedì, il primo ministro Orbán ha inviato una lettera al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, chiedendo che l’Unione europea aiuti a finanziare i costi della protezione delle frontiere.

“Una nuova crisi migratoria si sta svolgendo alle porte dell’Unione Europea”, ha detto Orbán e ha aggiunto: “Come lei sa bene, gli usi ibridi della migrazione provenienti dalla Bielorussia, così come la disastrosa evacuazione delle forze di sicurezza dall’Afghanistan possono potenzialmente portare una crisi ancora più grave di quella a cui abbiamo assistito nel 2015”.

Secondo Orbán, l’Ungheria ha speso 1,64 miliardi di euro (1,4 miliardi di sterline / 1,89 miliardi di dollari) per la protezione delle frontiere, dicendo che la recinzione ha “dimostrato negli ultimi anni che può salvaguardare la sicurezza dei cittadini dell’UE e dell’Unione europea nel suo complesso”.

Orbán non è l’unico leader dell’UE ad essere preoccupato per il potenziale di una nuova crisi dei migranti dopo la caduta dell’Afghanistan alle forze talebane in agosto.

Il ministro greco delle migrazioni Notis Mitarakis ha parlato in agosto all’indomani della presa di potere dei talebani, dicendo: “Stiamo dicendo chiaramente che non saremo e non possiamo essere la porta d’Europa per i rifugiati e i migranti che potrebbero cercare di venire nell’Unione europea”.

“Non possiamo avere milioni di persone che lasciano l’Afghanistan e vengono nell’Unione europea… e certamente non attraverso la Grecia”, ha aggiunto.

Da allora, la Grecia ha aumentato il numero di personale che presidia la frontiera terrestre con la Turchia a causa delle continue preoccupazioni legate alla crisi in Afghanistan.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,397FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati